laRegione
16.09.21 - 15:45
Aggiornamento: 16:46

Anche se ‘scappa’, non si è autorizzati a correre in auto

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di un uomo che, per giustificare un eccesso di velocità, aveva addotto problemi di stomaco e diarrea

anche-se-scappa-non-si-e-autorizzati-a-correre-in-auto
(Depositphotos)

L’urgenza di un bisognino mentre si guida non giustifica un eccesso di velocità: lo ha ribadito oggi il Tribunale federale (TF), respingendo il ricorso di un automobilista che contestava il ritiro della patente da parte delle autorità svizzere.

L’uomo sosteneva di aver avuto all’improvviso problemi di stomaco e diarrea. In questa situazione di emergenza aveva quindi guidato velocemente per trovare al più presto un bagno pubblico. Era stato pizzicato mentre transitava in un cantiere stradale in Germania a oltre 120 km/h dove il limite era di 80 km/h.

Le autorità tedesche gli avevano inflitto una multa di 160 euro e un divieto di guida di un mese per aver superato il limite di velocità di 43 km/h. Avevano poi respinto un ricorso presentato dall’automobilista.

In Svizzera all’uomo è stata ritirata la patente di guida a tempo indeterminato dalle autorità del canton Berna: potrebbe tornare in possesso del documento al più presto dopo due anni e dopo aver ottenuto un risultato positivo in una perizia di psicologia del traffico.

Quando un automobilista incappa in un divieto di guida all’estero, le autorità elvetiche competenti possono a loro volta ordinare in casi gravi il ritiro della patente. Si considerano casi medio-gravi le infrazioni per eccesso di velocità di 35 km/h o più.

L’uomo ha presentato ricorso contro la decisione elvetica fino al Tribunale federale. Ma anche la suprema corte ha ritenuto che l’urgenza di andare al gabinetto, anche se sgradevole, non costituisca una giustificazione sufficiente.

In questo caso, l’interesse degli altri utenti della strada di poter viaggiare sicuri, è preponderante. Inoltre, rileva il TF, l’uomo è già più volte stato ripreso per eccesso di velocità ed ha già accampato scuse analoghe.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
2 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
19 ore
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
20 ore
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
22 ore
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
2 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
© Regiopress, All rights reserved