laRegione
21.09.22 - 14:27
Aggiornamento: 15:10

Passo avanti per la digitalizzazione dell’amministrazione

Il Nazionale appone il suo veto alla relativa legge federale. Il progetto torna ora sui banchi del Consiglio degli Stati

Ats, a cura di Red.Web
passo-avanti-per-la-digitalizzazione-dell-amministrazione
Keystone
Ueli Maurer

La trasformazione digitale dell’amministrazione federale e la cooperazione informatica a tutti i livelli di governo devono essere rafforzate. È il succo della legge federale in materia approvata oggi dal Consiglio nazionale per 144 voti a 24. Rispetto agli Stati, il Nazionale vuole però un’estensione dell’ambito di applicazione della normativa.

La Legge federale sull’impiego di mezzi elettronici per l’adempimento dei compiti delle autorità istituisce la base giuridica per la trasformazione digitale dell’Amministrazione federale. Si tratta di un elemento essenziale del progetto Amministrazione digitale svizzera. Essa garantisce la protezione dei dati da un lato e la sicurezza delle interazioni elettroniche dall’altro, ha dichiarato in aula il consigliere federale Ueli Maurer. Questi due punti essenziali dovrebbero creare fiducia nel sistema tra i cittadini, ha sottolineato.

Il Consiglio nazionale vuole che l’amministrazione utilizzi, ove possibile, strumenti elettronici. Nel contempo, le autorità devono garantire che i loro servizi siano accessibili a tutta la popolazione. Con 114 voti a 77, i deputati hanno esteso il campo di applicazione della legge alle unità decentrate dell’amministrazione federale e, per alcune disposizioni, alle amministrazioni cantonali se responsabili dell’applicazione di una legge federale.

Con 116 voti a 74, i deputati vogliono inoltre che le autorità federali soggette alla legge pubblichino il codice sorgente del software che sviluppano o hanno sviluppato per lo svolgimento dei rispettivi compiti.

Il Governo prevede di fornire un finanziamento iniziale per gli anni 2024-2027, mentre fino a due terzi dell’importo totale saranno forniti dai Cantoni. I costi totali ammontano a circa 200 milioni di franchi, ha dichiarato Maurer. E le unità amministrative avranno tre anni di tempo, e non cinque, per fornire l’accesso ai loro dati.

Il progetto ritorna ora al Consiglio degli Stati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
18 min
I conti in tasca ai Consiglieri federali
Per ciascuno dei ‘sette saggi’ uno stipendio annuo di 456mila franchi, auto di rappresentanza, auto di servizio e abbonamento generale in 1a classe
Svizzera
1 ora
Sotto l’albero mattoncini Lego e console di gioco
A poche settimane dal Natale, Digitec Galaxus fa una radiografia dei regali più gettonati per chi fa spesa online
Svizzera
1 ora
Nella foresta di Welschenrohr ci sono anche i bisonti europei
È articolato sulla durata di dieci anni il progetto che mira alla reintroduzione dell’animale nel Giura solettese
Svizzera
1 ora
L’inflazione non incide sul tasso ipotecario
Quello di riferimento, che serve a determinare le pigioni degli appartamenti in affitto, resta ancorato all’1,25%
Svizzera
13 ore
Ottobre col segno negativo per le vendite al dettaglio
Nel decimo mese dell’anno il giro d’affari ha conosciuto una contrazione del 2,7% rispetto a quello precedente. Stabilità invece su base annua
Svizzera
15 ore
Fermato un uomo in un’area di sosta con 10 kg di cocaina
Incastrato dal fiuto di Arani von der Lodeburg. L’uomo era stato controllato nei pressi di Würenlos, mentre procedeva in direzione di Berna
Svizzera
16 ore
Ancora troppo poco diffusa la cultura del ‘Nutri-Score’
Per il Consiglio federale, la popolazione va maggiormente sensibilizzata sul sistema di caratterizzazione nutrizionale degli alimenti
Svizzera
16 ore
Serata ‘calda’ per i pompieri grigionesi: doppio intervento
Principi di incendi con danni materiali a Fanas (a causa di una candela) e Bargung. Una persona portata all’ospedale per sospetta intossicazione da fumo
Svizzera
17 ore
Critiche alla Posta per il suo ruolo in rapporto alle Pmi
L’Usam rimprovera al gigante giallo la sua posizione predominante nel monopolio delle lettere, sfruttata anche in altri ambiti
Svizzera
19 ore
Scomparsa da giovedì, ritrovata morta a Brügg
Il corpo della donna, una 76enne spagnola residente a Bienne, è stato rinvenuto privo di vita in una chiusa del canale Nidau-Büren
© Regiopress, All rights reserved