laRegione
21.07.21 - 18:24
Aggiornamento: 18:45

Tolleranza zero con chi guida dopo essersi fatto una canna

Il Tribunale federale respinge il ricorso di un automobilista che contestava il valore limite di Thc. Ma ammette: la regolamentazione non è chiara.

tolleranza-zero-con-chi-guida-dopo-essersi-fatto-una-canna
Keystone

Berna – Il Tribunale federale (Tf) ha respinto il ricorso di un automobilista risultato positivo alla cannabis. I giudici ribadiscono la linea della tolleranza zero per la cannabis nel traffico stradale, anche se la regolamentazione può "dare adito a discussioni".

Oltre all'alcol, ci sono altre sostanze con tassi che non devono essere superati se si vuole guidare. Per il tetraidrocannabinolo (Thc), il limite è stato fissato a 1,5 microgrammi per litro di sangue.

L’automobilista criticava tale limite: a suo parere, non dice nulla sull'effetto della sostanza. Un'analisi del suo sangue e delle sue urine ha rivelato la presenza di 4,4 microgrammi di Thc per litro di sangue. L'uomo è stato condannato da un tribunale argoviese a una multa sospesa di 300 franchi.

Un limite ‘discutibile’

Il valore è una soglia di rilevamento, che esprime la concentrazione alla quale la presenza di una sostanza nel sangue può essere dimostrata quantitativamente in modo affidabile, scrive il Tf nella sua sentenza. Tali valori devono essere distinti da quelli che, come per l'alcol, indicano al di sopra di quale concentrazione la capacità di guidare viene compromessa in modo significativo.

I giudici losannesi riconoscono che la regolamentazione è controversa. La scienza non riesce a stabilire una correlazione affidabile tra la concentrazione plasmatica di Thc e gli effetti concreti di questa sostanza. Il limite di Thc per il traffico stradale può essere discutibile. Ma il fatto che un'altra soluzione sia possibile o preferibile non lo rende arbitrario. Secondo il Tf, non c'è bisogno di cambiare la giurisprudenza.

(sentenza 6B_282/2021 del 23 giugno 2021)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
cyberpornografia
7 ore
Pedofilia: maxiretata nel Canton Vaud con 96 persone fermate
Centoventi casi analizzati. Due persone in carcere, tra coloro che hanno scaricato i file il 15% sono minorenni
Svizzera
9 ore
‘Solo Sì vuol dire sì’, al Nazionale passa la modifica di legge
Approvato l’inserimento nel Codice penale del principio che qualifica come aggressione sessuale il rapporto senza il consenso esplicito
Svizzera
9 ore
Preventivo 2023, gli Stati più generosi con l’Ucraina
Aumentati i mezzi per la ricostruzione. Più soldi anche per proteggere le greggi dai lupi e per la ricerca scientifica, meno per test Covid e vaccini
Svizzera
10 ore
Credit Suisse: Bin Salman valuta un investimento da 500 milioni
La banca elvetica corre alla Borsa di Zurigo sulle ipotesi che il principe ereditario dell’Arabia Saudita possa prendere parte al progetto di rilancio
Svizzera
14 ore
‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’
Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
14 ore
Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry
Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
17 ore
Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità
Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
Svizzera
1 gior
Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali
L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
1 gior
È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri
Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
Svizzera
1 gior
Nuotata di San Nicolao da record nella Limmat
Ben 380 persone si sono date appuntamento a Zurigo per la 22esima edizione della tradizionale manifestazione benefica
© Regiopress, All rights reserved