laRegione
17.03.22 - 16:59
Aggiornamento: 17:30

Zone di confine, libertà di movimento anche in tempo di crisi

Una mozione approvata oggi dal Nazionale, dopo gli Stati, chiede di garantire la mobilità a chi vive sul confine modificando la legge sulle epidemie

Ats, a cura di Marco Narzisi
zone-di-confine-liberta-di-movimento-anche-in-tempo-di-crisi
Ti-Press

Gli abitanti delle regioni di confine dovrebbero rimanere liberi di viaggiare, al di qua e al di là della frontiera, anche in tempi di pandemia per lavoro o semplicemente per rendere visita ai parenti.

Lo prevede una mozione della "senatrice" Eva Herzog (Ps/Bs) adottata oggi dal Consiglio nazionale con 127 voti a 46 e 2 astenuti, contro il parere del Consiglio federale. Il Consiglio degli Stati l’aveva già accolta nel settembre scorso con 29 voti a 7.

Le regioni di confine sono strettamente legate, sottolinea nella sua mozione la consigliera agli Stati basilese, cantone che confina con la Francia e la Germania: 340’000 lavoratori vengono a lavorare in Svizzera ogni giorno. Inoltre, molte famiglie vivono su entrambi i lati del confine.

Dall’inoltro della mozione sono saliti a 361’000 i frontalieri che varcano il confine per lavorare nella Confederazione. Questo personale è essenziale al funzionamento del sistema sanitario e della ristorazione, ha sottolineato Benjamin Roduit (Centro/Vs) a nome della commissione.

La legge Covid-19 contiene una disposizione per garantire la libertà di movimento di queste persone, disposizione che è rimasta in vigore però soltanto fino al 31 dicembre 2021.

Poiché questa non è probabilmente l’ultima crisi sanitaria che vivremo, stando alla Herzog il Consiglio federale dovrebbe inserire misure appropriate nella legge sulle epidemie per garantire la mobilità delle persone che risiedono nelle zone di confine.

Il ministro della sanità Alain Berset ha chiesto invano al plenum di respingere la mozione, dal momento che il Consiglio federale ha trovato le soluzioni adeguate durante la crisi pandemica e, quindi, non è necessario modificare la legge.

La libertà di spostarsi per le persone provenienti dalle zone di confine è stata presa in considerazione il più possibile durante la crisi del coronavirus e i lavoratori frontalieri hanno sempre potuto varcare il confine, ha spiegato il consigliere federale. A suo avviso, prima di chiedere cambiamenti specifici della legge in vigore, andrebbe eseguita un’analisi approfondita dell’intera gestione della pandemia.

Ma la maggioranza non lo ha seguito; soltanto l’Udc si è opposta alla mozione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Bonus milionari se la ristrutturazione andrà in porto
Li avrebbe promessi ai suoi 500 manager Credit Suisse. Che domani annuncerà i risultati del quarto trimestre e dell’intero anno
Svizzera
1 ora
Meteonews avverte: fazzoletti a portata di mano
Brutte notizie per gli allergici: il rialzo delle temperature previsto nei prossimi giorni porterà un’aumento dei pollini nell’aria
Svizzera
2 ore
‘A Iskenderun ci davano poche speranze, e invece...’
Il fiuto dei cani svizzeri per ritrovare i superstiti sotto le macerie del terremoto in Turchia. Al lavoro due squadre alternate sull’arco di 24 ore
Svizzera
4 ore
Il carnevale non è divertente per i cani
Gli animali sono esposti a troppo stress, soprattutto a livello uditivo: guggen e petardi non fanno bene agli amici a quattro zampe
Svizzera
6 ore
A Lucerna Migros ti porta la spesa a casa col furgone autonomo
A beneficiare della novità, ancora in fase di sperimentazione, sono i dipendenti di Schindler, colosso industriale degli ascensori e delle scale mobili
Svizzera
1 gior
Anche gli svizzeri a rischio di inondazioni
I mutamenti climatici aggravano il problema di chi abita all’interno delle vie di sfogo delle acque in caso di tracimazione. A rischio 700mila persone
Svizzera
1 gior
Kutter dal centro paraplegici di Nottwil: ‘Ce la faremo!’
Il consigliere nazionale zurighese twitta un messaggio di ottimismo dopo l’incidente sugli sci costatogli la frattura di due vertebre cervicali
Svizzera
1 gior
I Cantoni potrebbero restare per anni senza i soldi della Bns
È quanto affermano gli economisti dell’Ubs. La probabilità di una distribuzione salirà di nuovo sopra il 50% soltanto nel 2026
Svizzera
1 gior
Nel 2022 il 66% in più di traffico aereo in Svizzera
Il dato si sta riavvicinando a quello del periodo pre-pandemico distaccandosi solo del 12% rispetto al 2019
Svizzera
1 gior
Syndicom: basta molestie e sessismo nelle redazioni
Sulla scia delle rivelazioni su casi di mobbing e sessismo presso una testata del gruppo Tamedia, il sindacato dei media reclama un cambio di cultura
© Regiopress, All rights reserved