laRegione
03.08.22 - 12:52
Aggiornamento: 14:50

L’Ufsp rende noti i contratti per i vaccini anti-Covid

Oltre a Moderna e Pfizer sono stati stipulati ordini d’acquisti anche con Novavax, Janssen, AstraZeneca e Curevac

Ats, a cura di Red.Web
l-ufsp-rende-noti-i-contratti-per-i-vaccini-anti-covid
Keystone

A trattative concluse, l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) rende noti i contratti di fornitura con i produttori di vaccini contro il virus SARS-CoV-2. Il Consiglio federale si è affidato principalmente a quelli di tipo mRNA di Moderna e Pfizer, ma vi ha affiancato altri preparati.

Oltre a Moderna e Pfizer sono stati stipulati ordini d’acquisti anche con Novavax, Janssen, AstraZeneca e Curevac. Gli importi e alcuni termini contrattuali non sono resi noti.

Per il 2023 l’UFSP ha ordinato 3,5 milioni di dosi sia da Moderna che da Pfizer. L’intenzione iniziale era di ordinarne 14 milioni, ma nella sessione estiva il parlamento ha chiesto all’esecutivo di rinegoziare i contratti. L’ufficio federale ha concluso le trattative agli inizi di luglio.

Il primo vaccino proteico approvato in Svizzera, Nuvaxovid, è prodotto da Novavax. Contiene una componente non infettiva del coronavirus. È destinato alle persone che non si fidano dei vaccini a base di mRNA.

Il vaccino vettoriale di Janssen, sviluppato per il gigante farmaceutico statunitense Johnson & Johnson, è destinato a chi non può ricevere un vaccino a base di mRNA, per ragioni mediche come le allergie. È basato su un adenovirus umano ed è stato prodotto come i vaccini convenzionali.

Il preparato della svedese-britannica AstraZeneca si basa su un virus attenuato del raffreddore, proveniente dagli scimpanzé. Contiene il materiale genetico di una proteina di superficie con cui il patogeno SARS-CoV-2 si attacca alle cellule umane.

Curevac ha ritirato la domanda di approvazione nell’ottobre 2021. La Svizzera aveva concluso un accordo tripartito di prevendita con la Svezia e il produttore tedesco Curevac, nonché un accordo di riacquisto con la Svezia.

L’acquisto di vaccini ha suscitato agitazione in parlamento. In due casi i contratti e i pagamenti non erano coperti da crediti. Il Consiglio degli Stati aveva sollevato questioni sui crediti supplementari. Il Dipartimento federale dell’interno (DFI), cui compete la sanità, e quello della protezione della popolazione (DDPS) hanno quindi esaminato tutti i crediti e i contratti durante le vacanze di Pentecoste.

Un caso era successo nel 2020 e il secondo all’inizio di maggio del 2021. All’epoca della firma del contratto, il parlamento non aveva ancora approvato il credito d’impegno. Una riserva di credito era in vigore solo fino alla fine di maggio e le Camere hanno approvato i fondi necessari il 7 di giugno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
57 min
L’onere normativo a carico delle imprese va ridotto
Lo sostiene il Consiglio federale, che ha adottato un progetto di legge a destinazione del Parlamento
Svizzera
1 ora
Stati, Mathilde Crevoisier Crelier al posto di Baume-Schneider
La socialista, municipale di Porrentruy, ha annunciato oggi al governo del canton Giura di aver accettato la nomina.
Svizzera
6 ore
‘Per favorire la sicurezza si tolgano le strisce pedonali’
Fa discutere l’indicazione dell’Upi, secondo cui in una strada del comune di Hünenberg (Zg) vanno tolte le strisce gialle: ‘Lì son troppo pericolose’
Svizzera
6 ore
Riforma Avs21: dal 2025 aumenterà l’età pensionabile delle donne
A partire dal 1° gennaio 2024 invece vi sarà l’aumento dell’Iva per finanziare la riforma
Svizzera
8 ore
Sergio Ermotti nel Cda di Innosuisse
L’ex Ceo di Ubs è stato nominato oggi dal Consiglio federale ed entrerà in carica dal primo gennaio
Svizzera
8 ore
Sorpasso a destra, non si rischia più la patente
Il ritiro resta possibile, ma non è più automatico: il Tribunale federale applica per la prima volta la nuova prassi
Svizzera
9 ore
‘L’iniziativa anti-vaccini va respinta’
A ribadirlo il governo. Se approvata, questa causerebbe un’incertezza del diritto in diversi settori. Inoltre a oggi non vi è un obbligo vaccinale
Svizzera
11 ore
La casetta in campagna sì... ma vicino a una città
Metà degli intervistati da Comparis dichiara di voler vivere in campagna, mentre solo un quarto preferisce le città. I ticinesi i più restii a spostarsi
Svizzera
12 ore
Secondo tunnel del San Gottardo: potenziale presenza di amianto
Nel frattempo sono state prese misure per proteggere i lavoratori e la popolazione, ha indicato oggi l’Ufficio federale delle strade
Svizzera
13 ore
Svizzera romanda in ‘bianco’, ecco le prime nevicate in pianura
Secondo MeteoNews, fino a domenica sono previsti tra i 5 e i 15 centimetri di neve in pianura e tra i 10 e i 50 centimetri in montagna
© Regiopress, All rights reserved