laRegione
KOZLOV S. (USA)
1
STRICKER D. (SUI)
1
3 set
(6-4 : 4-6 : 1-1)
KOZLOV S. (USA)
1
STRICKER D. (SUI)
1
3 set
(6-4 : 4-6 : 1-1)
lugano-invincibile-a-cornaredo-superato-anche-il-sion
05.12.21 - 18:250
Aggiornamento : 06.12.21 - 14:09

Lugano invincibile a Cornaredo, superato anche il Sion

I bianconeri s’impongono 2-0 contro i vallesani grazie alle reti di Bottani e Facchinetti centrando il settimo risultato utile in casa con Croci-Torti.

Il Lugano di Croci-Torti rimane imbattibile tra le mura amiche. Superando 2-0 il Sion grazie ai gol di Bottani e Facchinetti, i bianconeri hanno infatti colto il loro settimo risultato utile consecutivo (contando anche il successo in Coppa sullo Young Boys fanno cinque vittorie e due pareggi) a Cornaredo da quando il “Crus”, a inizio settembre, siede in panchina. Una vittoria che permette a Sabbatini e compagni di lasciarsi alle spalle proprio l’Yb, inteso come artefice della sconfitta di mercoledì ma anche come avversario diretto in classifica, ora a -4 (ma con una partita in meno giocata), ma anche di avvicinarsi al secondo posto del Basilea, fermato sull’1-1 dal Losanna e ora distante un solo punto (ma pure con un match da recuperare). Nonché di abbellire ulteriormente il record di punti conquistati nella prima metà della stagione dal ritorno in Super League, con i 29 attuali che superano già di gran lunga i 24 ottenuti nelle prime 18 partite della passata annata, oltretutto con due partite ancora da disputare, sabato a San Gallo e il 19 dicembre in casa con l’Yb.

Custodio inventa, Bottani la sblocca

Costretto a fare a meno di colui che è ormai diventato il perno dell’attacco bianconero (lo sloveno Celar, infortunato), Croci-Torti ha rispolverato Abubakar, tornato titolare dopo quattro partite e affiancato a Bottani. Centrocampo a tre con i “soliti” Sabbatini, Lovric e Custodio, fiancheggiati sulle fasce da Lavanchy e Facchinetti, mentre Daprelà, Maric e Ziegler si sono piazzati davanti a Baumann, chiamato a sostituire l’infortunato Saipi e a sua volta al rientro dopo oltre tre mesi di assenza.

Il canovaccio del match è apparso subito chiaro: vallesani chiusi nella propria metà campo e pallino del gioco in mano ai padroni di casa, come d’altronde previsto alla vigilia dal tecnico di questi ultimi. Con pazienza i bianconeri hanno quindi iniziato ad avvolgere l’avversario con la propria manovra, inizialmente senza però riuscire a scardinarne l’assetto ultra difensivo e rendendosi pericolosi solo su palla ferma (clamoroso al 17’ l’errore di Maric, che da due passi ha sparato alto dopo il colpo di testa di Custodio ribattuto da Fickentscher), mentre dall’altro lato del campo Baumann ha risposto presente in un paio di occasioni su Wesley e Berdayes. Al 40’ però Custodio si è trasformato in grimaldello e con un passaggio filtrante da applausi ha liberato in area Bottani, bravo a superare l’estremo difensore avversario con un sinistro sotto la traversa. Una rete che ha aperto un varco nella diga eretta dagli ospiti e i bianconeri ne hanno approfittato trovando ancora prima della pausa anche il 2-0, con il numero dieci stavolta nei panni dell’assistman che ha messo sulla testa di Facchinetti il pallone del raddoppio.

I bianconeri controllano e sfiorano pure il tris

Un uno-due micidiale dal quale il Sion ha provato a riprendersi a inizio ripresa, ma ancora una volta un ottimo Baumann ci ha messo una pezza (bel riflesso sul destro di Wesley), permettendo ai suoi di riprendere subito il controllo del gioco e di gestire il doppio vantaggio. Che avrebbe potuto diventare anche triplo a più riprese, ma a Sabbatini e Custodio è mancato un pizzico di precisione, così come – dopo una ventina di minuti senza particolari sussulti – ad Amoura, subentrato al 70’ e bravissimo cinque minuti più tardi a sgusciare via a due difensori avversari in contropiede, salvo poi spedire il pallone sul palo a tu per tu con Fickentscher. Una mancanza di freddezza palesata dall’algerino – comunque positivo il suo ingresso – ancora in un paio di occasioni, ma che non ha comunque rovinato la festa del popolo bianconero, visto che i padroni di casa non hanno praticamente più rischiato niente e hanno aggiunto altri tre punti al loro già cospicuo bottino del girone d’andata.

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
27 min
Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo
Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
Hockey
1 ora
Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora
Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
2 ore
Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale
Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
3 ore
Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil
Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
5 ore
Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen
Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
Calcio
6 ore
L’Fc Lugano ha di nuovo un presidente, sarà Philippe Regazzoni
Classe ‘69, Regazzoni è attinente di Balerna ma residente a Küssnacht e da 25 anni è attivo nell’ambito assicurativo.
Calcio
12 ore
Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio
Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Hockey
19 ore
Ambrì sconfitto a Zurigo con onore e ripreso dal Berna
I Lions fanno la differenza nell’ultimo periodo dopo l’1-1 al termine dei primi due tempi. In classifica i leventinesi cedono agli Orsi il decimo posto.
Hockey
19 ore
A Zugo un martedì pazzo, che al Lugano frutta un punto
Serata incredibile alla BossardArena, in cui succede di tutto, decisa da Hansson al supplementare. Con i bianconeri che, però, perdono Schlegel
Sci
19 ore
A Schladming 7 elvetici a punti, ma lontani da Linus Strasser
Il tedesco si impone nello slalom sulla Planai precedendo il norvegese McGrath e l’austriaco Feller. Tanguy Nef (decimo) miglior rossocrociato.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile