laRegione
08.06.22 - 10:12
Aggiornamento: 17:03

Covid, acquisto di vaccini coperto dai crediti. A parte due casi

È la conclusione a cui è giunta la verifica effettuata durante il fine settimana di Pentecoste

Ats, a cura de laRegione
covid-acquisto-di-vaccini-coperto-dai-crediti-a-parte-due-casi
Ti-Press
Tutto (o quasi) regolare

Tutti i contratti e i pagamenti per l’acquisto di vaccini contro il Covid erano coperti dai crediti votati dal Parlamento, tranne in due casi. È quanto è emerso dalle verifiche effettuate durante il fine settimana di Pentecoste.

Il consigliere federale Alain Berset ha presentato questa mattina i risultati degli accertamenti alla Commissione delle finanze del Consiglio nazionale. L’indagine amministrativa in corso fornirà un quadro definitivo, precisa un comunicato del Dipartimento federale dell’interno (Dfi). Le conclusioni sono attese in agosto.

Contratti e crediti passati al vaglio

L’indagine era stata annunciata giovedì. Durante il dibatto sul budget al Consiglio degli Stati era emerso che Berna aveva forse firmato contratti per importi non ancora approvati dal Parlamento. L’esame effettuato negli ultimi quattro giorni ha rivelato che, a parte due eccezioni, i contratti stipulati con i produttori di vaccini si basano su un credito d’impegno approvato dal Parlamento. Un’eccezione era già nota, e risale al 2020.

Il secondo caso riguarda un contratto concluso all’inizio di maggio del 2021: al momento della firma il Parlamento non aveva ancora approvato il credito d’impegno. È stato possibile inserirvi una clausola di riserva, limitata però al 31 maggio 2021. Il 19 maggio 2021 la Commissione delle finanze del Consiglio degli Stati ha raccomandato all’unanimità di approvare l’aumento del credito d’impegno richiesto dal Consiglio federale, ma il Parlamento lo ha approvato solo il 7 giugno 2021, quindi dopo la scadenza della clausola di riserva. L’indagine amministrativa dovrà chiarire se in questo caso sarebbe stata possibile una procedura diversa.

I controlli dovranno inoltre stabilire se erano stati stanziati i necessari crediti riguardanti la decisione del Consiglio federale del 17 dicembre 2021 di far valere le opzioni concordate contrattualmente con le ditte produttrici per l’acquisto di ulteriori 14 milioni di dosi di vaccino per il 2022.

Secondo il comunicato del Dfi, in quel momento non era chiaro se i fondi necessari fossero coperti dal credito a preventivo per il 2022 approvato dal Parlamento il 16 dicembre. Il Consiglio federale ha pertanto deciso di richiedere un credito aggiuntivo. L’indagine amministrativa dimostrerà se ciò era conforme alla legge.

Ricalcolo del fabbisogno finanziario

Con la verifica è stato ricalcolato anche il fabbisogno aggiuntivo di mezzi per il 2022, che è stato corretto verso il basso: è ora quantificato in 234,3 invece di 314 milioni di franchi. La riduzione è dovuta in particolare a una tassa di prenotazione erroneamente calcolata due volte, costi di logistica inferiori, minori quantità di materiale accessorio per le vaccinazioni e un impiego ridotto di dosi vendute in piccole confezioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
10 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
11 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
13 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
13 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
14 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
15 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
16 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
16 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved