laRegione
08.06.22 - 13:08
Aggiornamento: 14:53

Economia svizzera minata da guerra e inflazione

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico rivede al ribasso le stime sulla crescita economica: dall’1,8% all’1,3%

Ats, a cura de laRegione
economia-svizzera-minata-da-guerra-e-inflazione
Keystone
Il Pil dovrebbe crescere del 2,5% anziché del 3%

In considerazione dell’impatto della guerra in Ucraina, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) rivede al ribasso le stime sulla crescita economica in Svizzera. L’organizzazione con sede a Parigi prevede ancora un aumento del prodotto interno lordo (Pil) del 2,5% nell’anno in corso, contro un più 3,0% ipotizzato in precedenza.

Anche per il 2023 l’Ocse è più cauta, nelle sue prospettive economiche di giugno pubblicate oggi: per il prossimo anno prevede un rallentamento della crescita economica all’1,3% dal precedente 1,8%.

L’aumento dei prezzi dell’energia e le difficoltà di approvvigionamento rallentano la crescita in Svizzera e spingono l’inflazione ben al di sopra dell’obiettivo di stabilità della Banca nazionale svizzera (Bns) del 2%, scrive l’Ocse. Si prevede che l’inflazione si attesterà al 2,5% quest’anno e rallenterà all’1,8% l’anno prossimo. Tuttavia, se i problemi nelle catene di approvvigionamento globali persistono più a lungo, l’inflazione potrebbe aumentare più nettamente e l’attività economica potrebbe diminuire maggiormente.

Dopo che il Pil reale nel terzo trimestre 2021 è tornato al di sopra dei livelli pre-crisi coronavirus, da allora la crescita non è continuata allo stesso ritmo, osserva l’Ocse. La guerra in Ucraina porta a un indebolimento della domanda, che frenerà la crescita delle esportazioni e degli investimenti, avvertono gli economisti. Ma il mercato interno dovrebbe resistere, poiché "i consumi saranno sostenuti dal continuo miglioramento della situazione del mercato del lavoro e dal calo dell’elevato tasso di risparmio".

La Svizzera ha solo legami economici limitati con la Russia e l’Ucraina, osserva l’Ocse. Tuttavia, l’economia ha risentito dell’indebolimento dell’economia globale e dell’aumento dell’incertezza, che ha portato a un apprezzamento del franco.

Politica monetaria adeguata

Nel complesso, l’Ocse ritiene che la politica monetaria in Svizzera sia adeguata: le aspettative di inflazione a lungo termine non sono aumentate. Inoltre, il franco svizzero è sostenuto dagli afflussi derivanti dal suo status di "porto sicuro". Tuttavia, la Bns dovrebbe "monitorare attentamente" le prospettive di inflazione e, se necessario, avviare una normalizzazione dei tassi di interesse.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
26 min
Un nuovo virus trasmesso dalle zecche anche in Svizzera
Oltre alla meningoencefalite c’è anche l’Alongshan. In fase di sviluppo un test diagnostico per individuarlo
Svizzera
1 ora
Palazzo federale, area sgomberata per oggetto sospetto
L’allarme è scattato poco prima di mezzogiorno. Chiarimenti sono in corso da parte delle forze dell’ordine
Svizzera
2 ore
Alain Berset presidente della Confederazione per il 2023
Per il socialista friborghese un’elezione non brillante: 140 voti per lui. Succederà a Ignazio Cassis
Svizzera
3 ore
Buste paga più pesanti per i dipendenti della Roche
Il ritocco al salario (del 2,3%), che diventerà effettivo dal 1° aprile, interesserà 14’200 dipendenti
Svizzera
4 ore
Abbattuto il maschio dominante del branco del Beverin
La sua uccisione risale all’8 novembre. Dieci giorni dopo il resto del branco si è messo in movimento
Svizzera
4 ore
La strada del Maloja sarà resa più sicura
Previsto un nuovo sistema di informazione. Il sistema pilota informerà gli utenti sulle possibili chiusure
Svizzera
5 ore
Disoccupazione in lieve aumento a novembre
Aumento di un decimo di punto percentuale per un tasso che, comunque, resta pur sempre a un livello molto basso (da 1,9% a 2,0%)
Svizzera
6 ore
Due poltrone per quattro: la lunga giornata di Berna
Oggi si designano i successori di Simonetta Sommaruga e Ueli Maurer in seno al Governo. Segui lo streaming dei lavori a Palazzo federale
Svizzera
18 ore
Rösti e Herzog sempre favoriti, ma i gruppi non si sbottonano
Ultime audizioni oggi dei candidati al Consiglio federale. Solo i Verdi liberali esprimono una preferenza maggioritaria per la ‘senatrice’ basilese.
consiglio degli stati
19 ore
Sicurezza stradale: ‘Aderire al registro europeo’
‘Entrare nell’Erru’, il sistema elettronico che consente lo scambio di informazioni sulle imprese di trasporto per il rispetto delle norme stradali
© Regiopress, All rights reserved