laRegione
26.10.21 - 09:39
Aggiornamento: 12:25

La pandemia non ha fatto esplodere l’aiuto sociale

Le richieste sono aumentate solo dello 0,5%. A frenarle soprattutto gli aiuti stanziati da Confederazione, cantoni e comuni. Messe in luce alcune mancanze

Ats, a cura de laRegione
la-pandemia-non-ha-fatto-esplodere-l-aiuto-sociale
(Ti-Press)

Al contrario di quello che si temeva, il coronavirus non ha fatto esplodere il numero di dossier depositati all’aiuto sociale. L’anno scorso si è infatti registrato solo un leggero aumento dello 0,5%. La pandemia ha comunque portato a galla alcune mancanze del sistema, rivela uno studio.

La crisi sanitaria ha tutt’al più fermato la tendenza al ribasso osservata negli ultimi anni, indica in un comunicato odierno l’Iniziativa delle città per la politica sociale, una costola dell’Unione delle città svizzere che rappresenta gli interessi di una sessantina di centri urbani del Paese. Il massiccio incremento tanto paventato non si è però concretizzato.

Le misure messe in atto durante la crisi, come l’estensione delle indennità di disoccupazione, le misure di riduzione dell’orario di lavoro o le indennità di perdita di guadagno per i lavoratori autonomi, hanno fornito una preziosa rete di sicurezza per le persone colpite, ha detto davanti alla stampa Emilie Moeschler, municipale del PS e titolare del dicastero sport e coesione sociale a Losanna.

La percentuale di nuovi casi è passata dal 62% al 65% nel 2020. L’aumento è probabilmente legato al coronavirus, secondo Michelle Beyeler, coautrice dello studio. Losanna ha ad esempio registrato un aumento da marzo a giugno e poi un ritorno alla stabilità nella seconda metà dell’anno.

La pandemia ha mostrato come certi gruppi di popolazione sfuggano alla rete di protezione sociale. A testimoniarlo sono le lunghe file della primavera 2020 per accaparrarsi viveri gratuiti. Fra questi si trovano in particolare stranieri, che accedendo all’aiuto sociale potrebbero perdere il loro permesso di dimora o di domicilio. Il sistema va quindi adattato di conseguenza, scrivono gli autori dello studio.

Evoluzione variabile

Secondo il rapporto, il tasso di chi fa ricorso all’assistenza sociale è aumentato nel 2020 in cinque città: Zurigo, Berna, Lucerna, Sciaffusa e Coira. In altre sei città - Basilea, Losanna, Bienne (BE), Zugo, Schlieren (ZH) e Wädenswil (ZH) - il tasso è invece in calo, mentre rimane stabile a Winterthur (ZH), San Gallo e Uster (ZH).

Lo sviluppo nelle città è per lo più in linea con la tendenza degli anni precedenti, ha detto Beyeler. Su un periodo di dieci anni, gli autori trovano che il rischio di dipendere dall’assistenza sociale tende ad aumentare soprattutto in alcune città di medie dimensioni: il tasso di chi ricorre all’assistenza sociale è aumentato in modo comparativamente significativo almeno dal 2017 a Winterthur, Sciaffusa e Lucerna.

Le persone che si affidano all’assistenza sociale sono genitori single, coppie con bambini, persone senza istruzione o rifugiati. Nel 2020, il 53,5% degli adulti che ricevevano assistenza sociale nelle 14 città confrontate non avevano una formazione professionale riconosciuta. Questa quota è aumentata di 0,9 punti percentuali dal 2016.

Povertà a lungo termine

Lo studio mostra inoltre che la metà dei beneficiari dell’assistenza sociale vi fa ritorno dopo aver lasciato il sistema di aiuti. Ci sono in particolare gruppi di persone che, nonostante ricevano assistenza sociale, rimangono in povertà e vivono in una situazione precaria al limite della sussistenza.

Secondo gli autori dello studio, il sistema andrebbe adattato per affrontare meglio i tempi difficili. Le lacune della sicurezza sociale per i lavoratori indipendenti devono essere colmate. E anche gli stranieri in difficoltà devono essere aiutati. “Sarebbe controproducente inasprire ancora di più la legislazione sugli stranieri”, ha affermato in proposito Nicolas Galladé (PS), municipale di Winterthur e presidente dell’Iniziativa delle città per la politica sociale.

Il confronto degli indicatori dell’aiuto sociale, realizzato dall’Iniziativa delle città per la politica sociale e dall’Alta scuola bernese specializzata, documenta da 22 anni gli sviluppi in 14 centri svizzeri sulla base dei dati dell’Ufficio federale di statistica (UST). Le città analizzate accolgono circa un quarto dei beneficiari registrati nella Confederazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
7 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
9 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
12 ore
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
14 ore
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
Svizzera
1 gior
Il tennis in banca? ‘No e ancora no’: condanne confermate
Il Tribunale federale conferma la sanzione per i dodici attivisti che nel 2018 avevano occupato la sede losannese di una banca travestiti da Federer
Svizzera
1 gior
Mancano i medici? Governo favorevole a deroghe
Ma solo a precise condizioni e unicamente per medicina generale, pediatria, psichiatria nonché psicoterapia dell’infanzia e dell’adolescenza
© Regiopress, All rights reserved