laRegione
uno-young-boys-in-versione-grinch-rovina-la-festa-al-lugano
19.12.21 - 16:09
Aggiornamento : 16:27

Uno Young Boys in versione Grinch rovina la festa al Lugano

Nell’ultima uscita di un girone d’andata che rimane comunque da record, i bianconeri a Cornaredo si sono inchinati 5-0 a Siebatcheu (4 gol) e compagni

Si è chiuso nel peggiore dei modi il 2021 del Lugano, che davanti ai 3’500 spettatori di Cornaredo si è inchinato 5-0 ai campioni svizzeri dello Young Boys. Un risultato decisamente troppo severo soprattutto per quanto mostrato dai bianconeri nella prima parte del match, iniziato con il piglio giusto ma nel quale i padroni di casa si sono scontrati con il cinismo dei bernesi e di un Jordan Siebatcheu autore di ben quattro reti. Una sconfitta – la prima da otto partite tra le mura amiche – che non permette a Sabbatini e compagni di rimpolpare ulteriormente il comunque ricco bottino di 30 punti ottenuti nel girone d’andata, chiuso dal Lugano al quarto posto a dieci lunghezze dal leader Zurigo e ben 19 sopra l’ultimo posto occupato dal Lucerna.

Abubakar ne sbaglia due in tre minuti e l’Yb non perdona

Costretto a fare a meno del talismano Bottani (infortunatosi a una caviglia giovedì in allenamento ma comunque in panchina) e di Facchinetti Croci-Torti ha scelto di schierare i suoi in una sorta di 4-3-3 con Lavanchy e Abubakar esterni alti a sostegno dell’unica punta Celar (al rientro dopo due partite di stop), mentre dietro all’insostituibile trio di centrocampo Sabbatini-Custodio-Lovric e a una difesa a quattro con Hajrizi e Daprelà terzini e Maric e Ziegler centrali, tra i pali al posto di un Baumann per nulla convincente con il San Gallo è tornato Saipi.

Più pimpanti e in palla degli avversari – i cui sostenitori, almeno 200, si sono assiepati a un lato della tribuna Monte Brè nonostante il divieto di accedere allo stadio in vigore in Super League per tifosi in trasferta –, i bianconeri si sono creati almeno due chiare occasioni da rete nei primi tre minuti di gioco, ma Abubakar dapprima ha sparato alto da buona posizione e in seguito ha mancato l’impatto con il pallone messo in mezzo da Custodio. Imprecisioni costate care ai padroni di casa, visto che tra il 6’ e il 21’ Siebatcheu, nelle due uniche sortite offensive degli ospiti, ha trafitto due volte un incolpevole Saipi, sfruttando un intervento approssimativo di Hajirizi (che nel tentativo di contrastare un avversario ha di fatto fornito un assist al numero 17 giallonero) nel primo caso e sovrastando di testa Lavanchy nel secondo. Una punizione decisamente troppo severa per Sabbatini e compagni, che hanno provato a reagire, subendo però il colpo del ko al 35’, quando la superiorità fisica dei campioni svizzeri si è nuovamente manifestata in tutta la sua evidenza con Camara che è svettato su calcio d’angolo incornando il 3-0.

Con la partita già chiusa Siebatcheu firma il poker

Come se non bastasse, a inizio ripresa ci si è messo pure l’arbitro Cibelli (e il Var), che dopo aver appunto rivisto al video un abbraccio in area tra Sabbatini ed Elia ha concesso in maniera un po’ troppo fiscale il rigore agli ospiti, poi trasformato ancora da Siebatcheu. Ma l’attaccante francese naturalizzato statunitense non si è fermato e al 62’ ha insaccato, con la complicità di un Saipi nell’occasione tutt’altro che perfetto e in generale di un Lugano a corto di energie fisiche e mentali, anche il 5-0. E la partita si è lentamente trascinata fino al 90’ e a una pausa invernale tanto attesa quanto meritata per i bianconeri.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fc lugano super league

CALCIO: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
CALCIO
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
HOCKEY
5 ore
Dario Simion e il formato Nhl. ‘Ma adesso la mia testa è qui’
Il ticinese si gode il momento in un finale di stagione travolgente, oltre alla stima di Patrick Fischer. ‘A Zugo Dan Tangnes non mi dava pace’.
Tennis
5 ore
La maledizione di Thiem: ancora fuori al primo turno
Di ritorno dopo 9 mesi di stop, l’austriaco ex numero 3 al mondo non riesce più a vincere: a Ginevra è stato battuto in due set dall’italiano Cecchinato
Calcio
6 ore
Fc Lugano, ora spetta al club la giocata vincente
Dopo il capolavoro di staff e giocatori capaci di conquistare la Coppa, tocca ai nuovi dirigenti trovare il mondo giusto per cavalcare l’entusiasmo.
Hockey
9 ore
L’ultima volta di René Matte. ‘Dopo questa lascio’
Vice di Bozon sulla panchina della Francia ai Mondiali e assistente di Cereda in campionato su quella dell‘Ambrì. ‘Luca è il mio capo, ma anche un amico’
Hockey
9 ore
La spedita marcia canadese: ai Mondiali è tre su tre
Dopo tedeschi e italiani la selezione di Julien sconfigge anche la Slovacchia, mentre la Germania conquista tre punti pesanti contro una buona Francia
Hockey
10 ore
Nazionale, Fischer conta anche su Miranda e Riat
Dopo i forfait (obbligati) di Fiala e Niederreiter, il selezionatore completa il contingente rossocrociato al Mondiale alla vigilia della terza uscita
HOCKEY
11 ore
Conferenza di Cereda prima, partita sullo schermo gigante poi
Martedì alle 18.15 l’allenatore dell’Ambrì parlerà sul tema ‘La creazione di uno spirito vincente. Dove va l’hockey moderno?’. Poi Svizzera-Kazakistan
Hockey
11 ore
Il Mondiale di Davide Fadani: ‘La salvezza a ogni costo’
Il 21enne portiere del Lugano morde il freno alla vigilia della sfida con i danesi. ‘Ora mi sento bene e voglio giocare. Ma già essere qui è incredibile’
BASKET
12 ore
Il muro è vicino, o si vince o ci si schianta
La Spinelli Massagno (sotto 2-1) impegnata a Neuchâtel in gara 4 delle semifinali. Coach Gubitosa: ‘Assieme è più facile imporsi’
hockey
1 gior
La Svizzera s’impone in scioltezza
Anche la seconda uscita mondiale sorride a Thürkauf e soci. Danimarca sconfitta 6 a 0. Un gol e tre assist di Malgin
© Regiopress, All rights reserved