laRegione
21.12.21 - 14:18

L’Ufsp raccomanda la dose di richiamo dopo 4 mesi

Dopo l’annuncio del consigliere federale Berset, è arrivata la raccomandazione ufficiale da Ufsp e Commissione federale per le vaccinazioni

Ats, a cura de laRegione
l-ufsp-raccomanda-la-dose-di-richiamo-dopo-4-mesi

Tutti a partire dai 16 anni – e in particolare le persone anziane – sono invitati a sottoporsi alla vaccinazione di richiamo già quattro mesi dopo, anziché sei, l’immunizzazione di base con le due dosi. È la nuova raccomandazione emanata oggi dalle autorità sanitarie elvetiche e pensata per combattere più efficacemente la diffusione della variante Omicron.

I dati disponibili indicano che in presenza del nuovo ceppo del coronavirus la protezione garantita dai vaccini sia ridotta. Ricevendo il booster questa però torna ad aumentare notevolmente e pertanto l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) e la Commissione federale per le vaccinazioni (Cfv) hanno deciso di adeguare la loro raccomandazione in merito.

Sinora infatti, veniva esortato a farsi iniettare il richiamo chi si era sottoposto alla seconda dose da almeno sei mesi. Questo lasso di tempo ora scende a quattro, visto che in caso di variante Omicron appunto la difesa dall’infezione e dalla malattia è “nettamente inferiore e diminuisce più rapidamente” che in caso della Delta.

La riduzione dell’intervallo, sottolinea l’Ufsp in una nota, è importante soprattutto per gli anziani, che possono così tutelarsi da decorsi gravi e ospedalizzazioni. Inoltre, può contribuire a frenare la diffusione di Omicron, mutazione altamente contagiosa.

In vista della forte propagazione attesa, alle persone con grave immunodeficienza viene raccomandata anche una vaccinazione di richiamo dopo l’immunizzazione di base con tre dosi. Chi ha ricevuto una dose di Janssen da almeno quattro mesi dovrebbe pure optare per il booster con un vaccino a mRna (a meno che quest’ultimo non sia controindicato).

La cosiddetta terza dose con i vaccini di Pfizer e Moderna è omologata da Swissmedic soltanto sei mesi dopo l’immunizzazione di base. Tuttavia, secondo la raccomandazione dell’Ufsp e della Cfv gli specialisti responsabili possono somministrare i richiami già due mesi prima di tale scadenza, viene ribadito nel comunicato.

Nel quadro del suo obbligo di diligenza, il medico deve informare il paziente dell’uso off-label (obbligo di informazione) e ottenerne il consenso. Anche con il nuovo intervallo di quattro mesi, la Confederazione dispone di vaccini sufficienti da distribuire a chiunque lo desideri, conclude l’Ufsp.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
3 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
20 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
21 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
23 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
2 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
© Regiopress, All rights reserved