laRegione
21.10.20 - 14:30
Aggiornamento: 18:20

Sussidi di cassa malati, paletti più stretti per i cantoni

Il Consiglio federale oppone un controprogetto indiretto all’iniziativa popolare del Ps per limitare l’onere dei premi di cassa malati

sussidi-di-cassa-malati-paletti-piu-stretti-per-i-cantoni
Keystone

Il Consiglio federale respinge l’iniziativa popolare «Al massimo il 10 per cento del reddito per i premi delle casse malati (Iniziativa per premi meno onerosi)», opponendole un controprogetto indiretto e proponendo che la parte cantonale versata per la riduzione individuale dei premi (RIP) sia vincolata ai costi sanitari lordi. Lo ha reso noto oggi il ministro della sanità Alain Berset in una conferenza stampa a Berna.

L’iniziativa chiede che i premi dell’assicurazione malattie obbligatoria non superino il 10 per cento del reddito disponibile. A tale scopo la RIP dovrebbe essere finanziata per almeno due terzi dalla Confederazione e il resto dai Cantoni.

Il Consiglio federale, si legge in una nota, riconosce che i premi dell’assicurazione malattie gravano sul bilancio delle economie domestiche. Tuttavia si oppone all’iniziativa, perché questa si concentra unicamente sul finanziamento dei sussidi, senza tenere conto del contenimento dei costi sanitari. Per migliorare il finanziamento delle riduzioni dei premi, il Consiglio federale propone un controprogetto indiretto che prevede di vincolare il contributo dei Cantoni ai loro costi sanitari.

I Cantoni sono tenuti a versare un contributo minimo

Le riduzioni dei premi sono finanziate dalla Confederazione e dai Cantoni. Questi ultimi sono tenuti dalla legge ad accordare una RIP agli assicurati di condizioni economiche modeste. Nel 2019 ne beneficiava più del 27 per cento di questi ultimi, ossia 2 milioni di persone. Nel corso degli ultimi anni, alcuni Cantoni hanno ridotto il loro contributo, creando una grande disparità tra i sussidi accordati. Nel 2010, i Cantoni contribuivano ancora per il 50 per cento alla RIP. Nel 2019 questo tasso si è ridotto al 43 per cento, mentre nello stesso periodo il premio medio dell’assicurazione malattie è aumentato in media del 3,2 per cento all’anno.

Il Consiglio federale vuole che ogni Cantone versi un contributo minimo vincolato ai suoi costi sanitari lordi. Questo contributo minimo corrisponde a una percentuale dei costi lordi cantonali calcolati addizionando i premi dell’assicurazione malattie pagati dagli assicurati del Cantone con le partecipazioni ai costi da loro versati. Se i premi pagati dagli assicurati di un Cantone rappresentano in media più del 14 per cento del loro reddito disponibile, il Cantone in questione dovrà destinare un importo equivalente al 7,5 per cento dei costi sanitari lordi per ridurre i premi degli assicurati. Nel caso in cui i premi rappresentano al massimo il 10 per cento del reddito disponibile, la percentuale minima sarà al massimo del 4 per cento. Se i premi rappresentano in media tra il 10 e il 14 per cento del reddito disponibile, l’importo da versare da parte del Cantone raggiungerà il 5 per cento dei costi sanitari lordi.

Con il controprogetto, i Cantoni con i costi sanitari più elevati e nei quali il carico dei premi che grava sulle economie domestiche è maggiore, globalmente dovranno pagare di più dei Cantoni che hanno costi più bassi. Pertanto i Cantoni saranno incentivati a limitare l’aumento dei costi sanitari. Per contro, il contributo federale rimarrebbe immutato al 7,5 per cento dei costi sanitari lordi.

Nessun incentivo a risparmiare

Il Consiglio federale, si legge sempre nella nota diramata oggi, deplora in particolare il fatto che la Confederazione si ritroverebbe a dover sussidiare la maggior parte della RIP, mentre è risaputo che i costi sanitari sono fortemente influenzati dalle decisioni cantonali. È il caso, per esempio, della pianificazione ospedaliera o delle tariffe di alcuni professionisti della salute. In questo senso, l’iniziativa non crea sufficienti incentivi al contenimento dei costi sanitari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
3 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
20 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
21 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
23 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
2 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
© Regiopress, All rights reserved