laRegione
14.03.22 - 19:28
Aggiornamento: 19:54

‘La candidatura al Consiglio di sicurezza Onu va mantenuta’

Il Consiglio degli Stati respinge la mozione di Chiesa che chiedeva di ritirare la richiesta d’adesione

Ats, a cura de laRegione
la-candidatura-al-consiglio-di-sicurezza-onu-va-mantenuta
Keystone

Dopo il Nazionale la settimana scorsa, anche il Consiglio degli Stati ha respinto oggi una mozione per 26 voti a 11 e 4 astensioni, presentata dal "senatore" Marco Chiesa (Udc/Ti), che chiedeva alla Svizzera di ritirare la candidatura al Consiglio di sicurezza quale membro non permanente.

Per i sostenitori della mozione, democentristi e diversi esponenti del Centro, la guerra in Ucraina dovrebbe spingere il Consiglio federale a ripensare la propria partecipazione al Consiglio di sicurezza che rischia di arrecare danni permanenti alla nostra neutralità e alla nostra politica dei buoni uffici. Chiunque aspiri a svolgere il ruolo di mediatore, è stato affermato in aula, non può prendere posizione, essere insomma giudice e parte in causa.

Diversi "senatori" hanno criticato anche il diritto di veto appannaggio delle grandi potenze che rende vani gli sforzi di molti Stati, Svizzera compresa, di preservare la pace quando quest’ultima è in pericolo. Per diversi oratori la Svizzera deve concentrarsi sulla difesa dei propri interessi; una partecipazione al Consiglio di sicurezza non porterebbe alcun vantaggio al nostra Paese.

Sull’altro lato della barricata, i contrari alla mozione hanno argomentato che proprio perché neutrale, la possibilità della Svizzera di influenzare gli eventi è maggiore nel Consiglio di sicurezza, dove può far sentire la propria voce a favore di soluzioni politiche alle crisi internazionali. Ben venga insomma la neutralità dei valori invece dei soli meri interessi, ha affermato Carlo Sommaruga (Ps/Ge).

Un argomento ripreso anche dal consigliere federale Ignazio Cassis, secondo cui la Svizzera dispone di una lunga esperienza nella composizione pacifica dei conflitti e nella ricerca di compromessi, un aspetto quest’ultimo che non è proprio nel Dna delle grandi potenze.

È nel nostro interesse, ha spiegato il presidente della Confederazione, impegnarci per la pace e la sicurezza nel mondo, ora messe in pericolo proprio in Europa, ossia vicino a noi, dopo l’invasione russa dell’Ucraina. Non possiamo ritirarci proprio adesso, in questo momento storico per il nostro continente, perché "sentiamo freddo ai piedi". Dobbiamo prendere posizione. Ne va della nostra credibilità e reputazione, ha sottolineato il ministro degli Esteri.

Cassis ha aggiunto che già ora la Svizzera prende posizione all’Onu sui più svariati dossier, difendendo i valori che le sono propri. Quanto alle sanzioni economiche, a detta di Cassis queste ultime non intaccano la neutralità della Svizzera, ben ancorata nella popolazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
energia
8 ore
Gas: anche la Svizzera vuole impianti di stoccaggio
La richiesta è dell’Associazione svizzera dell’industria del gas (Asig). Il tema verrà trattato dal Consiglio federale
Svizzera
15 ore
Migros: in arrivo ‘Teo’, il negozio senza personale
Vi si potrà accedere mediante carta di credito oppure un codice QR Cumulus. La casse automatiche accetteranno anche il pagamento con twint
Svizzera
17 ore
Impressum chiede aumenti salariali nei media
Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
Svizzera
18 ore
‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’
Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
Svizzera
19 ore
Crescono i pernottamenti in Svizzera. Ma non in Ticino
In controtendenza rispetto a quella nazionale, nel nostro cantone in agosto la flessione è stata del 16%. Ma nel 2021 cifre ‘dopate’
Svizzera
20 ore
Covid, da lunedì quarta dose in tutta la Svizzera
Come a livello cantonale, la vaccinazione è consigliata soprattutto alle persone a rischio sopra i 65 anni e al personale sanitario
Svizzera
20 ore
Addio ai ‘gioielli di famiglia’ per Credit Suisse
L’istituto di credito ha avviato il processo di vendita dell’albergo di lusso Savoy, ultimo grande immobile ancora di proprietà della banca
Svizzera
21 ore
Sedicenne gravemente ustionato da un arco elettrico
Il giovane, che si trovava accanto a un treno merci fermo alla stazione di Rafz, nel canton Zurigo, è stato elitrasportato all’ospedale
Svizzera
23 ore
Successione di Maurer, anche Rickli e Stamm Hurter si defilano
L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in governo, non sarà della corsa. Così come l’ex vicepresidente dell’Udc
Svizzera
1 gior
Sempre più problemi per l’approvvigionamento di farmaci
Le carenze, come precisa l’Ufsp, erano già preesistenti e non dipendono dalla guerra in Ucraina. Mancano anche centinaia di prodotti salvavita
© Regiopress, All rights reserved