laRegione
il dossier
20.01.22 - 17:14
Aggiornamento: 19:12

L’Ocse chiede alla Svizzera riforme sul mercato del lavoro

Ottimismo per il futuro della Confederazione e un Pil previsto in crescita del 3,5%. Tra i problemi il divario salariale tra uomini e donne

Ats, a cura de laRegione
l-ocse-chiede-alla-svizzera-riforme-sul-mercato-del-lavoro
Il segretario generale dell’Ocse Mathias Cormann con Guy Parmelin (Keystone)

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) è ottimista riguardo all’evoluzione dell’economia svizzera, giudicando che il Paese ha superato piuttosto bene la pandemia di Covid-19. Sussistono comunque rischi nei settori finanziario e immobiliare. La Confederazione potrebbe inoltre sfruttare meglio il potenziale di forza lavoro.

Nel suo ultimo studio economico dedicato alla Svizzera, l’organizzazione parigina ha nettamente rivisto al rialzo le sue previsioni di crescita per la Svizzera: ormai pronostica un aumento del prodotto interno lordo (Pil) del 3,5% per l’anno appena concluso, a fronte del +2,9% anticipato nelle sue stime di dicembre. Nel 2020 il Pil si era contratto del 2,6% sulla scia del coronavirus. L’Ocse ha per contro lasciato invariate le proiezioni per il 2022 (+3,0%) e abbassato quelle per il 2023 (+1,8% invece di +2,1%).

Buona reazione alla pandemia

“L’economia svizzera si è dimostrata molto resiliente durante la pandemia”, ha affermato il direttore generale dell’Ocse Mathias Cormann durante una conferenza stampa. A suo dire nel primo semestre 2021 il PIL elvetico è già tornato ai livelli pre-crisi. Ma migliorare il tasso di vaccinazione della popolazione “resta una grande priorità in modo da assicurare una ripresa solida”, ha avvertito l’australiano.


Il mercato del lavoro è nevralgico (Keystone)

Anche l’inflazione dovrebbe restare contenuta: dopo una progressione dello 0,6% nel 2021 il rincaro dovrebbe attestarsi all’1,1% quest’anno prima di scendere allo 0,8% il prossimo.

Da parte sua il ministro dell’economia Guy Parmelin ha sottolineato che le misure adottate dalla Svizzera, soprattutto per quel che riguarda le indennità per lavoro ridotto, hanno comportato “un rallentamento economico meno marcato rispetto ad altri Paesi membri dell’Ocse”. “Ci rallegra sentire che abbiamo preso le decisioni giuste, ma purtroppo la crisi non è ancora terminata: l’ondata attuale e la nuova variante del virus l’hanno dimostrato chiaramente”, ha affermato il consigliere federale.

Il capo del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (Defr) ha messo in rilievo che “certi settori e aziende sono stati molto più toccati dalla crisi che altri”. “Ora la sfida – ha aggiunto – consiste nel continuare a sostenere i rami fortemente colpiti e le persone vulnerabili, senza però ritardare i cambiamenti strutturali dell’economia.” Il Consiglio federale ha ad esempio elaborato un programma di rilancio per il turismo ed esteso la promozione dell’innovazione per le piccole e medie imprese.

Le aree di crisi

Rischi sussistono invece soprattutto nel settore finanziario. Per l’Ocse “il carattere appropriato del cuscinetto anticiclico di capitale e le liquidità del sistema finanziario svizzero hanno contribuito alla stabilità”, tuttavia “diversi singoli istituti rischiano di vedere i loro fondi propri esaurirsi in caso di shock negativo”. Gli esperti parigini temono che “insolvenze e correzioni di mercato potrebbero concretizzarsi (...) una volta soppressi i massicci aiuti statali, in Svizzera e all’estero”. Quanto al mercato immobiliare residenziale, gli squilibri continuano ad aumentare.


Il quartiere delle banche di Ginevra, dove si genera la maggior parte del Pil (Keystone)

L’Ocse formula anche una serie di raccomandazioni, in particolare per quanto concerne il mercato del lavoro: integrare maggiormente le donne e i lavoratori più anziani “darebbe ancora più slancio alla ripresa economica e aumenterebbe la produttività”. Nel concreto l’organizzazione consiglia alla Svizzera di adeguare l’età pensionabile ordinaria in base all’aumento dell’aspettativa di vita, di rafforzare gli incentivi fiscali all’occupazione e di migliorare l’accesso ai servizi di custodia extrafamiliare dei figli.

Tra gli altri problemi l’organizzazione menziona il divario salariale “considerevole” tra uomini e donne “che rischia di ampliarsi ulteriormente” e il maggiore rischio di disoccupazione di lunga durata per i lavoratori di 55 anni e più. Un punto importante è anche la previdenza vecchiaia: secondo l’Ocse “serve urgentemente una profonda riforma”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Traffico sulla A13 e la A28, niente ‘bacchetta magica’
Il problema del traffico turistico di aggiramento sulle due arterie grigionesi impone una strategia sovracantonale
Svizzera
3 ore
Tentata rapina a mano armata a Crans Montana
Preso di mira, poco prima delle 6, un negozio del centro. È caccia ai malviventi (due) in Vallese
Svizzera
5 ore
Cresce il numero di persone con livello d’istruzione terziario
Tra i 25-34enni nell’arco di vent’anni la quota è raddoppiata: nel 2021 uno su due aveva conseguito un diploma corrispondente
Svizzera
7 ore
All’aeroporto di Zurigo-Kloten, la ripresa pare confermata
In settembre i movimenti sono stati 20’355, un 3% in meno rispetto ad agosto ma di quasi un terzo superiore allo stesso mese del 2021
Svizzera
7 ore
Scesi dal bus aggrediscono un uomo e gli danno fuoco
Dodici adolescenti sono stati rilasciati al termine dell’interrogatorio, avvenuto a Winterthur, mentre due si trovano in carcerazione preventiva
Svizzera
8 ore
Svizzera ‘razzista sistemica’, ma Berna respinge le accuse
Per l’ambasciatore elvetico alle Nazioni Unite le considerazioni del Gruppo sono in parte basate su ‘supposizioni’ e ‘malintesi’
Svizzera
12 ore
Malgrado le ombre, le prospettive per l’industria non peggiorano
Il comportamento del parametro rappresenta una sorpresa: gli analisti si aspettavano infatti una contrazione a valori compresi fra 54 e 55,6 punti
Svizzera
13 ore
Suicidi quasi dimezzati negli ultimi quarant’anni
La diminuzione è soprattutto evidente tra gli uomini. Il Ticino ha presentato i tassi di suicidio inferiori per tutto l’ultimo decennio
Svizzera
14 ore
Lieve ma significativo rallentamento dell’inflazione
Si tratta del primo calo dopo venti mesi consecutivi con numeri in crescita o stabili. In settembre il rincaro annuo si è attestato al 3,3%
Svizzera
1 gior
Elezioni cantonali a Zugo: Status quo per il governo cantonale
Il Consiglio di Stato rimane quindi composto da tre rappresentanti dell’Alleanza di Centro, due liberali radicali e due Udc
© Regiopress, All rights reserved