laRegione
13.06.21 - 17:57
Aggiornamento: 18:15

Legge CO2, ‘rischiamo di infilarci in un vicolo cieco’

I timori di Alex Farinelli dopo il risicato ‘no’ odierno. ‘Faccio fatica a capire in quale direzione potremmo andare adesso’.

legge-co2-rischiamo-di-infilarci-in-un-vicolo-cieco
Keystone
Farinelli

Alex Farinelli, consigliere nazionale del Plr, come analizza il ‘no’ alla legge sul CO2?

Tutti, o quasi, a parole dicono di voler fare qualcosa per affrontare la sfida del cambiamento climatico, dell’uscita dai combustibili fossili. Poi però non si riesce a far passare nemmeno un compromesso che godeva di un’ampia base di sostegno a livello parlamentare. Adesso faccio fatica a immaginare in quale direzione si possa andare.

La mobilitazione contro le due iniziative sui pesticidi ha trascinato nella fossa la legge sul CO2?

È possibile. Le votazioni concomitanti sulle due iniziative sui pesticidi hanno mobilitato gli elettori nelle zone rurali. Posso immaginare che qui i cittadini si siano sentiti messi un po’ sotto pressione. Inoltre, credo che il contesto – parlo dell’incertezza che sussiste a livello economico a causa della pandemia – abbia pure avuto un ruolo nel risicato ‘no’ alla legge sul CO2.

Anche una parte importante dell’elettorato liberale-radicale ha respinto la legge. Lo si può leggere anche come un segnale di sfiducia nei confronti dei vertici del partito.

No. Il riorientamento ‘verde’ del Plr non è stato imposto dai vertici, ma è stato avallato a larghissima maggioranza dalla base del partito. Il fatto è che il passaggio da un’idea alla sua concretizzazione è sempre delicato.

Questa non era una legge «socialista», come la definisce il presidente dell’Udc Marco Chiesa. Ma affidava allo Stato un ruolo importante, e prevedeva anche sovvenzioni ad ampio raggio. Qualcosa che non era proprio nel Dna del suo partito.

Questa legge non attribuiva un ruolo così importante allo Stato. Puntata invece sulla responsabilità individuale: in virtù delle tasse incitative previste, ogni cittadino sarebbe stato reso ancor più responsabile del proprio comportamento. La legge era liberale: non imponeva alcun divieto. Mentre già oggi sento i Verdi parlare di divieti: questo sì che sarebbe un intervento forte da parte dello Stato.

Non teme una crisi d’identità per il suo partito, insomma?

Assolutamente no. Ripeto: la base ha sostenuto a larghissima maggioranza il cambiamento. E la proposta di una tassa sui biglietti aerei è venuta addirittura dalla stessa assemblea dei delegati. Una parte dell’elettorato liberale-radicale non ha ostenuto la legge. Ma fa parte dell’ordine delle cose, per un partito che gioca al centro dello scacchiere politico.

Il Parlamento dovrà rimettersi al lavoro, ricominciare da capo o quasi. Come la vede?

Mi pare di capire che l’Udc non abbia molta voglia di fare qualcosa. Il messaggio che ha lanciato in questa campagna era che è inutile che la Svizzera faccia troppi sforzi contro il riscaldamento globale.

L’Udc afferma di avere pronto un piano B. E si potrà comunque rilanciare sui punti incontestati della legge affossata.

Sui punti cruciali di questa legge, quelli che davvero contano, l’Udc non ha mai manifestato un’apertura. Starà soprattutto a loro, comunque, indicare quali sono le strade da percorrere. Una cosa è certa: ci vorrà un anno, un anno e mezzo per elaborare una nuova legge in Parlamento; e probabilmente vi sarà ancora una coda referendaria, perché posso immaginarmi che il progetto alla fine sarà o troppo estremo o troppo blando, per cui qualcuno lo vorrà portare davanti al popolo. La mia paura è che potremmo infilarci in una sorta di vicolo cieco: nel senso che arriveremo a un punto in cui saremo obbligati a chiedere sacrifici ancora più importanti (ma apparentemente è impossibile), oppure a rinunciare all’obiettivo che ci siamo impegnati a rispettare firmando gli accordi di Parigi sul clima.

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
23 min
Raccolte le firme per l’iniziativa sul mantenimento del contante
Già certificate oltre 111‘000 firme a favore del ’Sì a una valuta svizzera libera e indipendente sotto forma di monete o banconote’
Svizzera
17 ore
Due morti a Disentis per una valanga
La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
17 ore
La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna
Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
20 ore
La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record
Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
21 ore
Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera
Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
23 ore
Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora
Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
1 gior
L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave
Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
1 gior
Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato
Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
1 gior
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
1 gior
Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp
Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
© Regiopress, All rights reserved