laRegione
imprese-responsabili-la-svizzera-dovrebbe-anticipare
Keystone
Il Consiglio federale vuole esonerare le aziende con meno di 250 dipendenti dall’obbligo di diligenza in materia di lavoro minorile
laR
 
29.07.21 - 05:30
Aggiornamento: 14:23

Imprese responsabili, ‘la Svizzera dovrebbe anticipare’

Le Ong criticano il progetto di ordinanza ‘farsa’ presentato dal Consiglio federale. Il parere del professore di diritto internazionale Nicolas Bueno

29 novembre 2020: l’iniziativa ‘Per imprese responsabili’ viene accolta di misura dal popolo (50,7% di ‘sì’), non ottiene però la necessaria maggioranza dei cantoni. Karin Keller-Sutter – in prima linea durante una campagna aspramente combattuta – si presenta in conferenza stampa. Dà prova di fair-play nei confronti dei ‘perdenti’, che in realtà sono i vincitori morali della votazione. Il Consiglio federale – dichiara la ministra di giustizia e polizia – «pensa a tutte e tutti coloro che hanno lottato per anni a favore di questa iniziativa, e che oggi sono delusi (...). La loro mobilitazione non sarà stata vana». Il controprogetto indiretto adottato dal Parlamento è la «via moderata, efficace e concordata a livello internazionale» per raggiungere l’obiettivo condiviso anche da chi ha votato ‘no’. Le nuove norme del Codice delle obbligazioni comprendono l’obbligo per le grandi imprese di redigere ogni anno un rapporto sui rischi della loro attività in relazione a diritti umani, ambiente e corruzione, nonché un dovere di diligenza/controllo (esteso all’intera catena di fornitura) per quanto riguarda il lavoro minorile e i minerali provenienti da zone di conflitto. Il controprogetto non contiene per contro alcuna nuova clausola sulla responsabilità civile delle imprese.

14 aprile 2021: il Consiglio federale manda in consultazione fino a metà luglio il progetto di ordinanza con il quale intende attuare le disposizioni approvate alle urne. Prevede che tutte le aziende con un fatturato inferiore a 40 milioni di franchi e meno di 250 posti di lavoro a tempo pieno siano esentate dall’obbligo di dovuta diligenza in materia di lavoro minorile e dall’obbligo di rendiconto. Deroghe sono contemplate anche per aziende più grandi che presentano “lievi rischi” da questo punto di vista. Eccezioni anche per quanto concerne i minerali estratti in zone di guerra: l’obbligo di dovuta diligenza scatta solo a partire da una determinata soglia di volume importato (cento chili l’anno per l’oro, ad esempio). Inoltre, sono dispensate le imprese che lavorano e importano metalli riciclati. Il Consiglio federale ribadisce quanto affermato lo scorso autunno: le nuove disposizioni sono “ampiamente coordinate con i regolamenti corrispondenti a livello europeo”. Swissholdings, l’organizzazione mantello delle multinazionali, gioisce: questa è una “soluzione durevole per il futuro”.

Soluzione durevole, efficace, in linea con gli standard europei? I promotori dell’iniziativa e le organizzazioni non governative sono costernate. “Con quest’ordinanza la Svizzera resterà dietro la maggior parte dei Paesi europei”, ha detto ai giornali Tamedia Rahel Ruch del comitato d’iniziativa. Una coalizione di Ong deplora adesso una “legge minimalista” che sembra “una farsa”, un progetto “inefficace” che “disconosce” la volontà della maggioranza dei votanti e “incita a distogliere lo sguardo” dal lavoro minorile. “Il Consiglio federale prevede talmente tante eccezioni e condizioni derogatorie che non ci sarà praticamente alcuna azienda che dovrà sottostare agli obblighi di diligenza ragionevole riguardanti il lavoro minorile e i minerali di conflitto”, sostiene Chantal Peyer della coalizione di Ong, citata in una nota. Anche Nicolas Bueno, professore di diritto internazionale ed europeo a UniDistance Suisse, critica l’approccio governativo.

Professor Bueno, quale delle tante eccezioni e deroghe previste vi sembra la più problematica?

Già il fatto che l’obbligo di dovuta diligenza si applichi a soli due settori [lavoro minorile e minerali provenienti da zone di conflitto, ndr] è molto riduttivo. Poi, per quanto riguarda specificamente il progetto d’ordinanza, l’eccezione che mi sembra indifendibile sul piano internazionale è l’esenzione generalizzata delle piccole e medie imprese – anche di quelle la cui attività potrebbe presentare rischi elevati – dall’obbligo di dovuta diligenza in materia di lavoro minorile. Se proprio si voleva creare un’eccezione, la si doveva redigere in questo modo: sono esentate tutte le imprese che non si riforniscono in Paesi dove il lavoro minorile è una realtà.

Sulla questione del lavoro minorile “la Svizzera va più avanti dell’Ue”, ha dichiarato ai giornali Tamedia una portavoce dell’Ufficio federale di giustizia. Non è così, dunque?

Bisogna distinguere. Attualmente non abbiamo norme specifiche su quest’aspetto a livello di Unione europea. Esiste un progetto di Direttiva che abbraccia l’insieme dei diritti umani, e che comprende anche disposizioni in materia di lavoro minorile. Il progetto di ordinanza svizzero invece si spinge meno lontano della legge specifica in vigore da anni nei Paesi Bassi, ed è anche meno ambizioso della normativa adottata in giugno in Germania – il cui obbligo di diligenza è generalizzato e vale per i fornitori diretti, in via subordinata anche per quelli indiretti – o della legge norvegese.

Il Consiglio federale afferma che le nuove disposizioni sono “ampiamente coordinate con i regolamenti corrispondenti a livello europeo”. Non è d’accordo?

No. Per due ragioni: la prima è che la Svizzera in ambito di obbligo di diligenza ha adottato un approccio settoriale, mentre il progetto di Direttiva Ue è trasversale, copre cioè l’insieme dei diritti umani e le norme ambientali internazionalmente riconosciuti. La seconda ragione riguarda i meccanismi di applicazione: nel progetto di ordinanza del Consiglio federale, il solo meccanismo di questo tipo è l’obbligo per le grandi imprese di redigere un rapporto annuale nel quale rendano conto di come esercitano questo dovere di diligenza. Il progetto di Direttiva europea prevede invece dei meccanismi di controllo amministrativi, ovvero dei funzionari che verifichino l’effettivo rispetto dell’obbligo di dovuta diligenza e che, se del caso, impongano sanzioni. Non solo: c’è anche una clausola di responsabilità civile [era il ‘cuore’ dell’iniziativa ‘Per imprese responsabili’, ndr], in base alla quale la società madre può essere citata davanti a un tribunale nazionale per violazioni commesse dalle sue filiali all’estero.

Una clausola del genere esiste in Francia. La troviamo altrove?

Al momento no. Ma il principio è ormai sancito dalla giurisprudenza in vari Paesi, in particolare nel Regno Unito e nei Paesi Bassi, dove peraltro i tribunali non fanno che applicare il diritto civile in vigore. Ciò che per contro non si è ancora affermato, è il principio della responsabilità civile della società madre per violazioni commesse all’estero dalle aziende fornitrici dirette o indirette.

Saranno presto superate le disposizioni sull’obbligo di diligenza in procinto di entrare in vigore in Svizzera?

Diciamo che la Svizzera avrebbe tutto l’interesse – per una questione di certezza del diritto – ad anticipare quanto avviene in Europa, altrimenti prima o poi saranno i tribunali a dettare la linea da seguire, come succede nel Regno Unito e nei Paesi Bassi. Inoltre l’Ue ha detto chiaramente che la futura Direttiva [destinata a essere recepita non prima di un paio d’anni o tre, ndr] si applicherà non solo alle società con sede negli Stati membri, ma anche alle multinazionali attive sul mercato unico europeo.

Leggi anche:

Imprese responsabili e materiale bellico, iniziative bocciate

Controprogetto imprese responsabili, ordinanza in consultazione

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale diritti umani imprese responsabili nicolas bueno
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe
In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
6 ore
Incidente mortale ieri sera a Schlatt
Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
7 ore
Ventisettenne annega nel lago di Zurigo
È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
8 ore
HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte
Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
9 ore
Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9
A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
10 ore
Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade
Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
12 ore
Derubato di telefono e portafoglio da ignoti
Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
12 ore
Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave
L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
14 ore
Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione
Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
14 ore
Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano
L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
© Regiopress, All rights reserved