laRegione
05.07.22 - 14:25
Aggiornamento: 15:06

Secondo richiamo raccomandabile, ma non prima dell’autunno

Covid, secondo booster per ora consigliato solo agli ultraottantenni e immunocompromessi. Passata l’estate, lo sarà per le persone ‘a rischio’

Ats, a cura di Red.Web
secondo-richiamo-raccomandabile-ma-non-prima-dell-autunno
Ti-Press
Non (ancora) per tutti

Un’ulteriore dose di richiamo del vaccino contro Covid-19 dovrebbe essere raccomandata a tutta la popolazione, ma non prima dell’autunno. Per il momento l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) e la Commissione federale per le vaccinazioni (Cfv) consigliano il richiamo solo agli ultraottantenni.

Data la diffusione della variante Ba.5 Omicron e l’aumento del numero di casi in Svizzera registrato dall’inizio giugno, le persone di età superiore agli 80 anni e immunocompromesse dovrebbero ricevere sin da ora un secondo richiamo, hanno dichiarato gli esperti nel corso di una conferenza stampa a Berna. Sono i soggetti più a rischio poiché in questi gruppi la protezione del vaccino contro decorsi gravi si riduce più rapidamente. L’obiettivo è ridurre il rischio di forme gravi di malattia durante i mesi estivi.

È probabile che gli over 80 che si sottopongono al richiamo ora debbano comunque ripeterlo entro la fine dell’anno, hanno aggiunto gli esperti. Per gli ultraottantenni, la seconda iniezione di richiamo è gratuita. Per gli altri, e in particolare per coloro che desiderano viaggiare quest’estate, il vaccino rimane a pagamento e costa circa 60 franchi.

Attendere l’autunno

Per tutti gli altri gruppi di persone già completamente immunizzati, l’Ufsp e la Cfv raccomandano di aspettare l’autunno per un’ulteriore dose di richiamo. Secondo il presidente della Commissione per le vaccinazioni, Christoph Berger, una quarta vaccinazione per gli adulti sani non è attualmente molto utile. Protegge a malapena dalla trasmissione e solo limitatamente dai corsi gravi.

Meglio aspettare quindi l’autunno, quando saranno a disposizione probabilmente vaccini più mirati. Alla fine di giugno, il laboratorio Moderna ha presentato a Swissmedic una domanda di autorizzazione per un vaccino bivalente contro Covid-19 adattato alla variante Omicron.

Nonostante l’aumento dei casi dovuti alle sottovarianti Omicron, il numero di ricoveri ospedalieri rimane basso, la situazione in terapia intensiva è sotto controllo e i decessi sono a un livello molto basso. Circa il 95% della popolazione è entrato in contatto con il virus, attraverso la vaccinazione o perché si è infettato. Non ci sono indicazioni che l’infezione con le sottovarianti Ba.4 e Ba.5 possa causare effetti più gravi rispetto alle varianti precedenti. L’Ufsp non si aspetta quindi un sovraccarico del sistema ospedaliero nelle prossime settimane, ha dichiarato Céline Gardiol, responsabile della sezione Controllo delle infezioni e programma di vaccinazione dell’Ufsp.

Prioritari i gruppi a rischio

La raccomandazione in autunno sarà rivolta prioritariamente alle persone "a rischio", ovvero gli over 65 anni, le persone fragili, alle donne in gravidanza e agli operatori sanitari. L’obiettivo principale sarà evitare un eventuale sovraccarico del sistema sanitario. I bambini dai 5 ai 15 anni non saranno interessati.

Impossibile al momento prevedere quando sarà emanata una raccomandazione generalizzata per il richiamo, precisa ancora l’UFSP. La decisione dipenderà da diversi fattori: la situazione epidemiologica, la disponibilità e l’efficacia di un vaccino adatto alle varianti attuali.

In caso di raccomandazione generalizzata, la vaccinazione di richiamo sarà gratuita: i costi saranno a carico della Confederazione, dei Cantoni e dell’assicurazione di base. I cantoni saranno responsabili dell’organizzazione delle vaccinazioni.

Sette milioni di dosi

L’Ufsp precisa che la Svizzera dispone attualmente di dosi sufficienti di vaccino. Le trattative con Pfizer/Biontech e Moderna sono state completate per il 2023 e sono state ordinate un totale di 7 milioni di dosi. Il Consiglio federale avrebbe voluto raddoppiare questo importo, ma il Parlamento ha deciso di ridurre gli acquisti durante il dibattito sul budget.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
12 ore
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
13 ore
Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp
Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
16 ore
Iniziativa sui ghiacciai, al popolo l’ultima parola
Le firme raccolte sono oltre il doppio di quelle necessarie: riuscito il referendum dell’Udc contro la legge per la neutralità carbonica entro il 2050
Svizzera
16 ore
Berna intende aumentare lo stoccaggio di farmaci
Nell’inventario delle scorte obbligatorie saranno inseriti anche i preparati contro il morbo di Parkinson e gli antiepilettici
Svizzera
16 ore
Questione giurassiana, Baume-Schneider può fare da mediatrice
Come i suoi predecessori in seno al Dipartimento federale di giustizia e polizia, la consigliera federale farà da giudice sul ‘caso’ Moutier
Svizzera
17 ore
Altri due casi di influenza aviaria nel Canton Zurigo
Per gli esperti federali la situazione in Europa è ‘preoccupante’. Misure estese in Svizzera fino a metà marzo
Svizzera
18 ore
Sostegno pubblico degli ospedali nel mirino
Per la presidente dell’associazione H+ Regine Sauter, i nosocomi devono essere indipendenti dallo Stato. E propone correttivi
Svizzera
19 ore
Fuoriuscita di idrocarburi nel Rodano da un impianto Syngenta
Subito messe in atto le misure di contenimento. L’azienda rassicura: nessun pericolo per la popolazione o per l’ambiente
Svizzera
21 ore
Swisscom, ecco i bilanci 2022. Anzi no: settimana prossima
Complice un errore, per alcune ore l’azienda pubblica in internet i risultati d’esercizio, non ancora approvati dal Consiglio d’amministrazione
Svizzera
21 ore
Anno record per Tavolino magico: salvate 6’000 t di derrate
Ma l’associazione avverte: ‘C’è ancora molto da fare nella lotta allo spreco alimentare’. Beneficiari in aumento in Ticino
© Regiopress, All rights reserved