laRegione
16.04.21 - 10:31
Aggiornamento: 15:17

Molestie alla Rts: due colpevoli, Rochebin scagionato

Due collaboratori hanno commesso molestie: uno ha lasciato l'azienda, l'altro è stato sanzionato. L'ex presentatore ne esce pulito. Ma ci sono altri addii...

di Ats/Red
molestie-alla-rts-due-colpevoli-rochebin-scagionato
La torre della televisione di Rts (Keystone)

Due collaboratori di Rts hanno commesso molestie. Non l'ex presentatore Darius Rochebin, scagionato da ogni accusa. Sono i risultati delle inchieste avviate in seguito all'articolo di Le Temps su casi di molestie alla Rts, esploso nel novembre del 2020. “Uno dei dipendenti ha lasciato l'azienda e l'altro ha ricevuto una sanzione formale”, comunica l'azienda. “Nessuna testimonianza raccolta porta a molestie sessuali o psicologiche, attacchi di personalità o qualsiasi reato penale”, aggiunge Rts relativamente al caso dell'ex presentatore.

“Darius Rochebin accoglie con favore la serietà delle indagini in Svizzera, i cui risultati confermano ciò che ha detto fin dal primo giorno", riferisce Antoine Vey, avvocato dell0ex presentatore Rts. “Dopo un periodo di attesa di sei mesi – dice il legale – le conclusioni dell'indagine svizzera consentono di chiarire definitivamente la situazione”. A novembre, Rochebin ha presentato una denuncia penale per diffamazione contro Le Temps.

L'indagine ha portato anche all'identificazione di una responsabilità per Gilles Marchand, direttore Ssr, rilievo che comunque non è stato sanzionato: «Ho preso una decisione sbagliata nel 2014, in merito alla vicenda di un collaboratore accusato di mobbing. Mi scuso e mi dispiace moltissimo, di fronte alle persone che hanno subito conseguenze e sofferenze», spiega Marchand in conferenza stampa. Malgrado questo, l'azienda lo conferma alla guida del profondo lavoro di ristrutturazione in ambiti di molestie e abusi di potere, pienamente definito a giugno, con la conclusione dell'intera indagine, che non riserverà nuove sorprese: “Le circa 220 testimonianze raccolte dalla hotline della Rts non porteranno a nuove indagini disciplinari”, ha confermato nella stessa sede il direttore di Rts, Pascal Crittin, che ha espresso il suo rammarico nei confronti dei collaboratori che “non sono stati ascoltati abbastanza”.

Bernard Rappaz, caporedattore di telegiornali, che aveva deciso di ritirarsi dai compiti operativi durante le indagini, non tornerà in azienda da parte sua. “Un ritorno al suo incarico si è rivelato irrealistico”, commenta Crittin. Lascia anche il direttore delle risorse umane, a favore di “un nuovo team”.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 min
Medicina di genere, nuova cattedra all’Università di Zurigo
Si tratta di una prima in Svizzera. Obiettivo: mettere l’accento sulle donne nella ricerca medica.
Svizzera
1 ora
Sospeso il processo d’Appello a Blatter e Platini
La causa dello stop al procedimento per truffa è una richiesta di ricusazione dell’insieme del tribunale
Svizzera
2 ore
Aviaria, dopo il Ticino e Zurigo ora c’è un caso pure a Lucerna
Il virus H5N1 è stato riscontrato in un gabbiano reale zampegialle a Sursee rinvenuto nei pressi della città vecchia
Svizzera
4 ore
Dopo partita ‘caldo’ alla stazione di Altstetten
Scontri fra tifosi del San Gallo e polizia (che fa ricorso ai proiettili di gomma) a margine della partita con lo Zurigo
Svizzera
5 ore
‘Salta’ un bancomat a Neuendorf, ladri in fuga
Preso di mira un distributore di denaro all’interno di un negozio. Per motivi di sicurezza la zona attorno è stata isolata per diverse ore
Svizzera
5 ore
Sunrise, massa salariale ritoccata al rialzo
L’incremento globale sarà del 2,6%, del 2,8% per i dipendenti soggetti al contratto collettivo di lavoro
Svizzera
5 ore
Il 2022 buona annata per i funghi, pessima per gli avvelenamenti
Aumentate del 25% le chiamate al numero di emergenza 145 di Tox Info Suisse, è il secondo dato più alto di sempre
Svizzera
5 ore
Violenza verso le donne, l’Esercito vuol vederci chiaro
Un sondaggio metterà in luce l’atteggiamento dei soldati nei confronti delle donne in grigioverde
Svizzera
7 ore
Soldi degli oligarchi per l’Ucraina? ‘Si può fare’
Secondo Mark Pieth, professore di diritto penale ed esperto di corruzione, una base legale che lo consente nel nostro Paese già c’è
Svizzera
8 ore
‘Qui la disinformazione non è sufficientemente contrastata’
Lo sostiene il sociologo vallesano Laurent Cordonier, secondo cui nel nostro Paese si dovrebbe fare di più
© Regiopress, All rights reserved