laRegione
Wawrinka S. (SUI)
0
BERRETTINI M. (ITA)
0
2 set
(5-9 : 5-2)
EURO 2020
08.07.21 - 14:39
Aggiornamento: 17:10

Raheem, Wembley e il sogno di un bambino

Sterling, attaccante della Nazionale inglese, è cresciuto nel quartiere di uno stadio del quale voleva diventare il re

raheem-wembley-e-il-sogno-di-un-bambino

Domenica, Raheem Sterling vestirà i panni di giocatore chiave dell'Inghilterra nella finale del campionato europeo contro l'Italia. Sarà in campo a Wembley, quello stadio al quale è sempre stato così vicino. Così vicino, eppure così lontano. Una foto ritrae Raheem Sterling fuori dalla sua scuola, nel quartiere londinese di Wembley, con sullo sfondo il famoso arco alto 134 metri dello stadio. Un luogo iconico che sembrava fuori dalla portata per i ragazzi del quartiere. Ma non per Raheem Sterling.

Ora, a 26 anni, è molto orgoglioso delle sue umili origini. «Vengo da Wembley», ha detto al Guardian. Il quartiere possiede un pato comunale dal quale si gode una vista diretta dell'iconico stadio. Qui Sterling giocava con gli amici, la maggior parte dei quali aveva due o tre anni in più. Ora, Sterling porta lo stadio tatuato sull’avambraccio.

Mai una pistola

Un altro tatuaggio – con un soggetto decisamente meno affascinante – fa mostra di sè sulla gamba del giocatore: un fucile d'assalto M16. L'attuale stella del Manchester City è nata in Giamaica. Quando aveva due anni, suo padre fu colpito a morte per le strade di Kingston. Su Instagram, Sterling ha spiegato il motivo per il quale si è fatto tatuare un’arma da fuoco: «Ho giurato che non avrei mai toccato una pistola in vita mia. Io sparo con il piede destro».

Un proposito che non è stato facile mantenere. Wembley, nel nord-ovest della capitale inglese, è una zona residenziale difficile. Il 92% degli alunni della Copland School, frequentata anche da Sterling, appartengono a minoranze etniche, parlano più di 50 lingue diverse e più di un terzo ha diritto a pasti scolastici gratuiti a causa del basso reddito. Sterling ha fatto parte della formazione giovanile del Queens Park Rangers prima di passare, all’età di 15 anni, nelle giovanili del Liverpool. «Aveva necessità di allontanarsi da Londra, da quel quartiere, da quell'ambiente violento, costellato da bande di strada», ha spiegato un giorno sua madre.

Nadine Clarke, la madre, in Giamaica era stata una rispettabile atleta di atletica leggera. Dopo la morte del marito, si era trasferita a Londra in cerca di lavoro, lasciando Raheem, che allora aveva appena due anni, alle cure della nonna. «Mia nonna era fantastica, ma ero geloso degli altri bambini quando li vedevo con le loro mamme. A quel tempo non riuscivo a capire cosa facesse la mia per me». Soltanto dopo tre anni di separazione, era stato possibile per Raheem raggiungere la madre nella capitale inglese.

Tutto tranne che scontato

Così, quando ha iniziato a frequentare la scuola di Wembley, il suo allenatore ha capito subito la qualità del diamante grezzo che aveva tra le mani. «Non era mai scontato – ricorda Paul Lawrence, che ha lavorato anche nei settori giovanili di Chelsea, Fulham e Queens Park –. Era eccezionale. Ho capito fin dal primo giorno che ce l'avrebbe fatta a costruirsi una carriera da professionista».

Sterling ora vive nell’assai più elegante contea di Cheshire, tra Liverpool e Manchester. Però visita regolarmente la sua vecchia scuola. In vista della semifinale di Coppa d’Inghilterra del 2019, in programma a Wembley tra Manchester City e Brighton, ha comprato 550 biglietti e li ha fatti distribuire tra alunni e insegnanti della Colpand School, in modo da permettere loro di vedere dall’interno quello stadio che tutti i giorni osservavano dall’esterno. E dopo una partita giocata con la Nazionale a a Southampton, si presentò alla sua vecchia scuola e firmò sul posto la maglietta che aveva indossato, con una dedica speciale: “per la mia scuola preferita”.

Domenica tornerà a Wembley per la più importante partita della sua vita. Con i suoi dribbling, gol e assist, è una delle ragioni principali per cui un’Inghilterra per il resto non particolarmente esaltante è riuscita a raggiungere l’atto conclusivo del torneo continentale. Eppure alcuni opinionisti non lo volevano nemmeno in squadra dopo una stagione mediocre con il Manchester City. Circa 15 anni dopo aver sognato “di essere un giorno il re di Wembley”, Sterling è a un passo dal realizzare il suo sogno d’infanzia.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
QATAR 2022
16 ore
Murat Yakin ammette: ‘Sono responsabile di quanto successo ieri’
Conferenza stampa di bilancio per la Svizzera a poche ore dall’uscita di scena dal Mondiale
Hockey
20 ore
Fischer chiama Mirco Müller, Calvin Thürkauf (e Michael Fora)
A Friborgo, per gli Swiss Ice Hockey Days, il selezionatore dei rossocrociati schiererà due bianconeri
Ciclismo
21 ore
Charly Gaul, l’uomo delle imprese leggendarie
In occasione di ciò che sarebbe stato il suo 90° compleanno, ricordiamo la storia vincente ma triste del ciclista lussemburghese, scalatore leggendario
Qatar 2022
1 gior
Shaqiri: ‘Dobbiamo solo chiedere scusa alla gente’
Enorme la delusione rossocrociata al termine di una gara in cui nulla ha funzionato come ci si attendeva
gallery
Qatar 2022
1 gior
Che umiliazione
La Svizzera non è pervenuta e con il Portogallo viene rispedita a casa con un pesantissimo 6-1
QATAR 2022
1 gior
I rigori mandano il Marocco in Paradiso e la Spagna a casa
Gli africani per la prima volta ai quarti di finale dopo una partita difensiva. Gli iberici deludenti e senza idee sbagliano tre volte dal dischetto
Angolo Bocce
1 gior
Alessandro Eichenberger e Aramis Gianinazzi vincono in Austria
La giovane coppia dell’Ideal di Coldrerio si è imposta nel torneo internazionale di Hard, contro i chiassesi Peschiera e Dalle Fratte
Hockey
1 gior
Qualche settimana d’assenza per Kostner e Kneubuehler
Contro il Rapperswil i due hanno subito una contusione alla spalla sinistra, rispettivamente un infortunio muscolare al torace
COSE DELL'ALTRO MONDO
1 gior
Mr. Irrilevant, anche gli ultimi hanno il loro giorno di gloria
Scelto quale 262° giocatore al draft 2022, Brock Purdy è salito agli onori della cronaca con San Francisco. Ma nella Nfl la carriera è molto breve
TIRI LIBERI
1 gior
I progetti del basket svizzero sembrano usciti da un incubo
Dall’assurdità di una fase a orologio basata sulla classifica della scorsa stagione a una Coppa Svizzera che produce palestre vuote
© Regiopress, All rights reserved