laRegione
aiuti-ai-media-il-referendum-sarebbe-riuscito
Keystone
I promotori non vogliono la ‘statalizzazione’ dei media
07.09.21 - 20:36

Aiuti ai media, il referendum sarebbe riuscito

Lo annuncia il comitato che ha lanciato la raccolta firme contro il pacchetto approvato dal Parlamento. La votazione si terrà verosimilmente in febbraio.

Berna – Il comitato apartitico che ha lanciato un referendum contro i sussidi ai media approvati dal parlamento in giugno afferma di aver raccolto le firme necessarie. In una nota diffusa in serata, sottolinea che in tal modo il popolo potrà esprimersi sulle "sovvenzioni inutili e dannose". Sono state raccolte le 50mila firme necessarie alla riuscita del referendum, un mese prima della fine del periodo di raccolta, scrive il comitato "No ai media finanziati dallo Stato". Ciò significa che gli aventi diritto saranno probabilmente chiamati a votare sul tema in febbraio.

Il pacchetto di misure approvato dal parlamento propone fra le altre cose di estendere il sostegno alla distribuzione dei giornali. La spesa si attesta a circa 120 milioni di franchi. È previsto anche un aiuto ai media online, per un totale di 30 milioni di franchi all'anno, mirato a favorire la transizione digitale. I contributi potranno raggiungere al massimo il 60% del fatturato generato dall'impresa. Un sostegno a determinate condizioni è anche previsto per le agenzie di stampa nazionali.

Il comitato referendario è composto da editori, imprenditori, professionisti dei media e 72 parlamentari. Se lo Stato comprasse i media, diventerebbero media di Stato, sostiene. "Sarebbe la fine del panorama dei media liberi e indipendenti in Svizzera, perché nessuno morde la mano che lo nutre".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aiuti comitato firme media parlamento referendum
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio
Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
gallery
Svizzera
1 ora
A Zurigo una nuvola artificiale contro la canicola
Un grande anello in alluminio diffonde goccioline talmente piccole da non bagnare i passanti, ma che permettono di far calare la temperatura di vari gradi
Svizzera
2 ore
Salgono i casi di coronavirus, 46’025 nell’ultima settimana
Nell’arco di sette giorni il numero di nuove infezioni è salito del 39%, quello delle ospedalizzazioni del 51,7%
Svizzera
2 ore
Nuovamente percorribile la strada del Susten
Riaperto il valico tra i cantoni Uri e Berna, dopo che ieri una frana ne aveva provocato la momentanea chiusura
Svizzera
3 ore
Secondo richiamo raccomandabile, ma non prima dell’autunno
Covid, secondo booster per ora consigliato solo agli ultraottantenni e immunocompromessi. Passata l’estate, lo sarà per le persone ‘a rischio’
Svizzera
5 ore
Ha un nome il corpo ritrovato nell’Aare, a Rubigen
Formalmente identificata la salma rinvenuta il 29 giugno: si tratta di un 76enne bernese dato per disperso dopo che si era tuffato più a monte
Svizzera
6 ore
Donna salvata dalla Rega nelle gole dell’Areuse
La giovane era scivolata finendo in acqua in un luogo molto incassato. Soccorsa con l’ausilio del verricello
Svizzera
7 ore
La formazione continua è la carta vincente. E va incentivata
Ne è convinta Travail.Suisse, che chiede un’offensiva in questo campo. E maggiori aiuti dal settore pubblico sotto forma di borse di studio
Svizzera
8 ore
Nel 2021 ancora l’ombra della pandemia sugli studi medici
Malgrado il miglioramento rispetto a marzo-ottobre 2020, quasi la metà di loro anche l’anno scorso ha registrato un calo delle attività
Svizzera
10 ore
Femsa vuole fare spesa da Valora: sul piatto 1,1 miliardi
L’azienda messicana intenzionata ad acquistare il rivenditore al dettaglio basilese. Offerti 260 franchi per azione
© Regiopress, All rights reserved