laRegione
10.10.19 - 17:06
Aggiornamento: 18:31

La Gcf contesta le accuse di Unia

La ditta che ha lavorato sul cantiere AlpTransit del Ceneri punta il dito contro i modi del sindacato che rifiuta di discutere "in un contesto istituzionale"

a cura de laRegione
la-gcf-contesta-le-accuse-di-unia
foto Facebook

La Generale Costruzioni ferroviarie (Gcf) di Roma replica al comunicato odierno diramato dal sindacato Unia Ticino contestando “decisamente le accuse formulate nei suoi confronti". La ditta italiana che ha lavorato sul cantiere AlpTransit del Ceneri nell'ambito di un consorzio spiega che le accuse di Unia sono senza fondamento. Il sindacato, ricordiamo, riferiva del clima di minacce e di pressioni vissuto da un ex dipendente di tale azienda provenienti indirettamente dal "suo ex datore di lavoro" affinché egli ritirasse la denuncia sulle irregolarità sul cantiere. Riferiva anche di 3,5 milioni di franchi di mancati pagamenti nella busta paga dei lavoratori.

"A tutt’oggi – sottolinea la Gcf – e occorre ribadirlo con forza, il ministero pubblico ha sentito diverse persone, collaboratori ed ex collaboratori di Gcf in particolare, ma nessuna accusa nei confronti di dirigenti societari è stata ritenuta valida". L'azienda di Roma aggiunge di essere da mesi in contatto con le autorità penali, "collaborando pienamente con le stesse" e "avendo consegnato importante materiale probatorio". 

La Gcf si discosta in particolare dal "modo di agire di Unia, che vuole spostare qualunque forma di discussione sulla stampa, rifiutando di discutere delle questioni aperte in un contesto istituzionale o professionale". E aggiunge: "L’uscita mediatica di oggi dimostra che Unia non ha fiducia nell’autorità penale e nella capacità di quest’ultima di giungere ad una soluzione equa, essendosi accorta di quanto traballanti siano le proprie censure di natura penale invocate".

La ditta sottolinea che Unia rifiuta il confronto da mesi e ribadisce ancora oggi la propria disponibilità ad incontrare rappresentanti del sindacato "in modo da gestire in modo professionale le questioni aperte, soprattutto nell’interesse degli operai". Un aspetto che abbiamo sottoposto al sindacalista di Unia Igor Cima, il quale conferma le richieste di confronto pervenute da parte dell'azienda. "Ma noi riteniamo importante, per non compromettere gli aspetti penali, che dapprima la magistratura porti a termine l’inchiesta e definisca gli eventuali capi d’accusa nei confronti dell’azienda. Una volta chiusa l'inchiesta siamo disponibili a confrontarci con la ditta per prevedere il recupero di quanto spetta ai lavoratori: secondo nostre stime circa 40-45mila franchi per ciascun operaio", risponde Cima alla 'Regione'.

Da noi interpellato il Ministero pubblico del Canton Ticino si limita a comunicare che gli accertamenti in seno all'inchiesta proseguono e la situazione segnalata da Unia è nota e oggetto di valutazioni.

Leggi anche:

Cantiere AlpTransit: 'Minacciato l'operaio che aveva parlato'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
8 min
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
1 ora
Servizi culturali, pubblicato il nuovo bando per la Direzione
Locarno cerca una figura “in grado di ridisegnare coerentemente e in maniera funzionale ed efficace la struttura”, ed elaborarne la gestione ideale
Locarnese
1 ora
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
2 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
Mendrisiotto
2 ore
‘Le fermate Ffs di Mendrisio sono di serie B?’
Il Centro lo chiede al Municipio con un’interpellanza dopo che da mesi gli ascensori della stazione di San Martino sono fuori uso
Locarnese
2 ore
Traffico e spaccio di cocaina nel Locarnese: inchiesta chiusa
L’inchiesta ha permesso di determinare un traffico di droga tra l’Italia, il Ticino e altri cantoni della Svizzera interna
Bellinzonese
3 ore
Prato Leventina, campo da calcio distrutto: è denuncia
Lo ha fatto sapere il municipale Sergio Sartore dopo il grave atto di vandalismo avvenuto fra venerdì e sabato: “Mi piange il cuore”
Ticino
6 ore
Cadono le foglie, a Novaggio e Airolo cresce il Pedibus
Nate due nuove linee dell’iniziativa che incentiva la trasferta casa-scuola a piedi di bambini accompagnati e in compagnia
Locarnese
8 ore
Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’
A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
8 ore
Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt
L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
© Regiopress, All rights reserved