laRegione
20.12.21 - 18:59
Aggiornamento: 19:38

Il gatto, la volpe e quelle ‘raffinate’ truffe da 80 milioni

Davanti alle Assise criminali di Lugano il sedicente operatore finanziario e fiduciario di Morcote Danilo Larini e correo

il-gatto-la-volpe-e-quelle-raffinate-truffe-da-80-milioni
Ti-Press
Buco tappa buco

Una sessantina di pagine fitte fitte di numeri e nomi per descrivere quella che è stata indicata come una delle truffe (suddivisa in due filoni) più grosse nella storia giudiziaria ticinese. Non solo per i quasi 80 milioni di franchi in totale, ma per la certosina costruzione di sistemi furfanteschi, affiancati dalla costituzione di una ventina di società con sedi sparse in tutto il mondo (da Hong Kong al Lussemburgo), e la settantina di clienti nonché fondazioni gabbate. Maestro del grande inganno Danilo Larini, diploma alla scuola alberghiera ma sedicente operatore finanziario e fiduciario con domicilio a Morcote. Il 49enne è comparso oggi davanti alle Assise criminali di Lugano, presiedute da Mauro Ermani insieme ai giudici a latere Aurelio Facchi e Monica Sartori-Lombardi, per una lunga serie di reati, in parte commessi dopo aver scontato 1’460 giorni di carcere, fra il 2015 e il 2019. Prigione che non ha impedito a Larini di continuare a delinquere, anche dietro le sbarre, in particolar modo inviando ai suoi collaboratori veri e propri pizzini indicanti le operazioni bancarie da eseguire e che solo per un ‘piccolo fraintendimento’ ha permesso l’avvio delle indagini.

Un prima e dopo le sbarre che, come evidenziato dal procuratore pubblico Daniele Galliano, che ha ereditato il corposo faldone da Andrea Minesso, ha portato a un’inchiesta che «per quanto appurato ha dell’incredibile, non solo per la lunga serie di truffe – ha rimarcato il magistrato –. Se la ‘scusa’, dopo le prime perdite, era quella di evitare un danno reputazionale, l’imputato, anziché ammettere gli errori, ha invece continuato a commettere dei pasticci fino ad arrivare a perdere tutto. Per evitare ciò ha del resto costruito sistemi sempre più raffinati, mettendo in piedi qualcosa di talmente complicato che difficilmente si è visto a queste latitudini. Nel contempo dà lezioni di alta finanza, dà incarico per costose e accattivanti brochure pubblicitarie della sua attività, allestisce quello che può essere definito un ‘marketing delle truffe’ e al solo fine di lucro, per rastrellare sempre più soldi, crea addirittura un giornale e un’organizzazione per investimenti per famiglie. Tutto era talmente strutturato, ma non vi era diversamente traccia di eccellenza e affidabilità, tanto che Larini non si fermava di fronte a niente neppure davanti a una coppia di anziani che desidera semplicemente lasciare i propri risparmi ai nipoti».

Inchiesta fra le più complesse e difficili

Inchiesta fra le più complesse e difficili, come non ha mancato di evidenziare il pp, simile al famoso caso Sogevalor, ha portato a galla almeno sei livelli di truffa: dalla gestione di liquidità al mandato fiduciario, dalle obbligazioni alle polizze assicurative e vita. Un fiume di denaro che però non veniva investito, sin dall’inizio, in strumenti finanziari bensì, come riporta l’atto d’accusa, “utilizzato per rimborsare altri clienti, con la modalità del buco tappa buco”: «Non è stato facile ricostruire il tutto – ha spiegato Galliano – anche perché i quattro anni di carcere non l’hanno cambiato per arrivare a truffare anche una donna fragile e malata. Se da una parte l’imputato ispirava fiducia, non si faceva alcuno scrupolo nell’infrangere la legge! Una sistematicità del suo agire per la quale non avrebbe dovuto dormire la notte... Da una parte anche piccoli risparmiatori e dall’altra lui che faceva la bella vita. Per questo la sua colpa è incredibilmente grave in quanto soprattutto ha agito e ha iniziato perché voleva sempre più soldi. Il mago delle truffe, di un livello superiore. Tutto questo è stupefacente. Un criminale incallito, incapace di conformarsi alle regole della società civile. Era una gara fra chi era più furbo e dalla grande ambizione» ha sottolineato i pesanti reati il procuratore chiedendo una pena di otto anni di carcere per Larini (anche per il serio rischio di recidiva). Contro di lui, del resto, pesano le accuse non solo di truffa aggravata, ma anche di ripetuta falsità in documenti, ripetuta appropriazione indebita, ripetuto ottenimento illecito di prestazioni di un’assicurazione sociale o dell’aiuto sociale, ripetuta bancarotta fraudolenta o frode nel pignoramento, conseguimento fraudolento di una falsa attestazione, amministrazione infedele e ripetuto esercizio abusivo della professione di fiduciario. Galliano ha inoltre indicato a 3 anni e 6 mesi la pena per il correo (giudicato in contumacia) della truffa di 30 milioni ai danni di una fondazione di Civitavecchia. Insieme erano «il gatto e la volpe» come li ha definiti uno dei rappresentanti degli accusatori privati, l’avvocato Gabriele Banfi.

Il processo è stato aggiornato alla giornata di domani quando si concluderà il giro degli interventi degli accusatori privati. Mercoledì presumibilmente la sentenza della Corte.

Leggi anche:

Danilo Larini resta in prigione alla Farera di Lugano

Gli iceberg Sogevalor, rischio di collisione elevato

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Video
Ticino
22 ore
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
1 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
1 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
1 gior
‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’
Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
1 gior
‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’
La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
1 gior
Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No
Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
1 gior
‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’
Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Gallery
Mendrisiotto
1 gior
Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine
Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Locarnese
1 gior
Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere
Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Ticino
1 gior
Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro
Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
© Regiopress, All rights reserved