laRegione
diritti
14.10.21 - 21:02

‘No alle donazioni di organi senza consenso esplicito’

Lanciato un referendum: dovrà ottenere 50mila firme entro il 20 gennaio 2022

Ats, a cura de laRegione
no-alle-donazioni-di-organi-senza-consenso-esplicito
Il logo di Swiss Transplant (Keystone)

La donazione di organi non deve avvenire senza un consenso esplicito. Ne è convinto un comitato che ha lanciato oggi il referendum contro la recente decisione del Parlamento, secondo la quale chi non intende donare i propri organi dopo la morte dovrà dichiararlo formalmente quando è ancora in vita. In assenza di una dichiarazione, la facoltà di prendere una decisione andrà conferita agli stretti congiunti o a una persona di fiducia. Gli oppositori hanno ora tempo fino al 20 gennaio 2022 per raccogliere le 50’000 firme necessarie.

Il comitato referendario, indipendente e apartitico, si è formato per assicurarsi che un cambiamento di “paradigma così fondamentale” non avvenga senza una consultazione popolare, si legge in una nota odierna. Con il ritiro dell’iniziativa “Favorire la donazione di organi e salvare vite umane”, il controprogetto del Consiglio federale, approvato dalle Camere il primo ottobre scorso, entrerebbe automaticamente in vigore dopo la scadenza dei termini referendari, mettono in guardia gli oppositori.

In virtù del principio del consenso presunto - ovvero ogni persona che non si oppone attivamente diventa un potenziale donatore - tutte le persone in Svizzera dovrebbero essere adeguatamente informate circa le modalità del prelievo di organi, precisa la nota. Se non sono d’accordo, devono iscrivere il loro nome in un registro o mettere per iscritto la loro opposizione in un testamento.

Secondo il comitato referendario, non è realistico che tutte le persone siano in grado di dare il loro consenso in piena cognizione di causa, così come viene richiesto in medicina. Gli oppositori temono cioè che le persone più vulnerabili siano particolarmente svantaggiate da questa soluzione.

Finora, in caso di dubbio, il paziente non era considerato un donatore di organi. Con il nuovo paradigma, gli stretti congiunti hanno la facoltà di prendere una decisione. Tale diritto mette indirettamente ancor più pressione sui famigliari.

Anche il Comitato nazionale di etica respinge il principio del consenso presunto, affermano gli oppositori. Con la nuova soluzione si preleverebbero inevitabilmente organi su persone che non sanno se avrebbero detto sì o no alla donazione, deplora ancora il comitato referendario.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 min
Oggi a Berna il tradizionale mercato delle cipolle
Nella capitale un centinaio di pullman turistici da tutta la Svizzera e dall’estero
elezioni cantonali
13 ore
Svitto: il Plr difende il seggio nel governo al ballottaggio
Damian Meier si è infatti imposto sulla concorrente dei Verdi liberali Ursula Lindauer. Il governo locale è interamente in mano ai partiti borghesi
alle urne
13 ore
Clima, tasse e giustizia: si è votato in otto Cantoni
Riforma giudiziaria nei Grigioni. A Basilea Città, zero emissioni di gas serra dal 2037. Deduzioni fiscali aumentate per la cassa malati nel Canton Zurigo
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
2 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
2 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
© Regiopress, All rights reserved