laRegione
07.07.21 - 23:39

L'Inghilterra spezza il sogno della Danimarca e vola in finale

Kane e compagni hanno battuto 2-1 in rimonta ai supplementari gli scandinavi e domenica si giocheranno per la prima volta il titolo europeo contro l'Italia

l-inghilterra-spezza-il-sogno-della-danimarca-e-vola-in-finale
+6

Sarà l'Inghilterra a contendere all'Italia il titolo di campione d'Europa domenica sera a Wembley. Nella seconda semifinale, disputata sempre nell'impianto londinese, i Tre Leoni hanno infatti faticato forse più del previsto ma alla fine sono riusciti ad avere la meglio 2-1 dopo i supplementari di una Danimarca comunque da applausi, che ha fatto quello che ha potuto finché ha potuto – tenuta in partita anche delle grandi parate del figlio d'arte Kasper Schmeichel – ma che alla fine ha visto spezzarsi sul più bello il sogno di ripetere (e dedicare a Eriksen) la cavalcata tanto inattesa quanto straordinaria del 1992 che l'aveva portata al titolo continentale. Onorificenza che può per contro continuare a sognare grazie al gol al 104' del solito Kane la squadra di Gareth Southgate, alla prima finale europea della sua storia e che torna a disputare l'ultimo atto di un grande appuntamento dal Mondiale vinto nel 1966.

1o tempo: Damsgaard sorprende Pickford, Kjaer dà una mano a Sterling

Scesa in campo con Saka sul fianco destro al posto di Sancho rispetto al quarto di finale trionfale con l'Ucraina (4-0), l'Inghilterra ha subito preso in mano le redini dell'incontro schiacciando i danesi (dal canto loro identici agli undici schierati inizialmente nel 2-1 sulla Repubblica Ceca) nella loro metà campo, senza tuttavia riuscire a impensierire sul serio Schmeichel. Il primo brivido è così arrivato dal lato opposto del terreno a causa di un'ingenuità di Pickford, che al 16' ha regalato palla al limite dell'area agli avversari, i quali non ne hanno però approfittato. Decisamente meglio ha fatto qualche minuto dopo il gioiellino scandinavo Damsgaard, che dopo aver sfiorato l'incrocio alla sinistra dell'estremo difensore britannico con un bel tiro a giro, al 30' ha firmato il vantaggio per i suoi con una punizione calciata non angolatissima ma appena sotto la traversa e con la potenza giusta per sorprendere un Pickford non del tutto esente da colpe, dando così il primo dispiacere del torneo alla difesa dei Tre Leoni, mai bucata nelle cinque precedenti partite dell'Euro.

L'occasione per il pareggio se l'è ritrovata sui piedi 8 minuti dopo Sterling, il quale da due passi ha però clamorosamente sparato addosso al portiere del Leicester. A dare una mano all'attaccante del Manchester City ci ha così pensato sull'azione successiva Kjaer, che nel tentativo di anticipare lo stesso numero 10 avversario sul traversone di Saka ha spedito la sfera nella propria porta.

2o tempo: Schmeichel sventa l'unica vera occasione (incornata di Maguire)

Nella ripresa la squadra di Kasper Hjulmand è sembrata partire meglio ma come all'inizio della prima frazione, sono stati gli avversari a procurarsi la prima occasione con un colpo di testa di Maguire intercettato da Schmeichel con un gran volo. Tutta nel destro centrale scagliato al 59' da Dolberg la risposta dei danesi. Con il passare dei minuti il ritmo – nonostante i diversi cambi – si è ulteriormente abbassato ed è emersa più la paura di perdere che la voglia di vincere delle due squadre, tanto che l'episodio più pregnante degli ultimi 30 minuti regolamentari – visto che l'assalto finale inglese si è infanto sul muro danese – è stato un possibile (probabile) rigore per Kane non visto né dal direttore di gara (l'olandese Makkelie) né dal Var.

Supplementari: gli inglesi dominano ma serve un rigore (generoso) per deciderla

Il forcing operato negli ultimi minuti dai sudditi della Regina è proseguito anche nei tempi supplementari, nei quali ci hanno provato nell'ordine Kane (Schmeichel con la mano destra ha impedito all'attaccante del Tottenham di perforarlo per la 15esima volta in carriera), Grealish (botta centrale ribattuta dal portiere) e Sterling (alto). A furia di provarci, al 104' gli inglesi sono passati anche se pure in questo caso c'è voluto una sorta di aiutino, con un rigore apparso piuttosto generoso concesso per un apparente sgambetto di Jensen sul solito Sterling: tra Kane e il gol si è in un primo tempo nuovamente messo un grande Schmeichel, ma sulla ribattuta del figlio d'arte lo stesso "HurriKane" è stato il più lesto ad avventarsi sul pallone e a mandare i suoi in finale visto che pur provandoci, la Danimarca non ha più avuto le energie (mentali e fisiche) per reagire.

Potrebbe interessarti anche
EURO 2020
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CALCIO
6 ore
Gonzalo Higuain annuncia il ritiro
L’attaccante argentino, vicecampione del mondo 2014, chiuderà la carriera al termine della stagione di Mls con l’Inter Miami
CALCIO
9 ore
La settimana della verità per Gerardo Seoane
Il Bayer Leverkusen confrontato con il peggior inizio di stagione da 40 anni a questa parte. Il tecnico lucernese obbligato a vincere con Porto e Schalke
CALCIO
10 ore
Anche 32 bambini tra le vittime del massacro di Malang
Delle 125 vittime, la più giovane aveva due o tre anni. Il governo indonesiano formerà una commissione d’inchiesta, molte Ong chiedono sia indipendente
Calcio
11 ore
Scontri allo stadio: quattro arresti e sedici perquisizioni
I fatti risalgono al 23 ottobre 2021 dopo la partita di calcio che opponeva l’Fc Zurigo e il Grasshopper e dove vi fu uno scambio di materiale pirotecnico
hockey
1 gior
Con cinismo e solidità l’Ambrì espugna Zugo
Le doppiette di Bürgler e Heim e il gol di Shore alla Bossard Arena, regalano ai biancoblù un weekend da cinque punti che li proietta al quarto posto
HCAP
1 gior
L’Ambrì giganteggia in trasferta: Zugo espugnata
Gli uomini di Luca Cereda hanno prevalso 5-4, doppiette per Spacek e Bürgler.
CALCIO
1 gior
Bellinzona tradito dai dettagli, lo Sciaffusa ringrazia
Granata sconfitti al Comunale (e i tifosi contestano la gestione del club). Inutile la rete di Pollero, determinante l’espulsione di Izmirlioglu
Calcio
1 gior
Prima vittoria casalinga stagionale del Lugano
I bianconeri, pur soffrendo, riescono a battere 1-0 il Servette
TENNIS
1 gior
A Sofia, Marc-Andrea Hüsler conquista il suo primo titolo Atp
Lo zurighese ha superato in due set il danese Holger Rune. In settimana sarà impegnato nell’Atp 500 di Astana da 61esimo giocatore del ranking mondiale
FORMULA 1
1 gior
La Red Bull si consola con il trionfo di Sergio Perez
Solo settimo, Max Verstappen non ha potuto festeggiare il suo secondo titolo mondiale. Il messicano davanti a Leclerc e Sainz
© Regiopress, All rights reserved