laRegione
15.09.22 - 10:13
Aggiornamento: 15:06

Le Ffs viaggiano sì, ma in perdita

Il deficit registrato nel primo semestre è pari a 142 milioni di franchi. Elevato il numero di passeggeri, ma sempre inferiore al pre-pandemia

Ats, a cura di Red.Web
le-ffs-viaggiano-si-ma-in-perdita
Ti-Press

Le Ffs hanno registrato una perdita di 142 milioni di franchi nel primo semestre 2022. Il numero di passeggeri è sempre inferiore di circa il 10% rispetto al periodo precedente alla pandemia. L’azienda si dice inoltre preoccupata per i costi elevati dell’energia. Il risultato semestrale è migliore di quello registrato nel 2021 (-389 milioni di franchi), ma resta pur sempre negativo, indicano in una nota odierna le Ferrovie federali svizzere.

Nonostante una generale ripresa della domanda dopo un primo trimestre piuttosto debole, l’ex regia federale patisce sempre gli effetti della crisi del coronavirus: dal mese di maggio la domanda si è infatti stabilizzata a un livello inferiore di 10 punti percentuali in confronto a prima dell’epidemia di Covid-19. Nel primo semestre 2022, complessivamente 1,1 milioni di passeggeri hanno viaggiato ogni giorno nel traffico regionale e a lunga percorrenza, ovvero il 43,9% in più rispetto al 2021, ma il 15,1% in meno rispetto a prima della pandemia.

Puntualità ed emissione biglietti da migliorare

Data l’importanza ambientale, sempre più viaggiatori privilegiano il treno per talune destinazioni, in particolare nel traffico (notturno) internazionale. Per quest’anno, la domanda è persino superiore a quelle del 2019. A questo livello la puntualità e il sistema di emissione dei biglietti devono essere migliorati, sottolineano le Ffs. Se il traffico pendolare è in calo, quello per il tempo libero aumenta. L’azienda intende sviluppare l’offerta in questo settore, per esempio tramite "VosAlpes Express" in inverno o collegamenti supplementari nei fine settimana estivi tra Zurigo e il Ticino.

Alla fine di giugno 2022, gli abbonamenti a metà prezzo hanno raggiunto una cifra record, con 2,9 milioni in circolazione, ossia il 7,6% in più rispetto al giugno 2021 (+9,6% rispetto al 2019). È invece più contrastata la situazione degli abbonamenti generali: a fine giugno ne erano in circolazione 413’000, il 4,4% in più rispetto al 2021, ma il 16,3% in meno rispetto al 2019.

Le Ffs acquistano energia

La situazione rimane tesa per le Ffs a causa degli elevati prezzi energetici. L’azienda utilizza per il 90% energia idroelettrica, che proviene per la maggior parte dalle sue centrali. Ma, attualmente, queste producono meno energia a causa della siccità e del basso livello dei bacini artificiali. Al fine di poter produrre in proprio l’elettricità in caso di penuria, le Ffs mantengono attualmente i loro bacini il più possibile pieni, si legge nella nota. Ciò le obbliga a procurarsi energia di sostituzione sul mercato a costi in forte crescita.

Tale situazione ha già avuto ripercussioni negative sul risultato semestrale del settore Infrastruttura Energia, con -24,2 milioni di franchi (2021: +17,5 mio). La situazione si è aggravata durante l’estate e peserà notevolmente sul risultato annuo 2022.

Le Ffs hanno elaborato vari scenari per far fronte al rischio di penuria di elettricità e gas. Hanno ridotto il riscaldamento e l’illuminazione dei loro edifici, tolto l’acqua calda dagli uffici e cominciato a privilegiare il gasolio al gas per il riscaldamento dei loro impianti. Durante le festività natalizie l’azienda rinuncia inoltre all’illuminazione delle facciate e delle insegne Ffs.

Trasporto su rotaia non redditizio

Sia Ffs Cargo Svizzera (-34 milioni di franchi ovvero -2,8%) che Sbb Cargo International (-3,8 mio, -4,6%) sono in perdita nel primo semestre 2022. Il trasporto su rotaia continua quindi a non essere redditizio. Per quanto riguarda Sbb Cargo International, hanno concorso al risultato negativo anche vari lavori di costruzione e disagi al traffico in Germania, oltre a maggiori costi energetici. Ancora una volta i ricavi locativi di terzi di Ffs Immobili hanno contribuito a stabilizzare la situazione. Nel primo semestre 2022, hanno superato le cifre dell’esercizio precedente del 10,4% (319 milioni di franchi, 2021: 289 mio).

L’indebitamento rimane una vera e propria sfida per l’azienda: alla fine del primo semestre era pari a 11,3 miliardi, il 30,6% in più rispetto al 2019, mentre il grado di copertura dei debiti era pari a 10,2. Dal canto suo, il tasso richiesto dalla Confederazione entro il 2030 è di 6,5.

A livello operativo il primo semestre 2022 è stato perlopiù stabile. Quest’anno 263 persone hanno iniziato la formazione da macchinista: un numero senza precedenti che ha consentito di calmare la situazione tesa in seno al personale di locomotiva. La circolazione dei treni è generalmente affidabile, mentre la disponibilità non è stata soddisfacente, in particolare in Ticino e nella Svizzera romanda, precisano ancora le Ffs.

Reazione del SEV

La reazione del Sindacato del personale dei trasporti (SEV) non si è fatta attendere. In una nota odierna, il SEV ha sottolineato come "il traffico ferroviario sia in ripresa. Questo dimostra che la ferrovia è ancora popolare, soprattutto nel traffico a lunga percorrenza, dove ha superato il livello pre-pandemico".

Secondo il SEV, "le Ffs devono ora migliorare la retribuzione del personale e offrire orari di lavoro che consentano un migliore equilibrio tra vita privata e vita professionale". "Anche se la situazione finanziaria dell’azienda è tesa, quest’ultima deve prendersi cura di coloro che lavorano ogni giorno per garantire la qualità dell’esercizio ferroviario", conclude il comunicato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 min
Al via la visita in Svizzera del presidente italiano Mattarella
Il Presidente della Repubblica incontrerà il presidente della Confederazione Cassis e i consigliere federali Sommaruga, Amherd e Parmelin
Svizzera
12 ore
Consiglio degli Stati, Brigitte Häberli-Koller eletta presidente
La turgoviese del Centro prende il posto di Thomas Hefti (Plr/Gl) che ha deciso di non presentarsi alle elezioni federali del prossimo ottobre
Svizzera
12 ore
Pirati della strada, pene severe ma eccezioni possibili
Dopo il Nazionale, marcia indietro anche agli Stati sull‘attenuazione delle pene. Si introducono però attenuanti per chi sgarra per la prima volta
Svizzera
12 ore
Saranno quasi 200 i milioni di franchi destinati all’ambiente
Lo ha deciso il Consiglio degli Stati per 29 voti a 16, approvando una proposta di minoranza della verde Adèle Thorens Goumaz
Svizzera
16 ore
Nessuna sanzione disciplinare contro Roger Köppel
Il consigliere nazionale Udc era sospettato di aver violato il segreto d’ufficio per alcune dichiarazioni sul suo canale video
Svizzera
23 ore
Circolazione e cure infermieristiche nel menu invernale a Berna
Al via la sessione invernale che eleggerà anche i consiglieri federali in sostituzione di Maurer e Sommaruga e i nuovi presidenti delle due Camere
Svizzera
1 gior
Oggi a Berna il tradizionale mercato delle cipolle
Nella capitale un centinaio di pullman turistici da tutta la Svizzera e dall’estero
elezioni cantonali
1 gior
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
1 gior
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
2 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
© Regiopress, All rights reserved