laRegione
15.03.22 - 11:05
Aggiornamento: 18:31

Rosso di 325 milioni nel 2021 per le Ffs

Anche nel 2020 la pandemia ha avuto ripercussioni sul bilancio. È andata meglio del 2020, ma passeggeri del 33,1% inferiori al 2019

Ats, a cura de laRegione
rosso-di-325-milioni-nel-2021-per-le-ffs
Keystone
Sui binari della ripresa. Ma il percorso è ancora lungo

Le Ffs hanno continuato a soffrire nel 2021 per l’epidemia di coronavirus: il numero dei passeggeri è aumentato del 4,9% rispetto al 2020, ma è stato ancora del 33,1% inferiore a quello del 2019. I conti annuali si sono chiusi con un buco di 325 milioni di franchi.

Grazie a misure di risparmio, un aumento dei ricavi e un sostegno maggiore da parte della Confederazione (330 milioni dopo 277 l’anno prima) la perdita si è però ridotta rispetto ai 617 milioni del 2020, si legge in un comunicato diramato oggi.

La divisione Traffico viaggiatori ha concluso l’esercizio con una perdita di -495 milioni di franchi, nettamente meno dei -669 milioni dell’anno precedente. Il numero degli abbonamenti generali ha continuato a scendere: nel 2021 erano 406’000, rispetto ai 439’000 del 2020 e ai 500’000 del 2019. In totale controtendenza, lo scorso anno erano in circolazione 2,83 milioni di abbonamenti metà-prezzo, con un netto incremento rispetto al 2020 (+4%) e anche rispetto al periodo pre-crisi (+3,9%).

Per quanto concerne Ffs Cargo Svizzera, in un "contesto ancora estremamente critico" l’attività di trasporto ha stagnato rispetto al 2020 (-0,2% a 5’256 milioni di tonnellate-chilometri nette) ma è diminuita del 12,1% rispetto al 2019. Grazie al sostegno dei poteri pubblici, è stato comunque possibile ottenere un risultato globale in pareggio (1,1 milioni di franchi dopo -34,7 milioni nel 2020).

L’indebitamento netto soggetto a interessi del gruppo è salito di 720 milioni a oltre 11 miliardi. Il tasso di copertura dei debiti – ossia l’indebitamento rispetto all’utile prima degli interessi, delle imposte, del deprezzamento e degli ammortamenti (Ebitda) – si è attestato al 13,7%, oltre il doppio del limite stabilito dalla Confederazione (6,5%).

In base alle stime attuali, complessivamente la pandemia dovrebbe costare alle Ffs circa 3 miliardi di franchi. Per riportare sotto controllo la situazione finanziaria le Ferrovie intendono risparmiare 6 miliardi entro il 2030. Dal 2024 al 2030 si aggiungeranno ogni anno altri 80 milioni di franchi da misure di riduzione dei costi e/o aumenti dei ricavi, come richiesto dalla Confederazione.

A medio termine l’azienda si attende un forte aumento della domanda grazie ai vantaggi ecologici della ferrovia e vuole soddisfare le mutate esigenze della clientela rendendo l’offerta gradualmente più flessibile.

Per il 2022 le Ffs prospettano l’introduzione sperimentale di nuove forme di abbonamento, una migliore informazione alla clientela in caso di disagi al traffico ferroviario, più collegamenti in montagna e all’estero, più posti bici e stazioni trasformate in interessanti hub di traffico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
3 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
20 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
21 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
23 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
2 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
© Regiopress, All rights reserved