laRegione
caso-carlos-il-tf-annulla-la-sentenza-della-giustizia-zurighese
Keystone
08.12.21 - 13:38
Aggiornamento : 14:25

Caso Carlos: il Tf annulla la sentenza della giustizia zurighese

Il giovane, che oggi preferisce farsi chiamare con il vero nome Brian, era stato condannato a 6 anni e 4 mesi di reclusione, per reati commessi in carcere

Ats, a cura de laRegione

Il Tribunale federale ha annullato la sentenza del Tribunale cantonale zurighese che lo scorso giugno ha condannato a sei anni e quattro mesi di reclusione, per una serie di reati commessi in carcere, il giovane conosciuto con il soprannome Carlos, ma che oggi preferisce farsi chiamare con il vero nome Brian.

In una sentenza pubblicata oggi, i giudici di Losanna arrivano alla conclusione che la corte zurighese avrebbe dovuto esaminare le condizioni in cui il giovane era detenuto nel periodo in cui commise i reati per i quali è stato giudicato, ossia fra il gennaio 2017 e l’ottobre 2018. I suoi avvocati sostenevano che Brian in quel periodo aveva bisogno di essere protetto da trattamenti inumani e degradanti.

In giugno, Brian è stato giudicato colpevole di tentate lesioni personali gravi, lesioni personali semplici, insulti, violenza e minacce contro pubblici ufficiali e danni alla proprietà per una serie di aggressioni ai danni di secondini, poliziotti e altri detenuti.

La decisione del Tribunale federale (Tf) annulla quella sentenza e rimanda il caso davanti alla giustizia zurighese. I giudici di Mon Repos ritengono che i loro colleghi zurighesi hanno sbagliato a basare la loro decisione su una sentenza emessa nel marzo 2021 dallo stesso Tf.

In quella decisione, la prima corte di diritto pubblico del Tf ha considerato che le condizioni attualmente riservate a Brian nel penitenziario Pöschwies di Regensdorf (ZH) possono essere giustificate dalle circostanze particolari del caso. La giustizia zurighese sarà in altre parole tenuta a valutare la situazione precedente alla sentenza del Tf.

Il giovane oggi si trova in isolamento – in regime di carcerazione di sicurezza – nel penitenziario di Regensdorf (ZH), dove sconta una precedente condanna per ripetute aggressioni in varie strutture di detenzione. I suoi avvocati considerano il suo isolamento, 24 ore su 24, con una sola ora di aria al giorno, come una forma di tortura.

Oltre ad aumentare la pena della prima istanza, il Tribunale cantonale lo scorso giugno aveva deciso di non ordinare per Brian una misura terapeutica stazionaria. Il Ministero pubblico zurighese ha nel frattempo deciso di impugnare quella sentenza davanti al Tribunale federale, perché mira a ottenere per il giovane la misura dell’internamento.

Leggi anche:

'Carlos/Brian': no a internamento, condanna a 6 anni e 4 mesi

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
brian carcere carlos giustizia giustizia zurighese sentenza tribunale federale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
9 ore
Ventenne al volante ubriaco e senza patente, era recidivo
La polizia friburghese ha sequestrato la macchina. Il giovane sarà denunciato al Ministero pubblico.
Svizzera
11 ore
Vaiolo delle scimmie: primo caso in Svizzera
Si tratta di una persona residente nel canton Berna che è stata esposta al virus all’estero
gallery
Svizzera
13 ore
Basilea, polizia disperde gli oppositori di un raduno Udc
Le forze dell’ordine hanno cercato di tenere lontani dallo stand del partito politico i dimostranti del gruppo ‘Basel Nazifrei’
Svizzera
15 ore
Bancomat fatto esplodere nel Giura bernese
I malviventi sono fuggiti in auto. L’ammontare della refurtiva non è ancora noto.
gallery
Svizzera
17 ore
Grigioni, camminata di protesta contro il World economic forum
Polizia e organizzatori si aspettavano maggiore affluenza. In programma altre manifestazioni in varie città svizzere
Svizzera
18 ore
Schianto contro il portale della galleria, muore automobilista
L’incidente è avvenuto a Küttigen, nel canton Argovia. Il veicolo ha preso fuoco subito dopo lo schianto.
gallery
Svizzera
18 ore
Scontri a Zurigo per una manifestazione contro il Wef
L’appello a scendere in piazza ieri per opporsi al World economic forum era stato lanciato su internet
commercio al dettaglio
1 gior
Princìpi e realtà, la Migros a un bivio
I 2,28 milioni di soci votano fino al 4 giugno sulla revoca del divieto di vendere alcolici. Analisi, contesto e reportage.
Svizzera
1 gior
‘2,2 miliardi in più per ridurre i premi di cassa malati’
È quanto prevede il controprogetto all’iniziativa socialista sui premi di assicurazione malattia adottato dalla Commissione sanità del Nazionale
Svizzera
1 gior
Violenza domestica, si allontani l’autore dal tetto familiare
La Commissione affari giuridici al Nazionale ha approvato due mozioni che estende a livello nazionale il principio già in vigore in diversi cantoni
© Regiopress, All rights reserved