laRegione
21.12.21 - 13:33
Aggiornamento: 16:21

Megatruffa, la difesa: ‘Non era il Madoff di Morcote’

Dall’assoluzione piena per il correo al ridimensionamento della pena indicata in 8 anni da parte dell’accusa per il 49enne sedicente operatore finanziario

megatruffa-la-difesa-non-era-il-madoff-di-morcote
Ti-Press
Truffando

È stato il giorno delle difese, in attesa della sentenza annunciata dal giudice delle Assise criminali di Lugano, Mauro Ermani, per domani a mezzogiorno, quello di oggi nell’ambito del processo a carico del sedicente operatore finanziario e fiduciario di Morcote, Danilo Larini, e del correo, un italiano 69enne, giudicato in contumacia. L’avvocato del 49enne luganese – accusato di una megatruffa da 80 milioni di franchi in totale –, Marco Bertoli, ha puntato, nella sua arringa volta a ridimensionare gli otto anni richiesti dal procuratore pubblico Daniele Galliano, sulla «totale collaborazione di Larini nel corso dell’inchiesta», inchiesta che, secondo il legale «già nell’autunno di due anni fa (allora il magistrato era Andrea Minesso, ndr) era arrivata a maturazione profilandosi un’ipotesi di condanna a 6 anni». La difesa, nel ripercorrere «il vortice che ha pescato clienti ad ampio raggio» non ha mancato di evidenziare il nodo delle “effettive vittime”: «L’intento di Larini, infatti, non era quello di andare a ramazzare soldi dalle vecchiette. Un’affidabilità peraltro che non interessava né ai procacciatori né anche a chi ha investito, mirando a lucrosissimi e francamente poco credibili ritorni».

Dedito, come evidenziato nell’atto d’accusa, ad un altissimo tenore di vita, «oltre all’ampiezza delle cifre in gioco la sua colpa – non ha mancato di puntualizzare Bertoli – è ben diversa da quella di uno sfrontato sfruttatore. Se non era per Larini non saremmo qui in aula con questo puntuale atto d’accusa». Credibilità dell’imputato è stata quindi la parola d’ordine della difesa di Larini, che non si è lasciata scappare la metafora del ‘gatto e la volpe’ utilizzata nella prima giornata di dibattimento da un avvocato degli accusatori privati per i due correi: «Il gatto da solo non avrebbe potuto fare niente».

Non dunque, per Bertoli, «il mago della truffa, né il Madoff di Morcote. E nemmeno un semplice Totò che vende la Fontana di Trevi a ignari turisti. In questo comportamento scriteriato non può non esserci la concolpa di alcuni investitori e la corresponsabilità di alcuni clienti. Nonostante il profitto personale oggi Larini e la sua famiglia sono nell’indigenza» ha fatto sapere il legale rigettando i sospetti di un ‘tesoretto nascosto’ e accennando, per il tempo trascorso dai fatti, alla violazione del principio di celerità: «Egli può e deve ricominciare una vita lontano dalle allodole del mondo finanziario». Da qui la richiesta di una pena massima di sei anni e l’assoluzione per quanto attiene all’accusa di ripetuta appropriazione indebita ai danni di un’anziana signora nell’ambito di operazioni di ‘family office’.

Assoluzione da tutte le accuse invece per l’avvocato Roberto Haab, in difesa del correo di 69 anni nella truffa ai danni della Fondazione Cassa di Risparmio di Civitavecchia: «Il caso si sgonfia come un soufflé tirato troppo presto fuori dal forno. Il mio assistito era persuaso della bontà del prodotto proposto ed era in buona fede. Semplicemente un venditore dei prodotti di Larini a cui dava credito essendo circondato da esperti e luminari della finanza e dell’economia. Assurdo dunque affermare che abbia condiviso questo disegno. È stato un libro aperto ed essenzialmente sincero. Del resto la sua è una colpa lieve, ha cooperato al risarcimento delle vittime e la prognosi è favorevole. Oggi pensionato, va tenuto conto, nel ridimensionamento sotto ai due anni qualora vi sia una condanna, del lungo tempo trascorso dai fatti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
14 ore
Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni
L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
14 ore
Origlio, l’avventura di un negozietto di paese
Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior
Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’
Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior
‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’
Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
1 gior
Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’
A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Luganese
1 gior
Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%
Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
gallery
Bellinzonese
1 gior
Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto
Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Ticino
1 gior
Le settimane passano, ma non i radar, ed è ottobre
Comune per comune i punti ‘osservati speciali’ dell’azione di controllo della velocità in un’ottica di prevenzione
Bellinzonese
1 gior
Stazione di Biasca senza biglietteria, per il CdS va bene così
Sportelli fisici usati solo dal 5% dei viaggiatori: il governo non entra nel merito della decisione adottata dalle Ffs
Bellinzonese
1 gior
Nuove scuole a Lodrino entro il 2028
Il progetto Meta si è aggiudicato il concorso per la progettazione del comparto scolastico. Investimento complessivo di 38 milioni di franchi
© Regiopress, All rights reserved