laRegione
10.10.19 - 10:49

Cantiere AlpTransit: 'Minacciato l'operaio che aveva parlato'

Aveva raccontato delle irregolarità durante i lavori di posa dei binari nella galleria del Monte Ceneri. Unia: 'La Magistratura acceleri le indagini'

a cura de laRegione
cantiere-alptransit-minacciato-l-operaio-che-aveva-parlato
Ti-Press

"Subisce dal suo ex datore di lavoro in Svizzera (la GCF SPA di Roma che fa parte del consorzio italo-svizzero Mons Ceneri che ha vinto l'appalto) continue pressioni: i dirigenti gli avrebbero fatto sapere per bocca di alcuni colleghi e, con modi più o meno cordiali, che se ritirasse la denuncia in Ticino otterrebbe un lauto compenso". In più "nelle scorse settimane Fouad Zerroudi è stato oggetto di vere e proprie intimidazioni da parte di sconosciuti". È quanto scrive Unia in un comunicato diramato oggi con il quale auspica che il Ministero pubblico acceleri l'inchiesta avviata la scorsa primavera, anche a tutela delle persone coinvolte.

Un comunicato da cui emerge l'inquietante scenario in cui si ritrova l'operaio che aveva deciso di svuotare il sacco raccontando (oltre che al sindacato) a viso aperto alla trasmissione della Rsi Falò quanto vissuto sul cantiere AlpTransit per la realizzazione della Galleria di base del Monte Ceneri tra il 2017 e il 2018, ovvero "turni di lavoro infiniti e ritmi infernali, buste paga taroccate, assenza totale di controlli, violazione delle norme di sicurezza, eccetera". Rientrato in Italia, spiega Unia, l'operaio "sta oggi pagando a caro prezzo il suo coraggio: poco dopo aver trovato un impiego (cosa in sé piuttosto semplice essendo un operaio specializzato) presso un'impresa italiana, è infatti stato licenziato e oggi, a sei mesi di distanza, non ha ancora trovato un impiego". A ciò si aggiungono, come detto, pressioni e intimidazioni.

Il sindacato Unia Ticino, che ricorda di aver accompagnato i lavoratori nel difficile percorso dell'inchiesta prima giornalistica e poi della magistratura, esprime preoccupazione per le conseguenze che sta subendo Fouad Zerroudi. Sottolinea inoltre che agli operai di questo cantiere "sono stati sottratti almeno 3,5 milioni di franchi di salari, pari al 40-45 per cento di quanto loro dovuto". 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
24 sec
I 25 anni della Supsi secondo Gervasoni, tra successi e futuro
L’importanza della formazione professionale, i ricordi di quell’acronimo che faceva sorridere e ora è un’istituzione, gli obiettivi da raggiungere (tanti)
Ticino
25 sec
‘Si allarghino le fasce di reddito per i sussidi cassa malati’
L’iniziativa del Ps e i due rapporti allestiti saranno al centro della prossima seduta della Commissione parlamentare sanità e sicurezza sociale
Bellinzonese
3 ore
Necessari 45 milioni per il nuovo Ior a Bellinzona
Studio di fattibilità concluso: oltre ai 12 laboratori sono previsti una mensa e un auditorium, e forse anche un asilo nido per i figli dei ricercatori
Luganese
3 ore
Mezzovico: lite fra giovani degenera, interviene il... papà
Condannato per vie di fatto un 57enne che, durante un alterco fra il figlio e alcuni coetanei (fra cui la ex), ha tirato quattro sberle a tre dei ragazzi
Locarno
10 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
13 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
13 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
13 ore
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
13 ore
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
14 ore
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
© Regiopress, All rights reserved