laRegione
Olanda
Argentina
20:00
 
Langnau
Bienne
19:45
 
Zurigo
Kloten
19:45
 
Lakers
Losanna
19:45
 
Berna
Zugo
19:45
 
Ajoie
0
Lugano
1
1. tempo
(0-1)
Ginevra
1
Ambrì
1
1. tempo
(1-1)
15.05.22 - 15:52
Aggiornamento: 21:47

Come nel 1993 il Lugano conquista Berna: in Coppa è un trionfo!

29 anni dopo il 4-1 rifilato al Grasshopper al Wankdorf i bianconeri si ripetono battendo con lo stesso risultato il San Gallo

come-nel-1993-il-lugano-conquista-berna-in-coppa-e-un-trionfo
+6

Il Lugano ce l’ha fatta. Ventinove anni dopo l’ultima volta e sei dopo la dolorosa sconfitta nella finale del 2016 contro lo Zurigo, i bianconeri hanno vinto la quarta Coppa Svizzera della loro storia superando 4-1 (come nel 1993, quando a cadere era stato il Grasshopper) il San Gallo in un Wankdorf trasformato dai quasi 10’000 sostenitori giunti dal Ticino in una bolgia bianconera. Una storica vittoria conquistata con grinta e cuore ma anche tanta tattica (perfette le scelte di Croci-Torti), intelligenza ed esperienza, in particolare dei giocatori più rappresentativi bianconeri, dagli insostituibili Lavanchy, Custodio e Lovric al capitano di mille battaglie Sabbatini, passando per un Bottani che si è preso infine la meritata rivincita dopo il rigore sbagliato nel 2016. Ma bravi sono stati tutti i luganesi, fuori e dentro dal campo.

Nella splendida cornice da tutto esaurito del Wankdorf (28’500 spettatori) il Lugano è sceso in campo con Saipi tra i pali (grazie all’effetto sospensivo applicato in seguito al ricorso inoltrato dal club contro le due giornate di squalifica per l’espulsione rimediata in campionato contro l’Yb). Davanti a lui una difesa a quattro composta, in assenza dell’infortunato Mijat Maric, dai centrali Ziegler e Daprelà, fiancheggiati da Valenzuela a sinistra e Rüegg (preferito quindi ad Amoura) a destra. A centrocampo in mezzo la coppia formata da Sabbatini e Lovric, con Lavanchy a destra e Custodio a sinistra, mentre Bottani si è piazzato alle spalle dell’unica punta Celar.

In casa San Gallo il tecnico Peter Zeidler ha confermato il portiere di Coppa Watkowiak, davanti al quale si sono piazzati Sutter, Stergiou, Maglica e Schmidt. Quintillà, capitan Görtler e Ruiz nel centrocampo a tre, mentre davanti è toccato al tridente Von Moos, Duah e Quintillà.

Primo tempo: i bianconeri partono a mille (Zelar la sblocca già al 4’) ma poi rallentano

A differenza di quello che si temeva, è stato il Lugano a partire a mille, con Valenzuela entrato nell’area avversaria dopo appena 15 secondi e Custodio che al 4’ si è visto bloccare la conclusione a botta sicura da un avversario. Poco male perché sul successivo calcio d’angolo battuto da Ziegler Celar ci ha messo la testa deviando imparabilmente alle spalle di Watkowiak. Uno scenario ideale per i bianconeri non solo a livello di risultato, ma anche nello sviluppo del gioco, con i sangallesi costretti già a scoprirsi e costretti a concedere spazi ai ticinesi, molto abili e rapidi nelle ripartenze (Bottani in primis, fermato qualche minuto dopo solo dall’ultimo difensore avversario).

Con il passare dei minuti la pressione del San Gallo si è fatta più insistente e dopo un brivido per un’uscita di Saipi non perfetta e una conclusione concessa da buona posizione a Schmidt (che ha però sparato alle stelle), al 21’ si è concretizzata nel gol del pareggio: punizione (provocata da un fallo evitabile di Custodio) dalla destra battuta da Ruiz e incornata vincente dell’accorrente Maglica, che ha battuto sul tempo Ziegler e infilato Saipi, dal canto suo rimasto tra i pali quando forse avrebbe potuto tentare l’uscita. Come nel punteggio, l’equilibrio si è ristabilito anche in campo, con i biancoverdi che hanno tolto il piede dall’acceleratore e il Lugano che ha riguadagnato qualche metro. Tanto da riaffacciarsi dalle parti della porta avversaria al 37’, con un sinistro dal limite di Lovric bloccato a terra da Watkowiak. Quest’ultimo al 39’ ha poi compiuto un vero miracolo su Zelar, abilissimo a mettere a terra lo splendido lancio di Lovric per ritrovarsi a tu per tu con il portiere avversario, salvo poi non riuscire a superarlo con il tocco sotto ravvicinato.

A romperlo (l’equilibrio) è stato nuovamente il Lugano, tornato a spingere e premiato dal 2-1 realizzato da Custodio, lesto a un minuto dalla pausa a raccogliere al limite dell’area piccola una respinta corta della difesa avversaria e a scagliare un siluro alle spalle di un’impotente Watkoviak.

Secondo tempo: Bottani rompe la maledizione, Haile-Selassie la chiude

Dagli spogliatoi le due squadre sono rientrate con i medesimi effettivi e la squadra di Zeidler è tornata a spingere sull’acceleratore, rendendosi però pericolosa solo al 57’, oltretutto con una conclusione ciabattata da Guillemenot. Al 59’ è infine arrivata l’ora della rivincita (attesa sei anni, ossia dal rigore sbagliato nella finale persa nel 2016) di Mattia Bottani, che ha approfittato della splendida giocata di Lavanchy (traversone di controbalzo sul lancio/rinvio di Custodio) per insaccare da due passi.

La prima reazione dei sangallesi è arrivata qualche minuto dopo con l’incrocio sfiorato da Ruiz su punizione, ma è stato ancora Custodio (poco dopo sostituito da Haile-Selassie) ad avere sui piedi il pallone per chiudere l’incontro al 65’, trovando però stavolta sulla sua strada le manone del portiere tedesco. Nemmeno il tempo di disperarsi per l’occasione mancata che proprio il neoentrato ha definitivamente fatto partire la festa bianconera finalizzando una rapidissima ripartenza e l’assist di Celar. Un colpo durissimo dal quale i sangallesi non sono più riusciti a riprendersi, lasciando il campo al trionfo bianconero.

Lugano - San Gallo 4-1

Reti: 5’ Zelar 1-0. 21’ Maglica 1-1. 44’ Custodio 2-1. 58’ Bottani 3-1. 69’ Haile-Selassie 4-1.

Lugano: Saipi; Rüegg, Daprelà (85’ Hajrizi), Ziegler, Valenzuela; Lavanchy, Lovric, Sabbatini, Custodio (66’ Haile-Selassie); Bottani (79’ Amoura); Celar.

San Gallo: Watkowiak; Sutter (72’ Fazliji), Steriou, Maglica, Schmidt; Görtler, Quintillà, Ruiz (80’ Lungoyi); Von Moos (72’ Toma), Duah (72’ Schubert), Guillemenot (80’ Besio).

Arbitro: Schnyder.

Note: Stadio Wankdorf di Berna, 28’500 spettatori. Lugano senza Maric, Baumann, Facchinetti (infortunati). Ammoniti: 55’ Duah. 71’ Maglica. 77’ Görtler.

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
QATAR 2022
47 min
I rigori premiano la Croazia, il Brasile fa le valigie
In vantaggio al 105’ con Neymar, i sudamericani si fanno rimontare a pochi minuti dal traguardo e dal dischetto pagano gli errori di Rodrygo e Marquinhos
Tennis
1 ora
Wawrinka sconfitto da Medvedev
L’avventura dello svizzero nel torneo d’esibizione in Arabia Saudita si conclude in semifinale, con il doppio 6-4 in favore del russo
Basket
3 ore
Lugano-Olympic, all’Elvetico arriva un po’ d’Europa
Mentre la Sam stasera va in campo per ricevere lo Swiss Central, i Tigers si preparano a sfidare l’eterno nemico, il club meglio gestito di tutto il Paese
QATAR 2022
4 ore
L’Africa chiede al Marocco di scrivere la storia
La selezione magrebina potrebbe essere la prima del Continente nero a raggiungere le semifinali di un Mondiale
SCI NORDICO
5 ore
Nadine Fähndrich trionfa nello sprint classico a Beitostölen
In Norvegia la 27enne lucernese ha colto il terzo successo in Coppa del mondo, precedendo la norvegese Weng e la finlandese Matintalo
roller hockey
6 ore
Il Biasca asfalta il Wimmis e accede ai quarti di Coppa
La partita finisce su un perentorio 9-3, grazie al poker di Gregorio Boll e alla tripletta di ‘Timo’ Devittori
Atletica
7 ore
A Biasca poker per Sam Massagno e Sab Bellinzona
Alle finali regionali dell’Ubs Kids Cup Team ci saranno anche Virtus Locarno e Sfg Biasca
Tennis
12 ore
Bollettieri, il fabbricatore di campioni
Vita, metodi, successi e segreti del più celebre allenatore della storia del tennis, scomparso pochi giorni fa a 91 anni
gallery
sci freestyle
14 ore
L’addio di Nicole Gasparini alle gobbe: ‘Non ne avevo più’
La 25enne ticinese si ritira: ‘Un po’ di paura del cambiamento c’è, ma ora mi accorgo di aver vissuto moltissime esperienze’
I mondiali dal divano
14 ore
Siamo tutti marocchini (almeno una volta nella vita)
La vittoria del Marocco contro la Spagna può anche essere vissuta come una sorta di rivalsa dei migranti contro i padroni di casa
© Regiopress, All rights reserved