laRegione
legge-netflix-inoltrate-65mila-firme
Il bouquet di Netflix su un tablet (Keystone)
votazioni del 15 maggio
20.01.22 - 17:33
Aggiornamento : 18:04

Legge Netflix, inoltrate 65mila firme

Si voterà sulla discussa tassa del 4%, ma anche sulla donazione degli organi e sulle frontiere

Con ogni probabilità, il popolo sarà chiamato a esprimersi – data riservata il prossimo 15 maggio – sulla cosiddetta “Legge Netflix”, norma voluta dal parlamento che obbliga le piattaforme di streaming a investire il 4% del rispettivo reddito lordo generato in Svizzera nella produzione di film elvetici indipendenti. Il Comitato referendario ha inoltrato oggi alla Cancelleria federale 65mila firme.

Alla revisione della legge sul cinema si oppongono le sezioni giovanili dell’Udc, del Plr, dei Verdi liberali e anche diversi esponenti del Centro, spalleggiati dall’associazione svizzera delle televisioni private e da Suissedigital, l’associazione che riunisce gli operatori via cavo.

La revisione della legge prevede, tra l’altro, che le società di streaming – tra cui anche emittenti private come 3+, Sat 1 o Pro7 – dovranno garantire che almeno il 30% della loro programmazione sia dedicata a film europei, che devono essere designati come tali e facili da trovare.


Molti i giovani scesi in piazza contro la legge (Keystone)

In una nota odierna, diffusa in concomitanza con la consegna delle sottoscrizioni, il comitato referendario stigmatizza una legge che, a suo dire, “ignora completamente il consumatore”. Si tratta insomma di una disposizione illiberale, una truffa nei confronti dei fruitori delle piattaforme, stando al comunicato.

La quota del 30% di film europei si applicherà indipendentemente dalla domanda dei consumatori; queste realizzazioni, inoltre, non devono rispondere a criteri di qualità. Il risultato? Le produzioni popolari asiatiche, latinoamericane o statunitensi dovranno essere tolte dal catalogo dei film a disposizione dell’abbonato.

Quanto all’obbligo di investire almeno il 4% in produzioni europee, per il comitato tale prescrizione equivale a una “tassa sui film”; presto o tardi i consumatori dovranno sborsare di più per abbonarsi alle piattaforme di streaming.

Donazione di organi

Oltre alla “Legge Netflix”, il Consiglio federale ha deciso che il 15 di maggio si voterà anche – sempre che i referendum riescano – sui trapianti. Un comitato apolitico composto di medici, esperti di cure, giuristi e specialisti in questione etiche si oppone a una revisione di legge che prevede il consenso presunto in fatto di donazioni.

Poiché in Svizzera mancano organi e donatori, per porvi rimedio il Parlamento ha adottato un cambiamento di paradigma: chi non intende donare i propri organi dopo la morte dovrà dichiararlo formalmente quando è ancora in vita. In mancanza di una dichiarazione, la facoltà di prendere una decisione andrà conferita agli stretti congiunti o a una persona di fiducia.

Frontiere

Il terzo referendum prende di mira il recepimento del regolamento e riguardante la guardia di frontiera e costiera europea (sviluppo dell’acquis di Schengen). Stando alle associazioni di migranti, il nuovo regolamento europeo Frontex non fa che complicare l’ingresso in Europa delle persone in viaggio, compresi coloro che necessitano di protezione.

Al fine di controllare meglio le frontiere esterne di Schengen, e sulla scorta delle ondate migratorie degli ultimi anni, come nel 2015, l’Ue ha deciso di rafforzare il mandato dell’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex) istituita nel 2004. Il nuovo regolamento mira, tra le altre cose, a migliorare il rimpatrio dei migranti illegali, a sostenere i ritorni volontari e a ottenere documenti di viaggio. Il Parlamento ha approvato il progetto nel settembre scorso. I contributi finanziari della Svizzera a Frontex aumenteranno, passando dai 24 milioni di franchi del 2021 a 61 milioni nel 2027.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
donazione frontiere legge netflix netflix organi parlamento referendum svizzera voto
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
30 min
Smood, il nuovo contratto collettivo per i fattorini è realtà
Per Syndicom, la sottoscrizione dell’accordo è ‘un segnale importante per l’intero settore delle consegne’
Svizzera
2 ore
Fuori pericolo il superstite del dramma familiare di Montreux
Il 15enne, tutt’ora ricoverato in ospedale, non ricorda nulla della tragedia. L’ipotesi più accreditata resta quella del suicidio collettivo
Svizzera
2 ore
I prezzi della merce vanno indicati subito. E non alla cassa
La regola vale tanto per i negozi fisici quanto per quelli online: il Governo rivede la relativa ordinanza, che sarà effettiva dal 1° luglio
Svizzera
2 ore
Non piace a Berna l’idea di una tredicesima dell’Avs
‘Costosa e iniqua’. Il Consiglio federale prende ufficialmente posizione contro l’iniziativa popolare ‘Vivere meglio la pensione’.
Svizzera
3 ore
C’è ancora da lavorare sul finanziamento ospedaliero
Un rapporto sul tema indica che malgrado i diversi passi avanti fatti in passato, c’è ancora un buon margine di miglioramento
Svizzera
3 ore
In autunno si voterà per Avs, allevamento e imposta preventiva
Quattro gli oggetti su cui la popolazione sarà chiamata a esprimersi il 25 settembre. Due concernenti la previdenza per la vecchiaia
Svizzera
3 ore
Berna fissa nuove basi legali per il voto elettronico
Saranno effettive dal 1° luglio. A partire da quella data i Cantoni potranno nuovamente chiedere l’autorizzazione per proporre l’e-voting
Svizzera
3 ore
Più difficile produrre esplosivi artigianali in Svizzera
Berna limita l’accesso alle sostanze chimiche potenzialmente pericolose. Le nuove ordinanze entreranno in vigore dal prossimo anno
Svizzera
4 ore
I socialisti spingono verso l’adesione all’Unione europea
Il comitato di politica europea del Ps propone di lanciare dal 2027 il processo per l’entrata della Svizzera nell’Ue
Svizzera
4 ore
Adolescente accoltella mortalmente la madre
Dramma familiare a Sierre. I fatti risalgono alla notte su lunedì; il ragazzo, un 14enne, si trova ora in detenzione preventiva
© Regiopress, All rights reserved