laRegione
calate-del-30-le-migrazioni-verso-i-paesi-ocse-nel-2020
Keystone
La più forte riduzione mai registrata
28.10.21 - 17:26
Aggiornamento: 18:41
Ats, a cura de laRegione

Calate del 30% le migrazioni verso i Paesi Ocse nel 2020

Da un’analisi dell’organizzazione emerge anche che la pandemia ha ‘posto fine a dieci anni di miglioramenti’ per gli immigrati sul mercato del lavoro

L’anno 2020 ha visto un crollo inedito di almeno il 30% dei flussi migratori verso i Paesi dell’Ocse, dove la pandemia ha anche “posto fine a dieci anni di miglioramenti” per gli immigrati sul mercato del lavoro: è quanto emerge dalle Prospettive sulle migrazioni internazionali, il cosiddetto ‘International Migration Outlook’, pubblicato dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico internazionale (Ocse) con sede a Parigi. Con 3,7 milioni di persone che hanno raggiunto i suoi 25 Paesi membri, l’immigrazione ha toccato lo scorso anno il livello più basso mai registrato dal 2003.

Flessione marcata dei richiedenti asilo

Tutte le categorie di migrazione permanente hanno subìto un calo, anche se la migrazione familiare ha mostrato la flessione maggiore. Pesante riduzione dei flussi migratori umanitari, in particolare verso gli Stati Uniti e il Canada, mentre quelli per lavoro e per libera mobilità sono diminuiti rispettivamente di circa il 24% e il 17%. Le migrazioni temporanee per lavoro sono scese drasticamente, in media, del 58% e i trasferimenti intra-aziendali del 53%. Il numero di richiedenti asilo è calato del 31% a 830’000 nel 2020, la flessione più marcata dalla fine della crisi nei Balcani all’inizio degli anni 90. In Italia, ad esempio, la diminuzione è stata del 39,4%, in Germania del 28% e in Svizzera del 22,5%.

In Svizzera la diminuzione è stata minore

Complessivamente la Svizzera è il Paese con la minore contrazione dell’immigrazione. Essa è diminuita meno fortemente che in altri Paesi a causa della libera circolazione delle persone, che riguarda la parte maggiore dell’immigrazione nella Confederazione, ha spiegato l’esperto dell’Ocse Thomas Liebig presentando il rapporto. Gli effetti delle misure di contenimento del coronavirus hanno così avuto minor peso.

Quanto costa realmente l’immigrazione?

Facendo la media tra i contributi versati dagli immigrati e le spese pubbliche dello Stato, l’Ocse ritiene che il “loro impatto sul bilancio” vada in pari e può anche essere positivo. “In tutti i Paesi, il contributo degli immigrati sotto forma di tasse e contributi è superiore alle spese che i Paesi consacrano alla loro protezione sociale, alla loro salute e alla loro istruzione”, scrive l’organizzazione nel rapporto. Per quanto riguarda la Svizzera, molte persone che giungono nel Paese provengono dall’Europa e in particolare dai Paesi vicini: “Questi hanno in parte qualifiche molto elevate”, ha spiegato Liebig. Il contributo fiscale netto degli immigrati è di circa il 5% superiore a quello di chi è nato nella Confederazione.

‘Serve un’azione globale a favore dell’integrazione’

L’Ocse pone anche l’accento sul fatto che il Covid “ha spazzato via gran parte dei progressi compiuti nell’integrazione dei migranti: i governi dovrebbero perseguire urgentemente un’azione globale e coordinata per evitare che la pandemia porti a una battuta d’arresto duratura nell’integrazione dei migranti, che avrebbe gravi conseguenze economiche negative e minaccerebbe la coesione sociale complessiva”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
calo migrazioni paesi ocse
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
56 min
Boris Johnson al Parlamento: il Governo va avanti nel suo lavoro
Il premier inglese, nonostante la raffica di dimissioni in seguito al caso Pincher, è deciso a restare al suo posto
Estero
1 ora
Malta, il killer di Caruana: pagato per ucciderla, solo affari
L’assassino della giornalista maltese, morta per un’autobomba nel 2017, ha spiegato il suo ruolo di sicario prezzolato in un’intervista con la Reuters
Regno Unito
2 ore
Proseguono le defezioni nel governo di Boris Johnson
Dopo le dimissioni, ieri, di due ministri senior per il caso Pincher, oggi lascia Robin Walker, viceministro per gli Standard della Scuola
Estero
3 ore
È morto il segretario generale dell’Opec Muhammad Barkindo
Il 63enne è deceduto improvvisamente. Era alla testa dell’organizzazione dal 2016
Estero
4 ore
Marmolada: proseguono le ricerche con i droni
La frana di ghiaccio aveva travolto gli alpinisti domenica. Alcuni soccorritori potrebbero tornare sul posto giovedì per l’intervento ‘vista e udito’
Estero
5 ore
Alpinista precipita per 400 metri e muore sull’Ortles
La vittima è un turista della Repubblica Ceca. L’incidente è avvenuto verso le 5.30 di questa mattina.
Estero
6 ore
Estradato Morabito: il boss dovrà scontare 30 anni
Il 56enne si trovava in Brasile. È considerato uno dei più importanti trafficanti di droga al mondo.
Estero
6 ore
Dopo gli scandali, Johnson nomina due nuovi ministri
Steve Barclay sarà capo gabinetto di Downing Street. Nadhim Zhawi avrà il ruolo di cancelliere dello Scacchiere.
Regno Unito
16 ore
Johnson travolto dagli scandali, il governo perde pezzi
Lasciano altri due ministri di peso. A far traboccare la goccia le accuse al premier di aver mentito sulle molestie attribuite all’alleato Pincher
Estero
16 ore
Sparatoria in Illinois, il bilancio delle vittime sale a 7 morti
Una persona è morta in ospedale in seguito alle ferite riportate, secondo quanto riferito dalla NBC Chicago.
© Regiopress, All rights reserved