laRegione
l-ocse-chiede-alla-svizzera-riforme-sul-mercato-del-lavoro
Il segretario generale dell’Ocse Mathias Cormann con Guy Parmelin (Keystone)
il dossier
20.01.22 - 17:14
Aggiornamento : 19:12

L’Ocse chiede alla Svizzera riforme sul mercato del lavoro

Ottimismo per il futuro della Confederazione e un Pil previsto in crescita del 3,5%. Tra i problemi il divario salariale tra uomini e donne

Ats, a cura de laRegione

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) è ottimista riguardo all’evoluzione dell’economia svizzera, giudicando che il Paese ha superato piuttosto bene la pandemia di Covid-19. Sussistono comunque rischi nei settori finanziario e immobiliare. La Confederazione potrebbe inoltre sfruttare meglio il potenziale di forza lavoro.

Nel suo ultimo studio economico dedicato alla Svizzera, l’organizzazione parigina ha nettamente rivisto al rialzo le sue previsioni di crescita per la Svizzera: ormai pronostica un aumento del prodotto interno lordo (Pil) del 3,5% per l’anno appena concluso, a fronte del +2,9% anticipato nelle sue stime di dicembre. Nel 2020 il Pil si era contratto del 2,6% sulla scia del coronavirus. L’Ocse ha per contro lasciato invariate le proiezioni per il 2022 (+3,0%) e abbassato quelle per il 2023 (+1,8% invece di +2,1%).

Buona reazione alla pandemia

“L’economia svizzera si è dimostrata molto resiliente durante la pandemia”, ha affermato il direttore generale dell’Ocse Mathias Cormann durante una conferenza stampa. A suo dire nel primo semestre 2021 il PIL elvetico è già tornato ai livelli pre-crisi. Ma migliorare il tasso di vaccinazione della popolazione “resta una grande priorità in modo da assicurare una ripresa solida”, ha avvertito l’australiano.


Il mercato del lavoro è nevralgico (Keystone)

Anche l’inflazione dovrebbe restare contenuta: dopo una progressione dello 0,6% nel 2021 il rincaro dovrebbe attestarsi all’1,1% quest’anno prima di scendere allo 0,8% il prossimo.

Da parte sua il ministro dell’economia Guy Parmelin ha sottolineato che le misure adottate dalla Svizzera, soprattutto per quel che riguarda le indennità per lavoro ridotto, hanno comportato “un rallentamento economico meno marcato rispetto ad altri Paesi membri dell’Ocse”. “Ci rallegra sentire che abbiamo preso le decisioni giuste, ma purtroppo la crisi non è ancora terminata: l’ondata attuale e la nuova variante del virus l’hanno dimostrato chiaramente”, ha affermato il consigliere federale.

Il capo del Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (Defr) ha messo in rilievo che “certi settori e aziende sono stati molto più toccati dalla crisi che altri”. “Ora la sfida – ha aggiunto – consiste nel continuare a sostenere i rami fortemente colpiti e le persone vulnerabili, senza però ritardare i cambiamenti strutturali dell’economia.” Il Consiglio federale ha ad esempio elaborato un programma di rilancio per il turismo ed esteso la promozione dell’innovazione per le piccole e medie imprese.

Le aree di crisi

Rischi sussistono invece soprattutto nel settore finanziario. Per l’Ocse “il carattere appropriato del cuscinetto anticiclico di capitale e le liquidità del sistema finanziario svizzero hanno contribuito alla stabilità”, tuttavia “diversi singoli istituti rischiano di vedere i loro fondi propri esaurirsi in caso di shock negativo”. Gli esperti parigini temono che “insolvenze e correzioni di mercato potrebbero concretizzarsi (...) una volta soppressi i massicci aiuti statali, in Svizzera e all’estero”. Quanto al mercato immobiliare residenziale, gli squilibri continuano ad aumentare.


Il quartiere delle banche di Ginevra, dove si genera la maggior parte del Pil (Keystone)

L’Ocse formula anche una serie di raccomandazioni, in particolare per quanto concerne il mercato del lavoro: integrare maggiormente le donne e i lavoratori più anziani “darebbe ancora più slancio alla ripresa economica e aumenterebbe la produttività”. Nel concreto l’organizzazione consiglia alla Svizzera di adeguare l’età pensionabile ordinaria in base all’aumento dell’aspettativa di vita, di rafforzare gli incentivi fiscali all’occupazione e di migliorare l’accesso ai servizi di custodia extrafamiliare dei figli.

Tra gli altri problemi l’organizzazione menziona il divario salariale “considerevole” tra uomini e donne “che rischia di ampliarsi ulteriormente” e il maggiore rischio di disoccupazione di lunga durata per i lavoratori di 55 anni e più. Un punto importante è anche la previdenza vecchiaia: secondo l’Ocse “serve urgentemente una profonda riforma”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
divario salariale donne economia lavoro mercato ocse pil svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Fuori pericolo il superstite del dramma familiare di Montreux
Il 15enne, tutt’ora ricoverato in ospedale, non ricorda nulla della tragedia. L’ipotesi più accreditata resta quella del suicidio collettivo
Svizzera
1 ora
I prezzi della merce vanno indicati subito. E non alla cassa
La regola vale tanto per i negozi fisici quanto per quelli online: il Governo rivede la relativa ordinanza, che sarà effettiva dal 1° luglio
Svizzera
1 ora
Non piace a Berna l’idea di una tredicesima dell’Avs
‘Costosa e iniqua’. Il Consiglio federale prende ufficialmente posizione contro l’iniziativa popolare ‘Vivere meglio la pensione’.
Svizzera
1 ora
C’è ancora da lavorare sul finanziamento ospedaliero
Un rapporto sul tema indica che malgrado i diversi passi avanti fatti in passato, c’è ancora un buon margine di miglioramento
Svizzera
1 ora
In autunno si voterà per Avs, allevamento e imposta preventiva
Quattro gli oggetti su cui la popolazione sarà chiamata a esprimersi il 25 settembre. Due concernenti la previdenza per la vecchiaia
Svizzera
2 ore
Berna fissa nuove basi legali per il voto elettronico
Saranno effettive dal 1° luglio. A partire da quella data i Cantoni potranno nuovamente chiedere l’autorizzazione per proporre l’e-voting
Svizzera
2 ore
Più difficile produrre esplosivi artigianali in Svizzera
Berna limita l’accesso alle sostanze chimiche potenzialmente pericolose. Le nuove ordinanze entreranno in vigore dal prossimo anno
Svizzera
3 ore
I socialisti spingono verso l’adesione all’Unione europea
Il comitato di politica europea del Ps propone di lanciare dal 2027 il processo per l’entrata della Svizzera nell’Ue
Svizzera
3 ore
Adolescente accoltella mortalmente la madre
Dramma familiare a Sierre. I fatti risalgono alla notte su lunedì; il ragazzo, un 14enne, si trova ora in detenzione preventiva
Svizzera
3 ore
Aumentano i fallimenti in Svizzera. Ma non in Ticino
Nei primi quattro mesi dell’anno 1’448 aziende hanno dovuto chiudere per insolvenza (+15% rispetto al 2021), 85 a sud del Gottardo (-10%)
© Regiopress, All rights reserved