laRegione
28.09.21 - 11:48
Aggiornamento: 12:07

Raccolte 59’000 firme contro la vaccinazione sotto i 16 anni

La petizione è stata consegnata oggi a Berna dal gruppo ‘Gli Amici della Costituzione’. Si chiede lo stop immediato e il consenso obbligatorio dei genitori

raccolte-59-000-firme-contro-la-vaccinazione-sotto-i-16-anni
(Ti-Press)

Gli Amici della Costituzione hanno consegnato oggi a Berna la petizione “Fermate l’esautorazione dei genitori e la propaganda delle vaccinazioni per i bambini!” munita di 59’000 firme. Il testo chiede che il consenso dei genitori sia obbligatorio per vaccinazione dei ragazzi sotto i 16 anni e di interrompere la “propaganda di vaccinazione” nelle scuole.

“L’Ufficio federale della sanità pubblica, con il tacito sostegno dei politici, sta facendo di tutto per escludere i genitori dalla decisione di vaccinare i loro figli”, scrive l’associazione sul suo sito. Con la petizione, si vuole ovviare ad un’"astuzia legale" della Confederazione. I minori infatti hanno bisogno del consenso esplicito dei genitori per i tatuaggi o l’acquisto di un telefono cellulare, ma non per la vaccinazione, sostengono i firmatari.

A loro avviso questa disposizione è contraria alla protezione dei bambini e della salute inscritte nella Costituzione federale e alle linee guida sugli esperimenti medici stabilite nel Codice di Norimberga e nella legge sugli agenti terapeutici, aggiungono i promotori.

La petizione chiede che il consenso dei genitori sia obbligatorio per la decisione di vaccinare i bambini sotto i 16 anni e una moratoria immediata sulle vaccinazioni per tutti i ragazzi sotto questa soglia di età. Inoltre il Consiglio Federale deve impegnarsi a non somministrare vaccini ai bambini fino a quando non siano stati approvati a tempo indeterminato in una procedura di autorizzazione adeguata. Swissmedic dovrà rendere noti i criteri epidemiologici e medici in base ai quali è stata concessa tale autorizzazione, esigono i firmatari.

Infine Confederazione e Cantoni devono “astenersi da qualsiasi propaganda di vaccinazione nelle scuole pubbliche e nei centri di formazione”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
10 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
11 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
13 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
13 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
14 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
15 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
16 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
16 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved