laRegione
covid-acquisto-di-vaccini-coperto-dai-crediti-a-parte-due-casi
Ti-Press
Tutto (o quasi) regolare
08.06.22 - 10:12
Aggiornamento: 17:03
Ats, a cura de laRegione

Covid, acquisto di vaccini coperto dai crediti. A parte due casi

È la conclusione a cui è giunta la verifica effettuata durante il fine settimana di Pentecoste

Tutti i contratti e i pagamenti per l’acquisto di vaccini contro il Covid erano coperti dai crediti votati dal Parlamento, tranne in due casi. È quanto è emerso dalle verifiche effettuate durante il fine settimana di Pentecoste.

Il consigliere federale Alain Berset ha presentato questa mattina i risultati degli accertamenti alla Commissione delle finanze del Consiglio nazionale. L’indagine amministrativa in corso fornirà un quadro definitivo, precisa un comunicato del Dipartimento federale dell’interno (Dfi). Le conclusioni sono attese in agosto.

Contratti e crediti passati al vaglio

L’indagine era stata annunciata giovedì. Durante il dibatto sul budget al Consiglio degli Stati era emerso che Berna aveva forse firmato contratti per importi non ancora approvati dal Parlamento. L’esame effettuato negli ultimi quattro giorni ha rivelato che, a parte due eccezioni, i contratti stipulati con i produttori di vaccini si basano su un credito d’impegno approvato dal Parlamento. Un’eccezione era già nota, e risale al 2020.

Il secondo caso riguarda un contratto concluso all’inizio di maggio del 2021: al momento della firma il Parlamento non aveva ancora approvato il credito d’impegno. È stato possibile inserirvi una clausola di riserva, limitata però al 31 maggio 2021. Il 19 maggio 2021 la Commissione delle finanze del Consiglio degli Stati ha raccomandato all’unanimità di approvare l’aumento del credito d’impegno richiesto dal Consiglio federale, ma il Parlamento lo ha approvato solo il 7 giugno 2021, quindi dopo la scadenza della clausola di riserva. L’indagine amministrativa dovrà chiarire se in questo caso sarebbe stata possibile una procedura diversa.

I controlli dovranno inoltre stabilire se erano stati stanziati i necessari crediti riguardanti la decisione del Consiglio federale del 17 dicembre 2021 di far valere le opzioni concordate contrattualmente con le ditte produttrici per l’acquisto di ulteriori 14 milioni di dosi di vaccino per il 2022.

Secondo il comunicato del Dfi, in quel momento non era chiaro se i fondi necessari fossero coperti dal credito a preventivo per il 2022 approvato dal Parlamento il 16 dicembre. Il Consiglio federale ha pertanto deciso di richiedere un credito aggiuntivo. L’indagine amministrativa dimostrerà se ciò era conforme alla legge.

Ricalcolo del fabbisogno finanziario

Con la verifica è stato ricalcolato anche il fabbisogno aggiuntivo di mezzi per il 2022, che è stato corretto verso il basso: è ora quantificato in 234,3 invece di 314 milioni di franchi. La riduzione è dovuta in particolare a una tassa di prenotazione erroneamente calcolata due volte, costi di logistica inferiori, minori quantità di materiale accessorio per le vaccinazioni e un impiego ridotto di dosi vendute in piccole confezioni.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
confederazione coronavirus vaccino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 min
Grigioni, individuato un ottavo branco di lupi
È stato chiamato ‘Wannaspitz’. Attualmente si aggira fra i comuni di Vals, Lumnezia e Ilanz.
Svizzera
24 min
Detenuto evade dal carcere bernese di Witzwil
L’uomo, un cittadino algerino di 41 anni, non è considerato pericoloso. Stava scontando la pena in regime aperto
Svizzera
57 min
L’Altopiano svizzero si sta ‘toscanizzando’
Ciò è dovuto ai periodi sempre più lunghi di caldo e siccità. Lo segnala la Fondazione svizzera per la tutela del paesaggio
Svizzera
2 ore
Ginevra, trovato il corpo di un uomo nel lago
Stando ai primi accertamenti la causa della morte è l’annegamento
Svizzera
2 ore
‘Expat stanno scacciando il ceto medio-basso da Zurigo’
Lo afferma il quotidiano zurighese Tages-Anzeiger dopo aver analizzato un rapporto dell’Ufficio comunale delle imposte
Svizzera
3 ore
Istruzione: ‘Mancano insegnanti qualificati’
Il mondo scolastico della Svizzera tedesca e francese è confrontato con la penuria di personale qualificato e l’integrazione degli allievi ucraini
Svizzera
3 ore
Corpo recuperato nelle acque dell’Aare
Si tratta di un 44enne georgiano. La pista privilegiata dagli inquirenti è quella dell’incidente
Svizzera
4 ore
Travail.Suisse esige aumenti salariali fra il 3 e il 5%
L’organizzazione sindacale chiede l’incremento per compensare l’attuale forte aumento del costo della vita e gli incrementi di produttività delle aziende
Svizzera
4 ore
Il futuro sistema di voto online alla prova degli hacker etici
La Posta ha chiesto di effettuare dei test di intrusione pubblici per scovare falle sul sistema che dal 2023 dovrebbe essere a disposizione dei Cantoni
Svizzera
7 ore
‘Sulla cybersicurezza servono regole più forti’
Secondo lo specialista Stéphane Koch, le aziende andrebbero obbligate a garantire la propria sicurezza pena essere ritenute responsabili per gli attacchi
© Regiopress, All rights reserved