laRegione
aiuti-finanziari-ai-media-nasce-il-comitato-a-favore
(Keystone)
10.09.21 - 15:37
Aggiornamento: 18:21
Ats, a cura de laRegione

Aiuti finanziari ai media, nasce il comitato a favore

A sostenere il pacchetto approvato in giugno dal parlamento sono deputati di tutti i gruppi parlamentari eccetto l'Udc

Berna – In vista del probabile voto referendario, si è formato un comitato che sostiene il pacchetto di aiuti finanziari ai media approvati in giugno dal parlamento. Ne fanno parte deputati di tutti i gruppi parlamentari, ad eccezione dell'Udc, e l'associazione degli editori Schweizer Medien.

Il pacchetto di sostegni ai media è necessario per rafforzare il dibattito democratico e la presenza dei media nelle regioni, scrive in una nota il comitato denominato "Die Meinungsfreiheit" ("La libertà d'espressione").

I gruppi mediatici - si legge nella nota - stanno affrontando sfide "enormi" causate dal crollo delle entrate pubblicitarie e dalla concorrenza delle aziende globali che operano su internet. Le informazioni diffuse dai social media, che non devono sottostare agli standard giornalistici, influenzano inoltre sempre più la formazione delle opinioni.

"I media privati svizzeri danno un contributo indispensabile alla democrazia diretta svizzera", scrive il comitato. Queste prestazioni devono "urgentemente" essere garantite anche in futuro.

Il pacchetto di misure approvato lo scorso giugno dal parlamento propone fra le altre cose di estendere l'aiuto indiretto ai media con il sostegno alla distribuzione dei giornali. La spesa complessiva si attesta a circa 120 milioni di franchi.

È previsto anche un aiuto ai media online, per un totale di 30 milioni di franchi all'anno, mirato a favorire la transizione digitale. I contributi potranno raggiungere al massimo il 60% del fatturato generato dall'impresa. Un sostegno a determinate condizioni è previsto anche per le agenzie di stampa nazionali, in particolare a Keystone-Ats.

Secondo il comitato per la "libertà d'espressione", più di cento fra case editrici, istituzioni e altre organizzazioni potranno beneficiare degli aiuti.

Contro queste misure, un comitato chiamato "No ai media finanziati dallo Stato" ha lanciato un referendum e ha annunciato martedì di avere raccolto, un mese prima della scadenza, le 50'000 firme necessarie. Del comitato referendario fanno parte editori, imprenditori, professionisti dei media e 72 parlamentari, che parlano di "sussidi inutili e dannosi". Se lo Stato comprasse i media, questi diventerebbero media di Stato, sostiene il comitato.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aiuti media die meinungsfreiheit
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs
La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
11 ore
Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale
Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
Svizzera
12 ore
Le Ffs si preparano alla Street Parade con vari treni aggiuntivi
Un orario speciale verrà inoltre adottato sulla rete notturna della Comunità dei trasporti di Zurigo
Svizzera
12 ore
Pollini, il 2022 anno eccezionale per precocità e abbondanza
In Ticino quelli del nocciolo sono presenti dalla fine di dicembre 2021. Vari i record in tutta la Svizzera
Svizzera
14 ore
Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso
Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
Svizzera
18 ore
Due morti in un incidente stradale sul Bernina
Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni
Svizzera
1 gior
Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale
Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
Svizzera
1 gior
Tra cinque anni l’area alpina europea troppo piccola per il lupo
Dopodiché ci sarà un’autoregolazione. Secondo il Gruppo lupo svizzero una maggiore regolamentazione della specie non riuscirà a bloccarne la crescita
Svizzera
1 gior
Scoperto un altro scheletro su un ghiacciaio in Vallese
I resti sono stati ritrovati nei giorni scorsi nella regione di Saas Fee. Gli esperti di medicina legale sono al lavoro
Svizzera
1 gior
Engadina, presenza quasi certa di tre orsi
Sono stati osservati tramite le fototrappole. In assenza di test del Dna, non è possibile certificare con sicurezza che si tratti di esemplari differenti.
© Regiopress, All rights reserved