laRegione
al-via-la-raccolta-firme-contro-gli-aiuti-ai-media
Archivio Ti-Press
29.06.21 - 11:44
Aggiornamento: 21:47
Ats, a cura de laRegione

Al via la raccolta firme contro gli aiuti ai media

Incostituzionali, pericolosi per la democrazia e discriminatori: un comitato ha lanciato oggi un referendum per opporsi al pacchetto di sostegno votato dal parlamento

Gli aiuti ai media adottati dal Parlamento sono inaccettabili dal punto di vista costituzionale, pericolosi per la democrazia e discriminatori sotto l'aspetto della concorrenza. Citando tali motivazioni un comitato ha lanciato oggi un referendum per opporsi a questo pacchetto.

"È molto semplice: se lo Stato nutre i media, essi diventano controllati dallo Stato", ha riassunto Philipp Gut davanti alla stampa. Il giornalista della "Weltwoche", editore e specialista in comunicazione ritiene importante evitare "l'apparente parzialità dei media".

Il comitato referendario si interroga in primis sulla costituzionalità del pacchetto di aiuti da 150 milioni di franchi. "La Commissione della concorrenza ha condannato la distribuzione diretta di denaro a gruppi editoriali giudicandola contraria alla Costituzione", ha affermato l'ex consigliere nazionale Peter Weigelt (PLR/SG), evidenziando come l'articolo 93, intitolato "Radio e televisione", venga esteso alla stampa.

Solo i media a pagamento incasseranno i soldi pubblici, deplora inoltre il comitato. I membri temono che questo finirà per indebolire l'offerta gratuita online. "Se le misure entreranno in vigore, 20min.ch ad esempio non riceverà un solo centesimo di sovvenzioni", ha dichiarato Alec von Barnekow, presidente dei giovani liberali-radicali friburghesi.

Al contrario, i diretti concorrenti, che hanno un modello economico diverso, otterranno "generosi sussidi". La svolta digitale è avvenuta, constata von Barnekow, giudicando incomprensibile il sostegno finanziario a un mercato che è già cambiato. Gli aiuti frenerebbero poi l'innovazione e influenzerebbero i contenuti, avverte ancora il comitato.

Nel corso della recente sessione estiva, le Camere federali hanno approvato un pacchetto di aiuti ai media. Per quelli online sono previsti 30 milioni di franchi all'anno con lo scopo di favorire la transizione digitale. I contributi versati potranno raggiungere al massimo il 60% del fatturato.

Il progetto estende anche l'aiuto indiretto alla stampa attraverso la legge sulle poste. In futuro, la distribuzione mattutina dei giornali andrà pure sostenuta. Un budget di 120 milioni sarà destinato alla consegna regolare dei quotidiani e dei settimanali agli abbonati.

Infine, anche le agenzie di stampa, come Keystone-ATS, avranno diritto a un supporto finanziario. Per farlo dovranno assicurare un'offerta equivalente in tedesco, francese e italiano. Il pagamento dei dividendi sarà vietato durante il periodo di erogazione di questi sussidi federali.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
media stampa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
10 ore
Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs
La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
10 ore
Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale
Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
Svizzera
11 ore
Le Ffs si preparano alla Street Parade con vari treni aggiuntivi
Un orario speciale verrà inoltre adottato sulla rete notturna della Comunità dei trasporti di Zurigo
Svizzera
11 ore
Pollini, il 2022 anno eccezionale per precocità e abbondanza
In Ticino quelli del nocciolo sono presenti dalla fine di dicembre 2021. Vari i record in tutta la Svizzera
Svizzera
13 ore
Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso
Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
Svizzera
17 ore
Due morti in un incidente stradale sul Bernina
Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni
Svizzera
1 gior
Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale
Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
Svizzera
1 gior
Tra cinque anni l’area alpina europea troppo piccola per il lupo
Dopodiché ci sarà un’autoregolazione. Secondo il Gruppo lupo svizzero una maggiore regolamentazione della specie non riuscirà a bloccarne la crescita
Svizzera
1 gior
Scoperto un altro scheletro su un ghiacciaio in Vallese
I resti sono stati ritrovati nei giorni scorsi nella regione di Saas Fee. Gli esperti di medicina legale sono al lavoro
Svizzera
1 gior
Engadina, presenza quasi certa di tre orsi
Sono stati osservati tramite le fototrappole. In assenza di test del Dna, non è possibile certificare con sicurezza che si tratti di esemplari differenti.
© Regiopress, All rights reserved