laRegione
18.04.21 - 18:00

La strana tolleranza zero della Ssr

Parole dure, alla conferenza stampa sui primi risultati delle inchieste sui casi di mobbing e molestie alla radiotelevisione romanda. Ma poi nessuno ha colpa grave

la-strana-tolleranza-zero-della-ssr
Jean Michel Cina spiega cose (Keystone)

Tolleranza zero contro molestie e abusi alla Ssr, anche un solo caso è un caso di troppo, i collaboratori della radiotelevisione svizzera devono sentirsi tutelati eccetera eccetera. Così venerdì in conferenza stampa hanno ribadito il presidente del Cda Jean-Michel Cina, il direttore generale Gilles Marchand, il direttore della Rts Pascal Crittin e, unica donna presente, la consigliera d’amministrazione Ursula Gut-Winterberger. Certo, i risultati delle inchieste avviate sono ancora parziali – di più, anche sulla Rsi, si saprà a giugno –, i dettagli sui casi rimangono riservati per tutelare le vittime che non meritano una seconda umiliazione pubblica, le indagini sono state condotte da esterni proprio per garantirne l’obiettività. E tuttavia ha stonato, sentire quel consesso praticamente tutto maschile affermare, mentre “tolleranza zero” e “meritarci la fiducia dei collaboratori” ancora risuonavano nell’aria, che le colpe di Marchand, allora direttore della Rts, sono non gravi e quindi non si prende nessun provvedimento. Ancora più strani, i ringraziamenti “per l’ottimo lavoro svolto” rivolti a due dirigenti della Rts che hanno deciso volontariamente di lasciare l’azienda.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
1 gior
I due estremi del cerchio
Le criticità del settore sociosanitario e quelle del socioeducativo sono intrinsecamente legate: la situazione è preoccupante
IL COMMENTO
2 gior
L’Udc, la destra italiana e la politica del dispetto
Su entrambe le sponde della Tresa si moltiplicano l’ostruzionismo ai soccorsi dei migranti e le ‘idee balzane’ circa le pratiche d’asilo
Il commento
3 gior
Minchia signor Zelensky
Perché Sanremo è Sanremo, ma non è e non potrà mai essere soltanto musica. Per fortuna
IL COMMENTO
4 gior
L’altra battaglia nel cuore di Mosca
Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
5 gior
Da Guzmán a Messina Denaro
Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
6 gior
Tornato Netanyahu, tornate le stragi
Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
1 sett
‘Guerra bbbrutto’
"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
1 sett
Soldi finti, pirati veri
Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
1 sett
Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?
Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
1 sett
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
© Regiopress, All rights reserved