laRegione
Young Boys
5
Winterthur
1
2. tempo
(3-1)
Servette
Sion
16:30
 
Zurigo
S.Gallo
16:30
 
AC Bellinzona
0
Yverdon-sport Fc
2
fine
(0-0)
FC Stade Ls Ouchy
Losanna
16:30
 
Xamax
Sciaffusa
16:30
 
Juventus
0
Monza
2
2. tempo
(0-2)
20.11.21 - 22:06
Aggiornamento: 21.11.21 - 17:24

Pouliot rovina il sabato sera all’Ambrì di Cereda

Un gol del canadese a meno di 5 minuti dalla fine condanna i biancoblù alla sconfitta, in una serata in cui i leventinesi meritavano ben altra sorte

pouliot-rovina-il-sabato-sera-all-ambri-di-cereda
Il ginevrino Karrer cerca di anticipare Kneubuehler (Ti-Press)

Anche il sabato è senza punti, per l’Ambrì di Luca Cereda, Con il tecnico biancoblù che contro il Ginevra decide di confermare il lineup della seconda parte del derby, compreso quindi Ciaccio tra i pali, con Zwerger e Regin che però sono affiancati da Kozun, rientrato in formazione a spese di D’Agostini, mentre per l’occasione il tredicesimo attaccante è Incir. Mentre sul fronte ginevrino la novità del weekend è senz’altro la presenza tra i pali di un volto ben noto in Ticino, quel Sandro Zurkirchen che la maglia dell’Ambrì l’aveva vestita per ben quattro stagioni tra il 2013 e il 2017, arrivato al Servette da Kloten per mezzo di una licenza B a causa della temporanea assenza dell’acciaccato Gauthier Descloux (il quale, secondo i piani, dovrebbe tornare in tempo per affrontare il Bienne, sabato).

Il primo tempo è combattuto e si apre subito con gli straordinari per Damiano Ciaccio, costretto a realizzare un mezzo miracolo al quarto minuto su un tentativo di Antonietti, che in mezzo allo slot più libero di così non potrebbe essere. Poi, quando la partita entra nel vivo, anche l’Ambrì si crea le sue belle opportunità per segnare, quelle capitate ad Heim, Grassi e, soprattutto, al rientrante Kozun, che a quattro minuti dalla sirena deve però prima portarsi il disco sul ‘backhand’ dopo un disco filtrante di Zwerger, e quando riesce a poi concludere Zurkirchen chiude il varco, prima che Regin provi vanamente a ribadire in rete. Il Ginevra tuttavia risponde prontamente, con due pericolosissime deviazioni volanti di Jooris davanti a Ciaccio in superiorità numerica (fuori c’è Fohrler per una trattenuta), con il puck che finisce a lato di un soffio.

La partita s’infiamma davvero però in avvio di secondo tempo. Quando dopo una penalità inflitta a Zwerger, per sgambetto, Yanick Fischer si vede spedire in panchina per una (pur involontaria) bastonata in faccia a Richard, sul cui viso c’è del sangue: gli arbitri sono così costretti a punire il difensore biancoblù con una doppia penalità minore, con i ticinesi che sono costretti a restare sul ghiaccio per 1‘32’’ a 3 contro 5. Superata brillantemente la prima difficoltà, i biancoblù incassano l’1-0 ospite (del solito Tömmernes, al 23’42’’) a quattro miseri secondi dalla fine della prima delle due penalità inflitte a Fischer. Così, sono costretti a stringere i denti per altri due minuti, superati infine senza ulteriori danni. Insomma: da quella difficilissima situazione gli uomini di Cereda escono con il minimo dei danni, oltre che rafforzati nel morale. Infatti quello dell’Ambrì è un crescendo, con il Servette che è costretto a fare i conti con una pressione sempre maggiore. Finché, meritato, arriva anche il pareggio, originato da una clamorosa leggerezza di Le Coultre, che mette un disco all’indietro senza guardare, e su quel puck s’avventa come un rapace, mettendo il puck alle spalle di ‘Zuri’ con la freddezza dello scorer. Ma non finisce lì: ci provano ancora Heim, Regin e, infine, McMillan, subito dopo un ingaggio in attacco, che sfrutta il tocchettino del solito Pestoni per liberarsi davanti al portiere, freddandolo in giravolta: è il sorpasso al 35’13’’.

E nel terzo tempo l‘Ambrì torna in pista con la stessa determinazione e continua a fare il suo gioco, ma ciò non impedisce al Ginevra di tornare in partita: capita al 50’23’’, nel bel mezzo di una penalità ingenua di Kozun, che sgambetta un avversario nel settore offensivo biancoblù, con Filppula che arriva per primo sulla respinta di Ciaccio, dopo una sberla di Tömmernes. A quel punto è tutta da rifare. Anzi: per i leventinesi le cose precipitano poco dopo, quando un altro tiro di Tömmernes rimbalza davanti a Ciaccio, e Pouliot ribadisce in rete. Cereda a quel punto le prova tutte: prima il timeout, poi a due minuti dal termine toglie Ciaccio, ma è tutto inutile.

Ambrì Piotta - Ginevra Servette (0-0 2-1 0-2) 2-3
Reti:
23’42’’ Tömmernes (Vatanen/esp. Fischer) 0-1. 29’26’’ Pestoni 1-1. 35’13’’ McMillan (Pestoni, Grassi) 2-1. 50’23’’ Filppula (Tömmernes/esp. Kozun) 2-2. 55’23’’ Pouliot 2-3.
Ambrì Piotta: Ciaccio; Zaccheo Dotti, Isacco Dotti; Fohrler, Fischer; Burren, Hietanen; Hächler; Trisconi, Kostner, Bianchi; Kozun, Regin, Zwerger; Bürgler, Heim, Kneubuehler; Pestoni, Grassi, McMillan.
Ginevra Servette: Zurkirchen; Karrer, Tömmernes; Vatanen, Le Coultre; Maurer, Jacquemet; Smons; Vermin, Filppula, Vermin; Moy, Jooris, Patry; Pouliot, Richard, Vouillamoz; Antonietti, Berthon, Riat.
Arbitri: Lemelin (Usa), Staudenmann; Progin, Duarte.
Note: 6‘616 spettatori. Penalità: 8 x 2’ contro l’Ambrì Piotta; 5 x 2’ contro il Ginevra Servette. Tiri: 31-34 (8-9, 11-12, 12-13). Ambrì privo di Fora e Pezzullo (infortunato), D’Agostini e Dal Pian (in soprannumero). Prima della partita omaggiato Elias Bianchi per le sue cinquecento partite con la maglia dell’Ambrì. Al 57’21’’ timeout chiesto dall’Ambrì. Ambrì senza portiere dal 58’03 al 60’. Premiati a fine partita Inti Pestoni e Sandro Zurkirchen.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
9985
2
LucHC Lions
9922
3
Sparta Becherovka
9622
4
thibault_gav
9531
5
FHM2223
9504
6
TrigoAce1
9466
7
Team Belozoglu
9431
8
Team7
9385
9
HC Kaski Male
9365
10
Poitu
9248
TOP NEWS Sport
Bob
36 min
Bronzo mondiale per Vogt e Michel
A Sankt Moritz, nel bob a due, arriva la prima medaglia iridata per la Svizzera dal 2016
SCI ALPINO
2 ore
Mikaela Shiffrin si ferma a sei centesimi dal record di Stenmark
Nella Repubblica Ceca la statunitense chiude lo slalom alle spalle della tedesca Lena Dürr. Migliore elvetica, Michelle Gisin con il nono posto
Tennis
3 ore
Ventiduesimo Slam per l’insaziabile Djokovic
A Melbourne il serbo piega il greco Stefanos Tsitsipas in soli 3 set: 6-3, 7-6 (7/4), 7-6 (7/5)
Hockey
3 ore
Una giornata a Bristedt per la testata a Kovar
Lo svedese sanzionato dal giudice unico per l’intervento scorretto ai danni del ceco, sabato in Davos-Zugo. Punito anche Tanner per un fallo su Romanenghi
Sci
4 ore
Per Marco Odermatt, a Cortina è... ancora domenica
Il nidvaldese completa un weekend da favola: dopo il trionfo della vigilia, il 25enne concede il bis nel secondo superG
Hockey
18 ore
Tre punti d’oro per un affarone: l’Ambrì espugna Langnau
I biancoblù colgono un importantissimo successo nell’Emmental e fanno 4 su 4 contro i Tigrotti in stagione. Decisivo l’apporto della prima linea
CALCIO
20 ore
Aliseda all’ultimo respiro, il Lugano strappa un punto al Gc
Partita senza grosse emozioni che si chiude con un pareggio tutto sommato giusto e accettabile da entrambe le squadre
Basket
22 ore
Domati i Leoni ginevrini, Sam all’ultimo atto
A Montreux il Massagno di Robbi Gubitosa non stecca e si qualifica per l’ultimo atto di Coppa della Lega
Sci
1 gior
Shiffrin ancora davanti a tutte: 85esima vittoria per lei
La statunitense vince anche fra i paletti stretti di Spindleruv Mlyn e ora tallona Stenmark. Terzo posto per Wendy Holdener.
Tennis
1 gior
È Aryna Sabalenka la regina d’Australia
La bielorussa fa suo il primo Slam dell’anno. Battuta in finale, in tre set, Elena Rybakina al termine di una sfida durata due ore e mezza
© Regiopress, All rights reserved