laRegione
20.01.22 - 16:42
Aggiornamento: 17:05

No al consenso presunto per la donazione di organi

Inoltrate alla Cancelleria federale più di 64mila firme contro la revisione della legge sui trapianti che introduce il consenso presunto in senso lato

Ats, a cura de laRegione
no-al-consenso-presunto-per-la-donazione-di-organi
(Keystone)

Gli Svizzeri non sono tutti donatori di organi, a meno che non dichiarino il contrario. Con questa motivazione, un comitato referendario ha inoltrato oggi alla Cancelleria federale più di 64mila firme, due terzi delle quali già verificate, contro la revisione della legge sui trapianti che introduce il consenso presunto in senso lato. La votazione, qualora il referendum dovesse riuscire, è prevista per il 15 di maggio.

In Svizzera mancano organi e donatori. Per porvi rimedio il Parlamento si è deciso per un cambiamento di paradigma: chi non intende donare i propri organi dopo la morte dovrà dichiararlo formalmente quando è ancora in vita. In mancanza di una dichiarazione, la facoltà di prendere una decisione andrà conferita agli stretti congiunti o a una persona di fiducia. Tale modifica legislativa è stata adottata sulla spinta di un’iniziativa popolare, poi ritirata. Stando al comitato apartitico che ha lanciato il referendum, un simile cambiamento di paradigma va sottoposto al giudizio del popolo. La Costituzione garantisce a ogni essere umano il diritto all’integrità fisica e mentale e all’autodeterminazione. Tali principi sarebbero messi in forse dalla riforma, stando al comitato. Un “sì” chiaro ed espresso con cognizione di causa è necessario per qualsiasi intervento medico, per i promotori della consultazione popolare, secondo i quali “il silenzio non equivale a un consenso”. Per il comitato, non è realistico pensare che tutte le persone in Svizzera possano essere informate per iscritto della possibilità di opporsi a un’eventuale donazione. I fautori del referendum criticano anche la pressione esercitata sui parenti, posti nella scomoda posizione di arbitro in assenza di una volontà precisa del defunto. Un rifiuto da parte loro sarebbe immediatamente interpretato come un comportamento poco solidale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Il Vallese sui casinò si ritiene svantaggiato rispetto al Ticino
Il Consiglio federale intende accordare la concessione per una sola casa da gioco: protesta il consigliere di Stato Darbellay
Svizzera
4 ore
Raccolte le firme per l’iniziativa sul mantenimento del contante
Già certificate oltre 111‘000 firme a favore del ‘Sì a una valuta svizzera libera e indipendente sotto forma di monete o banconote’
Svizzera
21 ore
Due morti a Disentis per una valanga
La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
21 ore
La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna
Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
1 gior
La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record
Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
1 gior
Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera
Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
1 gior
Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora
Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
1 gior
L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave
Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
1 gior
Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato
Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
1 gior
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
© Regiopress, All rights reserved