laRegione
30.07.21 - 13:21
Aggiornamento: 18:05

‘No’ alle iniziative sui pesticidi fatale alla legge CO2

Decisive la forte mobilitazione nelle zone rurali e la preoccupazione per i costi, indicano i risultati dell’analisi Vox.

no-alle-iniziative-sui-pesticidi-fatale-alla-legge-co2
Keystone
Sono stati soprattutto gli abitanti delle zone rurali a togliere la luce alla nuova legge sul CO2

Berna – La forte mobilitazione delle regioni rurali contro le due iniziative agricole in votazione lo scorso 13 di giugno, che chiedevano di vietare l'uso di pesticidi, ha contribuito ad affossare anche la Legge sul CO2. Contrari soprattutto gli elettori vicini a UDC, PLR e Centro. A far pendere la bilancia dalla parte dei contrari alla Legge sul CO2 sono stati anche motivi di carattere finanziario - aumento costo benzina e biglietti aerei tra le altre cose, n.d.r - stando ai risultati dell'analisi Vox pubblicati oggi.

Per coloro che hanno respinto la legge, il rapporto costi/benefici non quadrava poiché avrebbe gravato eccessivamente sulle spalle delle piccole e medie imprese, secondo i ricercatori dell'istituto gfs.bern che, per l'occasione, hanno interrogato 3054 elettori.

Il fattore anagrafico

Dall'indagine emerge anche che il 46% dei contrari è favorevole a un maggior impegno contro il cambiamento climatico. Tuttavia, la maggioranza non ha fiducia né nelle associazioni ambientaliste né nella scienza.

Politicamente, la maggior parte di coloro che hanno respinto il testo simpatizzano per l'UDC, il PLR e il Centro. L'atteggiamento di rifiuto cresce con l'aumentare dell'età.

Per una chiara maggioranza di favorevoli alla normativa, invece, la protezione dell'ambiente deve ricevere maggiore attenzione rispetto agli aspetti economici. Da qui anche l'urgenza di fare qualcosa.

Per gli autori del sondaggio, la mobilitazione contro le due iniziative agricole ha influenzato l'esito del voto riguardante la Legge sul CO2: il triplo no è addebitabile all'ampio sostegno ricevuto dalle zone rurali del Paese.

Fiducia nei contadini...

In merito alle due iniziative per una Svizzera senza pesticidi e per un'acqua potabile pulita, il "no" alle urne deve essere letto come un attestato di fiducia nell'agricoltura odierna. La maggior parte dei "no" è stata espressa da persone che hanno fiducia nel lavoro dei contadini.

In questo caso, dall'analisi del sondaggio, emerge che il fattore territoriale, ossia il luogo di residenza, ha avuto un impatto maggiore rispetto a criteri socio-demografici. Oltre a ciò, una quota importante di simpatizzanti dei Verdi liberali e del Partito socialista ha respinto le due iniziative.

...e nel Consiglio federale

Per quanto attiene all'ampio sostegno alla legge Covid-19, si tratta di un attestato di fiducia nel Consiglio federale, nell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e nella task force Covid-19.

Una fiducia nel governo che viene meno tra gli oppositori, soprattutto UDC. A loro parere, la legge lascia troppo spazio ad abusi di potere e i costi sono troppo alti. Inoltre, si teme l'introduzione della vaccinazione obbligatoria, mentre le misure per tenere sotto controllo la pandemia potrebbero essere peggiori del virus stesso.

Anche il "sì" alla legge antiterrorismo va interpretata come un attestato di fiducia nel Consiglio federale e nella polizia. La polizia ha ora a disposizione più strumenti per proteggere il Paese da attacchi terroristici.

Gli oppositori temono invece lo scivolamento della Svizzera verso uno stato di polizia, favorito dalla vaghezza della legge e dal potere eccessivo concesso alle forze dell'ordine. Il campo del "sì", composto di sostenitori del Centro, del PLR, dell'UDC, dei Verdi e dei Liberali, ha sottolineato invece la necessità di maggiore sicurezza contro il terrorismo, fenomeno che fa pesare minacce reali sul paese.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
32 min
Se la coda in autostrada fa perdere tempo... e soldi
Ammontano a tre miliardi di franchi i costi causati dai ritardi dovuti al traffico; a dirlo l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale
Svizzera
17 ore
Traffico sulla A13 e la A28, niente ‘bacchetta magica’
Il problema del traffico turistico di aggiramento sulle due arterie grigionesi impone una strategia sovracantonale
Svizzera
18 ore
Tentata rapina a mano armata a Crans Montana
Preso di mira, poco prima delle 6, un negozio del centro. È caccia ai malviventi (due) in Vallese
Svizzera
19 ore
Cresce il numero di persone con livello d’istruzione terziario
Tra i 25-34enni nell’arco di vent’anni la quota è raddoppiata: nel 2021 uno su due aveva conseguito un diploma corrispondente
Svizzera
21 ore
All’aeroporto di Zurigo-Kloten, la ripresa pare confermata
In settembre i movimenti sono stati 20’355, un 3% in meno rispetto ad agosto ma di quasi un terzo superiore allo stesso mese del 2021
Svizzera
21 ore
Scesi dal bus aggrediscono un uomo e gli danno fuoco
Dodici adolescenti sono stati rilasciati al termine dell’interrogatorio, avvenuto a Winterthur, mentre due si trovano in carcerazione preventiva
Svizzera
22 ore
Svizzera ‘razzista sistemica’, ma Berna respinge le accuse
Per l’ambasciatore elvetico alle Nazioni Unite le considerazioni del Gruppo sono in parte basate su ‘supposizioni’ e ‘malintesi’
Svizzera
1 gior
Malgrado le ombre, le prospettive per l’industria non peggiorano
Il comportamento del parametro rappresenta una sorpresa: gli analisti si aspettavano infatti una contrazione a valori compresi fra 54 e 55,6 punti
Svizzera
1 gior
Suicidi quasi dimezzati negli ultimi quarant’anni
La diminuzione è soprattutto evidente tra gli uomini. Il Ticino ha presentato i tassi di suicidio inferiori per tutto l’ultimo decennio
Svizzera
1 gior
Lieve ma significativo rallentamento dell’inflazione
Si tratta del primo calo dopo venti mesi consecutivi con numeri in crescita o stabili. In settembre il rincaro annuo si è attestato al 3,3%
© Regiopress, All rights reserved