laRegione
carlos/brian-no-a-internamento-condanna-a-6-anni-e-4-mesi
Un ritratto di "Carlos/Brian" durante il processo (Keystone)
Zurigo
16.06.21 - 16:01
Aggiornamento: 18:47
Ats, a cura de laRegione

'Carlos/Brian': no a internamento, condanna a 6 anni e 4 mesi

Ribaltata la sentenza del tribunale distrettuale di Dielsdorf che aveva deciso per un trattamento stazionario. Polemiche sulle condizioni di detenzione

Per una serie di numerose aggressioni ai danni di secondini, poliziotti e altri detenuti, il Tribunale cantonale di Zurigo oggi ha condannato a una pena detentiva di sei anni e quattro mesi il giovane delinquente conosciuto con il soprannome di Carlos. Non ha però considerato il cosiddetto "piccolo internamento" voluto in prima istanza per il 25enne, che adesso preferisce essere chiamato con il nome di battesimo Brian.

Il Tribunale distrettuale di Dielsdorf (ZH) aveva in precedenza condannato Carlos - che sta da tempo scontando la detenzione per vari reati - a una pena supplementare di quattro anni e nove mesi di detenzione, sospesa però in favore di una terapia psichiatrica stazionaria. Ciò avrebbe permesso di verificare ogni cinque anni se la terapia fosse stata efficace e se fosse necessario prolungarla.

Il giudice del Tribunale cantonale ha invece ritenuto che non c'è praticamente nessuna possibilità di effettuare una terapia con "Brian-Carlos", dato che egli stesso dice di non voler sottoporsi ad alcuna cura, e che non può essere costretto a farlo. E rinchiuderlo per il resto dei suoi giorni come chiesto dall'accusa sarebbe sproporzionato.

"Non è un assassino, uno stupratore e nemmeno un piromane. È soprattutto un picchiatore", ha detto il giudice che presiede la corte, sottolineando inoltre che i reati in questione sono tutti contro il sistema giudiziario. "C'è la possibilità che, dopo aver scontato la sua pena, in libertà possa dare una buona prova di sé stesso", ha notato.

Ci vorrà però ancora del tempo prima che ciò accada. Il giovane, detenuto da oltre tre anni e mezzo, deve infatti scontare almeno altri tre anni. E intanto la Procura ha già aperto un nuovo procedimento per una trentina di altri reati, che potrebbero comportare un'ulteriore pena aggiuntiva.

Contro la sentenza odierna sia la procura che l'imputato possono ancora fare appello al Tribunale federale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
brian carlos nils melzer tribunale distrettuale zurigo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
20 min
Livia Leu a Bruxelles per colloqui esplorativi
Durante la visita ufficiale della Segretaria di Stato è prevista la firma di un accordo di principio sul secondo contributo di coesione
Svizzera
51 min
Processo ai biker: pene detentive (anche lunghe) per tre persone
Otto anni di carcere al principale imputato, per altri due 8 e 42 mesi. E fori dall’aula la tensione resta alta
Svizzera
1 ora
Guardia alta a Berna in attesa della sentenza sui bikers
Vasto dispositivo di polizia nella capitale per l’ultimo atto del processo che vede imputati alcuni membri di Bandidos, Hells Angels e Broncos
Svizzera
16 ore
Covid, 3 svizzeri su 5 soddisfatti delle comunicazioni ufficiali
Secondo uno studio, in Ticino le persone che immaginano ci sia ‘un piano più grande dietro gli avvenimenti mondiali’ sono presenti in minor misura
Svizzera
16 ore
Fa sapere di aver donato un ovulo a una coppia, condannata
L’accordo scritto fra le parti prevedeva la non divulgazione della questione. Confermata la sentenza della giustizia zurighese.
Svizzera
17 ore
Crisi energetica, abbassare il termostato per risparmiare
La Confederazione potrebbe raccomandare alle famiglie che dipendono da questa energia di diminuire la temperatura in casa durante la stagione fredda.
Svizzera
17 ore
Giovane elefante muore allo zoo di Zurigo
L’animale era affetto da un herpes virus molto diffuso tra i pachidermi e particolarmente pericoloso per gli esemplari più piccoli
Svizzera
17 ore
Travolto e ucciso da un’auto mentre si trovava sul marciapiede
È successo a Baar, nel canton Zugo. Una donna avrebbe perso il controllo della vettura uscendo di strada e schiantandosi contro una fermata del bus.
Svizzera
18 ore
La Svizzera riprende il sesto pacchetto di sanzioni
Le nuove misure contro la Russia prevedono in particolare un embargo sul petrolio greggio e su alcuni prodotti petroliferi provenienti dal Paese
Svizzera
18 ore
La Confederazione si prepara a una penuria di gas
Si sta pure studiando un piano per un eventuale razionamento. Negli ultimi mesi i flussi di gas dalla Russia all’Ue sono diminuiti costantemente
© Regiopress, All rights reserved