laRegione
la-strana-tolleranza-zero-della-ssr
Jean Michel Cina spiega cose (Keystone)
18.04.21 - 18:00

La strana tolleranza zero della Ssr

Parole dure, alla conferenza stampa sui primi risultati delle inchieste sui casi di mobbing e molestie alla radiotelevisione romanda. Ma poi nessuno ha colpa grave

Tolleranza zero contro molestie e abusi alla Ssr, anche un solo caso è un caso di troppo, i collaboratori della radiotelevisione svizzera devono sentirsi tutelati eccetera eccetera. Così venerdì in conferenza stampa hanno ribadito il presidente del Cda Jean-Michel Cina, il direttore generale Gilles Marchand, il direttore della Rts Pascal Crittin e, unica donna presente, la consigliera d’amministrazione Ursula Gut-Winterberger. Certo, i risultati delle inchieste avviate sono ancora parziali – di più, anche sulla Rsi, si saprà a giugno –, i dettagli sui casi rimangono riservati per tutelare le vittime che non meritano una seconda umiliazione pubblica, le indagini sono state condotte da esterni proprio per garantirne l’obiettività. E tuttavia ha stonato, sentire quel consesso praticamente tutto maschile affermare, mentre “tolleranza zero” e “meritarci la fiducia dei collaboratori” ancora risuonavano nell’aria, che le colpe di Marchand, allora direttore della Rts, sono non gravi e quindi non si prende nessun provvedimento. Ancora più strani, i ringraziamenti “per l’ottimo lavoro svolto” rivolti a due dirigenti della Rts che hanno deciso volontariamente di lasciare l’azienda.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
jean michel cina molestie ssr tolleranza zero
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
57 min
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterranea della sedia incollata non ha confini
Commento
1 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
1 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
2 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
3 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
4 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
6 gior
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
6 gior
Stampa, di mordacchia in mordacchia
Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
6 gior
Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger
Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett
Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea
Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
© Regiopress, All rights reserved