laRegione
04.06.19 - 18:59
Aggiornamento: 20:20

AlpTransit, controlli al via: possibili anomalie nella sicurezza

Perquisizioni, interrogatori e sequestri sui cantieri di Camorino, Sigirino e Bellinzona. Decolla l'inchiesta avviata dopo la testimonianza di due operai

a cura de laRegione
alptransit-controlli-al-via-possibili-anomalie-nella-sicurezza
(Ti-Press)

Continua la lunga storia delle irregolarità nei cantieri AlpTransit in Ticino. Inizia a prendere corpo l’inchiesta aperta a metà maggio contro ignoti dal procuratore pubblico Andrea Gianini sulle presunte irregolarità segnalate un anno fa alla Polizia cantonale da due operai impiegati sul cantiere AlpTransit del Ceneri nella posa dei binari. Oggi gli inquirenti hanno effettuato perquisizioni e interrogatori e hanno sequestrato materiale cartaceo e informatico a Camorino, Sigirino e Bellinzona in collaborazione con l’Ispettorato del lavoro e con la Commissione paritetica per le costruzioni ferroviarie. Obiettivo: comprendere se sussistano i presupposti di reati di natura penale e violazioni delle disposizioni legali in materia di contratti e permessi di lavoro. Esito? “Il dispositivo – spiegano Procura e PolTi in un comunicato – ha permesso di evidenziare possibili anomalie a livello di sicurezza che saranno ora oggetto di approfondimenti da parte delle autorità competenti”. In tutto 57 le persone controllate. Ulteriori atti istruttori verranno valutati nei prossimi giorni in base anche all’esito delle ultime verifiche. A far smuovere le acque, ricordiamo, sono state le deposizioni fatte spontaneamente da due ex dipendenti delle imprese italiane Gcf Generale costruzioni ferroviarie e Gefer (entrambe del Gruppo Rossi di Roma) impiegate nel tunnel dal maggio 2017 e l’estate 2018. Ditte che facevano parte del consorzio italo-svizzero ‘Mons Ceneris’ aggiudicatario di un appalto da 96 milioni di franchi. Appalto ottenuto con un’offerta il 30% più bassa rispetto al consorzio svizzero-austriaco concorrente il cui ricorso era stato respinto dal Tribunale federale. I due operai, cui se ne sono aggiunti altri nelle ultime settimane, evidenziano più anomalie. Le principali: doppi turni dalle 13 alle 20 ore consecutive con una pausa di soli 10 minuti per mangiare un panino in galleria in condizioni inadatte per consumare un pasto; fino a 20 giorni lavorativi consecutivi senza un giorno di riposo; caporalato con salari taglieggiati nei quali figurano 8 ore al giorno di lavoro anziché quelle fatte realmente; obbligo di restituire parti di salario giustificato facendo leva sugli accordi Italia-Svizzera; convogli e macchinari da cantiere i cui conduttori erano sprovvisti di formazione. E molto altro ancora. L'inchiesta era partita dopo le rivelazioni di due operai raccolte dalla Rsi. Qui trovate un accurato resoconto degli elementi che hanno condotto all'apertura delle indagini.

 

 

Leggi anche:

Irregolarità sul cantiere del Ceneri: aperto un procedimento

Irregolarità sul cantiere del Ceneri: Procura al lavoro

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
8 ore
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
8 ore
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
9 ore
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
10 ore
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
10 ore
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
Luganese
10 ore
‘Casinisti’ attenti, a Lugano arriva il ‘rumorometro’
Il nuovo dispositivo, già testato nei primi due mesi di quest’anno, ha lo scopo di ridurre preventivamente il rumore causato dagli automobilisti
Ticino
10 ore
Livelli, Sirica furioso: ‘Speziali inaffidabile e pavido’
Il copresidente Ps critica duramente la ‘sfiducia’ del presidente Plr al messaggio governativo per la sperimentazione del loro superamento alle Medie
Ticino
11 ore
BancaStato crede nelle start-up e investe (altri) 5 milioni
I fondi sono desinati a idee nel digitale, high-tech e biomedicina. Fabrizio Cieslakiewicz: ‘In un periodo di difficoltà crediamo nell’innovazione’
Ticino
11 ore
Diocesi in rosso: previsto deficit di 1,8 milioni
Chiusura del 2021 in negativo di oltre 31mila franchi, ma per il 2023 il deficit di gestione previsto è da capogiro
Bellinzonese
12 ore
Giubiasco, furgone urta un’auto e si rovescia sul fianco
L’incidente è avvenuto nel pomeriggio di oggi attorno alle 13.30. Il bilancio, fornito da Rescue Media, parla di due feriti apparentemente non gravi
© Regiopress, All rights reserved