laRegione
09.09.22 - 10:15
Aggiornamento: 18:55

Vaccino anti-Covid, da ottobre richiamo per anziani e fragili

Arriva la raccomandazione per gli over 65 e le persone con problemi di salute o immunodeficienze

vaccino-anti-covid-da-ottobre-richiamo-per-anziani-e-fragili
Keystone

La prossima ondata di Covid è da prevedersi dal mese prossimo. L’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e la Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) raccomandano pertanto un vaccino di richiamo dalla metà di ottobre, soprattutto per i gruppi a rischio. La raccomandazione riguarda in particolare le persone di oltre 65 anni, quelle di più di 16 anni con problemi di salute o una trisomia 21, nonché i giovani a partire dai dodici anni che soffrono di immunodeficienza. Il rischio di un’infezione viene così ridotto per la durata di diversi mesi, indicano oggi UFSP e CFV. Il richiamo è pure altamente consigliato per le donne incinte, a partire dalla 12esima settimana di gravidanza, o le madri che allattano. I rischi di contrarre una forma grave della malattia sono elevati in particolare per il nascituro. La vaccinazione non comporta invece rischi di complicazioni per la gravidanza e protegge pure il futuro bebè.

Per i soggetti a rischio che non si sono ancora fatti vaccinare, l’UFSP e la CFV raccomandano due iniezioni a distanza di quattro settimane l’una dall’altra. Il richiamo è inoltre raccomandato per il personale sanitario e le persone a contatto con soggetti a rischio. Ciò consente anche di evitare assenze dal lavoro. La scelta di farsi vaccinare spetta alle persone interessate, ricorda l’UFSP. L’obiettivo deve tuttavia essere quello di garantire la presa a carico dei soggetti a rischio.

Nessun richiamo per i giovani

Tutte le altre persone dai 16 ai 64 anni possono scegliere se farsi vaccinare o no. Stando all’UFSP e alla CFV, il rischio di sviluppare sintomi gravi è basso. I giovani di età compresa tra i cinque e i 15 anni non dovranno farsi vaccinare nuovamente. I sintomi sono leggeri, o persino inesistenti. Inoltre, i giovani che sono già stati infettati presentano ancora sufficienti anticorpi sedici mesi dopo la malattia. In giugno, il 90% dei ragazzi di più di cinque anni aveva anticorpi. Nessuna autorizzazione di vaccinazione è stata ancora rilasciata per i bambini sotto i cinque anni. L’UFSP e la CFV precisano che la vaccinazione non impedisce la trasmissione del virus. Per evitare al massimo i rischi di infezione occorre, come sempre, rispettare le regole di igiene e indossare la mascherina.

Coincidenza tra picco e iniezione

La protezione contro il virus dopo una vaccinazione è al suo massimo nei tre mesi che seguono l’iniezione. Idealmente, questo periodo deve quindi coincidere con il picco dell’ondata. Le esperienze di questi ultimi anni hanno mostrato che la campagna di vaccinazione deve incominciare il 10 ottobre. Gli obiettivi di questa vaccinazione rimangono quelli di proteggere le persone contro gli effetti gravi della malattia o di ridurli, nonché di proteggere il sistema sanitario contro un eventuale sovraccarico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
elezioni cantonali
1 ora
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
1 ora
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
© Regiopress, All rights reserved