laRegione
Giappone
0
Spagna
1
1. tempo
(0-1)
Costa Rica
0
Germania
1
1. tempo
(0-1)
Berna
1
Langnau
2
2. tempo
(0-2 : 1-0)
Losanna
2
Bienne
3
2. tempo
(1-1 : 1-2)
Ginevra
1
Zugo
0
2. tempo
(0-0 : 1-0)
GCK Lions
3
Winterthur
2
2. tempo
(1-1 : 2-1)
24.09.22 - 22:08
Aggiornamento: 22:52

Ambrì, la prima sconfitta sotto gli occhi di McCourt

In vantaggio di un gol fino al 49’, i biancoblù di Cereda beffati da un Ginevra Servette che aggancia il capolista Bienne grazie a due gol in un minuto

ambri-la-prima-sconfitta-sotto-gli-occhi-di-mccourt

Un folle minuto costa la prima sconfitta in campionato ai biancoblù di Luca Cereda. In un sabato che si apre in modo un po‘ diverso dal solito, con il ritorno ad Ambrì di un Dale McCourt che non ha certo bisogno di presentazioni, e che per la primissima volta mette piede nel nuovo stadio biancoblù. Sotto il cui tetto vengono issate le quattro maglie ritirate che già erano in bella mostra sotto la volta della vecchia Valascia, ovvero la numero 8 appartenuta a Nicola Celio, la numero 19 del compianto Peter Jaks, la numero 46 di Paolo Duca e, appunto, la numero 15 dell’ormai sessantacinquenne McCourt, che assiste alla partita da una ’lodge’.
Poi si comincia a fare sul serio. E l‘Ambrì prova subito a dettare i ritmi e a mettere pressione sulla porta di Mayer. Con l’occasione migliore, che, in contropiede, arriva nel corso dell’sesto minuto, quando i biancoblù si presentano minacciosi in tre nel settore offensivo dei ginevrini, ma Pestoni viene anticipato all’ultimo dal finlandese Sami Vatanen. Il quale, non contento, riporta quel disco nel settore offensivo, scaricandolo su uno Josh Jooris totalmente dimenticato dai compagni di uno Juvonen che nell’occasione nulla può: è lo 0-1 al 5’47’’. Per i biancoblù, invece, l’occasione migliore di tutte arriva a tre minuti dalla fine, quando Kostner dapprima e Burren poi con due tiri a botta sicura non riescono a bucare un Mayer che sembra sul punto di capitolare. Poi, un minutino dalla prima sirena, mentre il GInevra in powerplay (fuori Grassi per una trattenuta neppure troppo evidente), ecco il momento più curioso di tutti: Mayer esce dai pali per rilanciare il puck a modo suo, ma sulla pressione di McMillan il risultato è pessimo, infatti il rinvio del portiere ospite finisce addosso a un Isacco Dotti che reagisce armando da una trentina di metri un gran tiro verso la porta sguarnita, deviato oltretutto sul percorso dallo stesso McMillan che ancora si trova nel terzo difensivo granata. Istintivamente il pubblico esplode in un boato di gioia, ma (e sarebbe anche superfluo dirlo) gli arbitri sono costretti ad annullare per fuorigioco.

La gioia del pareggio, però, è soltanto rinviata. Prima arriva una primissima, grande occasione sul conto di Bürgler, poi (con Praplan sulla panchina dei cattivi), il solito Chlapik riesce a sfruttare l’occasione con l’uomo in più con una conclusione sul primo palo che sorprende Mayer. A quel punto l’Ambrì insiste, e dopo un prodigioso salvataggio di un Mayer costretto agli straordinari su un disco ballonzolante, McMillan viene anticipato all’ultimo da Omark. Ma i biancoblù sono indiavolati, e spingono non appena possono, finché al 28’10’’ un tiro secco e preciso di Dario Bürgler a fil di palo fa balzare in piedi la Gottardo Arena: Ambrì 2, Servette 1. Vantaggio prezioso e indubbiamente meritato.

Che, tuttavia, i biancoblù riescono a difendere solo fino a undici minuti dal termine. Quando un’invenzione del topscorer dei ginevrini, Henrik Tömmernes, dal nulla, prende alla sprovvista Janne Juvonen. E purtroppo per il portiere dell’Ambrì e i suoi compagni quel gol non è il solo: non passa che un minutino e l’insospettabile Marco Maurer, su servizio di Pouliot, trova un tiro sul primo palo che lascia un po’ di stucco il portiere finlandese dei leventinesi. Improvvisamente, quell’Ambrì che poco prima sembrava avere la partita in mano è costretto a rincorrere. I biancoblù ci provano, soprattutto in occasione di una penalità inflitta ad Hartikainen al 54’00, ma il risultato non cambierà più. Anche perché negli istanti finali, a 6 contro 5, Inti Pestoni viene penalizzato per bastone alto, vanificando così la possibilità di effettuare il forcing finale.

Ambrì Piotta - Ginevra Servette (0-1 0-2 0-2) 2-3
Reti: 5’47’’ Jooris (Vatanen) 0-1. 21’06’’ Chlapik (Virtanen, Spacek/esp. Praplan) 1-1. 28’10’’ Bürgler (Heim) 2-1. 48’10’’ Tömmernes (esp. Fohrler e Hartikainen) 2-2. 50’01’’ Maurer (Pouliot) 2-3.
Ambrì Piotta: Juvonen; Burren, Isacco Dotti; Fohrler, Zaccheo Dotti; Virtanen, Fischer; Zündel; Bürgler, Heim, Kneubuehler; Chlapik, Spacek, Zwerger; Grassi, Kostner, Trisconi; Pestoni, Shore, McMillan; Hofer.
Ginevra Servette: Mayer; Tömmernes, Karrer; Maurer, Vatanen; Le Coultre, Völlmin; Chanton; Rod, Filppula, Praplan; Bertaggia, Pouliot, Miranda; Omark, Richard, Hartikainen; Smirnovs, Jooris, Antonietti; Berthon.
Arbitri: Piechaczek (Ger), Dipietro; Fuchs, Meusy.
Note: 6’456 spettatori. Penalità: 6 x 2’ contro entrambe le squadre. Tiri: 24-37 (9-7, 9-12, 6-17). Ambrì Piotta senza Heed, Müller (infortunati), Marchand (in soprannumero), Dufey e Pezzullo (Ticino Rockets); Servette privo di Jacquemet, Winnik, Descloux, Cavalleri (tutti infortunati) e Derungs (in soprannumero). Al 58’50’’ palo colpito da Miranda. Ambrì senza portiere dal 59‘15’’ al 59’30’’ e dal 59’31’’ al 60’. Al 59’30’’ timeout chiesto dall’Ambrì. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Dario Bürgler e Henrik Tömmernes.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5769
2
HC Aspi Capitals
5696
3
HC Kaski Male
5643
4
HC TUT-TUT
5576
5
Team Belozoglu
5471
6
HCbierrafeu
5470
7
LucHC Lions
5469
8
GregBeaud
5448
9
HC Klo10Flies
5436
10
Chop
5413
TOP NEWS Sport
Calcio
1 ora
Juventus, l’Uefa indaga su violazioni del fair play finanziario
L’inchiesta della Federcalcio europea mira a verificare la corrispondenza al vero della situazione finanziaria che permise la transazione in agosto
Qatar 2022
2 ore
Per la Svizzera è giunta l’ora della verità
Contro la Serbia ci si gioca un posto agli ottavi. Le due squadre sono al completo. Sow: ‘Dobbiamo provocare più occasioni da rete’
Qatar 2022
2 ore
Il Marocco batte anche un Canada senza ambizioni ed è primo
Ziyech ed En-Nesyri regalano agli africani la loro seconda qualificazione alla fase a eliminazione diretta a un Mondiale, dopo quella del 1986
Qatar 2022
2 ore
Con un po’ di fortuna la Croazia manda a casa il Belgio
La sfida tra secondi e terzi dell’ultimo Mondiale termina 0-0 e spedisce i balcanici agli ottavi e i Diavoli rossi a casa
Sci
3 ore
Gli esami in Svizzera confermano: trauma cranico per Caviezel
Di rientro da Lake Louise, il trentaquattrenne si è sottoposto a nuovi esami che hanno convalidato la tesi canadese. Tuttavia sono previsti nuovi test
SPORTS AWARDS
4 ore
Noè, Lara e gli altri dei di Olimpia tra i finalisti di Zurigo
Anche i due ticinesi nominati per la serata di Gala dell’11 dicembre, dove verranno eletti i successori di Marco Odermatt e Belinda Bencic
Ciclismo
5 ore
I Giochi cancellano i Campi Elisi: nel 2024 arrivo a Nizza
Presentata un’anteprima dell’edizione di una Grande Boucle che sarà nell’ombra delle Olimpiadi. E che per la prima volta scatterà dall’Italia, da Firenze
Qatar 2022
8 ore
Elvedi e Sommer non si sono allenati
Entrambi raffreddati alla vigilia di Svizzera-Serbia, hanno saltato la seduta di giovedì
I mondiali dal divano
15 ore
I segreti dei suoi occhi
Le Coppe del mondo passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie
QATAR
22 ore
In campo c’è solo l’Argentina, avanti con Mac Allister e Alvarez
Szczesny il migliore di una Polonia che passa per il rotto della cuffia. Al Messico non basta il 2-1 sull’Arabia Saudita
© Regiopress, All rights reserved