laRegione
11.05.22 - 16:39
Aggiornamento: 17:44

Truffe e falsificazioni per oltre 450mila franchi, condannato

Le Assise criminali di Lugano hanno inflitto 30 mesi parzialmente sospesi a un 34enne. La somma è stata racimolata in cinque anni

truffe-e-falsificazioni-per-oltre-450mila-franchi-condannato
archivio Ti-Press
Ha utilizzato anche i nomi di membri della sua famiglia

In cinque anni si è impossessato di oltre 450mila franchi grazie a truffe per mestiere, falsità in documenti e certificati e altri reati strettamente collegati, a cui si aggiunge anche il furto di un pacco contenente due telefonini da una bucalettere. Reati che il 34enne del Luganese comparso stamattina davanti alla Corte delle Assise criminali di Lugano ha ammesso. Tenendo conto della scemata imputabilità di grado lieve stabilita dalla perizia psichiatrica, il giudice Amos Pagnamenta lo ha condannato a 30 mesi di detenzione, di cui 22 sospesi per un periodo di prova di 4 anni. L’uomo, in carcere dal 15 dicembre scorso, torna quindi in libertà e dovrà seguire una misura ambulatoriale a seguito del pericolo di recidiva accertato dal perito.

‘Una sorta di dipendenza’

Perché, ha chiesto il giudice all’imputato, ha commesso questi reati? «Ho iniziato senza un motivo esplicito – è stata la risposta –. Poi è diventato un turbine, una sorta di dipendenza per dimostrare quello che non ero e che potevo dare quello che non potevo». I soldi, ha continuato il 34enne, sono stati utilizzati «in modo non proprio intelligente». Tra gli esempi portati il «buco tappa buco con alcune fatture e cose superflue come discoteche, vestiti da regalare e vizi e bisogni delle persone che mi affiancavano». Proprio il contatto con queste persone, sempre a detta dell’imputato, lo avrebbero portato a ricadere nei reati dopo una prima scarcerazione (avvenuta nel dicembre 2020). «Non mi ero reso conto della gravità della situazione e ci sono ricaduto». Facendo uso dell’identità di 27 persone (amici, parenti e conoscenti) ha cercato di ottenere l’erogazione di carte di credito o servizi. Come riportato nell’atto d’accusa, 153 occasioni sono andate a buon fine (per complessivi 451’518 franchi), mentre altre 393 sono rimaste dei tentativi. «Era diventato un esperto – sono state le parole del procuratore pubblico Andrea Gianini – al punto che gli ho chiesto se non poteva andare a lavorare per le carte di credito e scoprire queste truffe». La Corte lo ha prosciolto da quattro furti di lieve entità. Tra questi anche la sottrazione della casella delle lettere di una vicina – la donna era ricoverata in ospedale, dove è in seguito deceduta – di documentazione riferita al suo conto bancario (che gli ha permesso di ottenere una carta di credito). Il numero e la reiterazione dei reati, così come la somma totale sottratta, hanno portato il giudice Pagnamenta a sottolineare la «particolare propensione a delinquere» del 34enne, la cui colpa è stata ritenuta «grave» sia dal punto di vista oggettivo che soggettivo.

‘Un lavoro a tempo pieno’

Nella sua requisitoria, Gianini non ha esitato a definire l’attività illecita dell’imputato come «un lavoro a tempo pieno» visto che in cinque anni ci sono stati 450 episodi (tentati e andati a buon fine), pari a «due dossier alla settimana» che hanno portato a un guadagno di 90mila franchi all’anno, «superiore al reddito medio in Svizzera». Il 34enne «non è una persona cattiva, ma è pericoloso per sé stesso è per la società: non fosse stato arrestato nel dicembre scorso, non avrebbe avuto intenzione di fermarsi». Nei computer sequestrati, ha fatto sapere il pp prima di chiedere una condanna a 30 mesi, senza opporsi a una sospensione condizionale per un periodo di prova di almeno tre anni e a una misura ambulatoriale da iniziare quanto prima, «c’erano documenti appena prodotti».

Inchiesta ‘in continua evoluzione’

L’avvocato Fabiola Malnati si è invece battuta per una pena contenuta rispetto alla proposta dell’accusa e sospesa a favore delle cure. «Questa è stata un’inchiesta in continua evoluzione – ha spiegato la legale –. Un crescendo di atti illeciti che ha portato a dover indagare a fondo, facendo emergere una ferita narcisista. Obiettivo odierno è la risocializzazione dell’imputato che per primo intende assumersi le sue responsabilità».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità
Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
Grigioni
1 ora
San Bernardino, applausometro 7 su 10 per Artioli e progetti
Un successo la presentazione a Mesocco: 400 posti di lavoro in inverno e 250 in estate, gettito fiscale quintuplicato e 40 milioni per gli impianti
Luganese
1 ora
Lugano, la casa da gioco compie vent’anni e fa tornare i conti
Limitato l’impatto della concorrenza campionese, il casinò affronta la questione energetica e invia la richiesta di rinnovo della concessione federale
Bellinzonese
11 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
11 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
15 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
17 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
2 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
2 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
© Regiopress, All rights reserved