laRegione
svizzera
03.08.22 - 21:58
Aggiornamento: 22:53

Resi noti i contratti dei vaccini

Oltre a Moderna e Pfizer sono stati stipulati ordini d’acquisti anche con Novavax, Janssen, AstraZeneca e Curevac: gli importo restano top secret

Ats, a cura di Red.Svizzera
resi-noti-i-contratti-dei-vaccini
Dose del vaccino Moderna (Keystone)

A trattative concluse, l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) rende noto i contratti di fornitura con i produttori di vaccini contro il virus SARS-CoV-2. Il Consiglio federale si è affidato principalmente a quelli di tipo mRNA di Moderna e Pfizer, ma vi ha affiancato altri preparati.

Oltre a Moderna e Pfizer sono stati stipulati ordini d’acquisti anche con Novavax, Janssen, AstraZeneca e Curevac. Gli importi e alcuni termini contrattuali non sono resi noti.

Per il 2023 l’Ufsp ha ordinato 3,5 milioni di dosi sia da Moderna che da Pfizer. L’intenzione iniziale era di ordinarne 14 milioni, ma nella sessione estiva il parlamento ha chiesto all’esecutivo di rinegoziare i contratti. L’ufficio federale ha concluso le trattative agli inizi di luglio.

Il primo vaccino proteico approvato in Svizzera, Nuvaxovid, è prodotto da Novavax. Contiene una componente non infettiva del coronavirus. È destinato alle persone che non si fidano dei vaccini a base di mRNA.


Laboratori del vaccino Curevac (Keystone)

Il vaccino vettoriale di Janssen, sviluppato per il gigante farmaceutico statunitense Johnson & Johnson, è destinato a chi non può ricevere un vaccino a base di mRNA, per ragioni mediche come le allergie. È basato su un adenovirus umano ed è stato prodotto come i vaccini convenzionali.

Il preparato della svedese-britannica AstraZeneca si basa su un virus attenuato del raffreddore, proveniente dagli scimpanzé. Contiene il materiale genetico di una proteina di superficie con cui il patogeno SARS-CoV-2 si attacca alle cellule umane.

Curevac ha ritirato la domanda di approvazione nell’ottobre 2021. La Svizzera aveva concluso un accordo tripartito di prevendita con la Svezia e il produttore tedesco Curevac, nonché un accordo di riacquisto con la Svezia.

L’acquisto di vaccini ha suscitato agitazione in parlamento. In due casi i contratti e i pagamenti non erano coperti da crediti. Il Consiglio degli Stati aveva sollevato questioni sui crediti supplementari. Il Dipartimento federale dell’interno (Dfi), cui compete la sanità, e quello della protezione della popolazione (DDPS) hanno quindi esaminato tutti i crediti e i contratti durante le vacanze di Pentecoste.

Un caso era successo nel 2020 e il secondo all’inizio di maggio del 2021. All’epoca della firma del contratto, il parlamento non aveva ancora approvato il credito d’impegno. Una riserva di credito era in vigore solo fino alla fine di maggio e le Camere hanno approvato i fondi necessari il 7 di giugno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 min
I rapporti con l’Unione europea vanno rilanciati
È l’appello sottoscritto da duecento personalità svizzere. Che chiedono al Consiglio federale di chiarire quanto prima le sue intenzioni
Svizzera
32 min
Si schianta contro un albero: morto un 21enne
Grave incidente della circolazione ieri sera a Uster. A seguito della violenza dell’impatto, il giovane è deceduto sul posto
Svizzera
32 min
Guerra in Ucraina, congelati 7,5 miliardi di averi russi
La Segreteria di Stato dell’economia dà... i numeri. Sequestrati pure 15 immobili in sei cantoni
Svizzera
1 ora
Più risorse per proteggere le greggi dal lupo
Il Nazionale vota quattro milioni supplementari. Jacques Nicolet (Udc): ‘Siamo in una situazione critica’
Svizzera
2 ore
Novembre di stabilità per l’inflazione
Mentre in Europa il rincaro nell’ultimo mese ha toccato il 10% (dato comunque in lieve flessione), in Svizzera il tasso si è attestato al 3%
Svizzera
3 ore
Biglietti digitali nel futuro dei trasporti pubblici
Troppo costosa l’infrastruttura per quelli cartacei. L’Alliance Swiss Pass pensa a un futuro votato alla digitalizzazione
Svizzera
6 ore
‘Penso troppo poco ai ‘segnali’, forse mi baso troppo sui fatti’
La consigliera agli Stati socialista Eva Herzog è la favorita per la successione di Simonetta Sommaruga in Consiglio federale. Intervista.
friburgo
13 ore
Tribunale cantonale assolve in appello 27 attivisti per clima
Avevano bloccato l’entrata di un centro commerciale il 29 novembre 2019 in occasione della giornata del Black Friday.
Svizzera
19 ore
Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca
Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
1 gior
Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro
La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
© Regiopress, All rights reserved