laRegione
la-strana-tolleranza-zero-della-ssr
Jean Michel Cina spiega cose (Keystone)
La formica rossa
18.04.21 - 18:000

La strana tolleranza zero della Ssr

Parole dure, alla conferenza stampa sui primi risultati delle inchieste sui casi di mobbing e molestie alla radiotelevisione romanda. Ma poi nessuno ha colpa grave

Tolleranza zero contro molestie e abusi alla Ssr, anche un solo caso è un caso di troppo, i collaboratori della radiotelevisione svizzera devono sentirsi tutelati eccetera eccetera. Così venerdì in conferenza stampa hanno ribadito il presidente del Cda Jean-Michel Cina, il direttore generale Gilles Marchand, il direttore della Rts Pascal Crittin e, unica donna presente, la consigliera d’amministrazione Ursula Gut-Winterberger. Certo, i risultati delle inchieste avviate sono ancora parziali – di più, anche sulla Rsi, si saprà a giugno –, i dettagli sui casi rimangono riservati per tutelare le vittime che non meritano una seconda umiliazione pubblica, le indagini sono state condotte da esterni proprio per garantirne l’obiettività. E tuttavia ha stonato, sentire quel consesso praticamente tutto maschile affermare, mentre “tolleranza zero” e “meritarci la fiducia dei collaboratori” ancora risuonavano nell’aria, che le colpe di Marchand, allora direttore della Rts, sono non gravi e quindi non si prende nessun provvedimento. Ancora più strani, i ringraziamenti “per l’ottimo lavoro svolto” rivolti a due dirigenti della Rts che hanno deciso volontariamente di lasciare l’azienda.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Riscaldamento globale, il compromesso del doppio binario
Sul clima il tempo stringe e i piccoli passi possono portare avanti: scioperare per il futuro sì, ma anche sostenere la nuova legge sul Co2
Commento
1 gior
Scozia, il tassello più pregiato del Regno disunito
La Brexit ha dato risposte facili a un problema complesso: per questo sarà difficile dire no a un nuovo referendum scozzese e alla riunificazione dell'Irlanda
Commento
2 gior
Il trionfo forzato dell'indebitamento
Storicamente il debito ha sempre avuto una connotazione negativa, perché opposto a una filosofia politica e morale di liberazione dell’individuo
Commento
4 gior
Una superpotenza chiamata Netanyahu
Primo ministro dal 2009, trova sempre un modo per restare in sella. Gli scontri di questi giorni sono l'occasione di evitare processi e declino
Commento
5 gior
Barcolla, non molla, il pugile bianconero
Il Lugano sogna ancora l'Europa ma sembra essere arrivato a questo finale di stagione con le batterie scariche, per buona pace del 'Prés' Angelo Renzetti
Commento
6 gior
Non è una sinistra per poveri (e Piketty spiega il perché)
Le classi più deboli tenderebbero a votare sempre meno una sinistra impegnata in molte battaglie culturali, ma che non riesce a parlare ai lavoratori
Commento
1 sett
Rotto l’argine della dialettica, Ppd e Plr pensino al futuro
Lo scambio di cortesie tra Dadò e Speziali non è per forza un male. Però entrambi sappiano che protagonista non è il dibattito politico, ma chi fuori soffre
Commento
1 sett
Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini
Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti
Commento
1 sett
La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti
India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia
Commento
1 sett
Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra
La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile