laRegione
legittima-difesa-bastava-un-condizionale
Il promotore dell'iniziativa Giorgio Ghiringhelli (Ti-Press)
Commento
03.05.21 - 05:300
Aggiornamento : 12:09

Legittima difesa, bastava un condizionale

La sentenza del Tribunale federale e lo scivolone del Consiglio di Stato ridanno ossigeno all'iniziativa di Ghiringhelli.

Bastava un condizionale. O un punto interrogativo, a star larghi. Il Tribunale federale li ha cercati nell’opuscolo per la votazione sui rimborsi legali nei casi di legittima difesa, ma tra le parole del Consiglio di Stato – che invitava a bocciare l’iniziativa – non li ha trovati. Come non ha trovato almeno un comunicato a libretti già stampati, per smorzare i toni e dire che la disparità di trattamento nel rimborsare solo le spese di chi è assolto in questi casi, e non per altri reati, avrebbe sì potuto fare a pugni col diritto superiore, ma si tratta d’un rischio e non d’una certezza. Losanna sgrida dunque Bellinzona per un’informazione “non oggettiva” e “in parte tendenziosa”, che avrebbe influenzato indebitamente il tiratissimo esito del voto (il ‘no’ passò per 426 voti). Risultato: un altro giro di giostra per l’approvazione di un controprogetto in Gran Consiglio, o peggio ancora un’ulteriore votazione. Che probabilmente non servirà a niente.

Se infatti il Tribunale federale stigmatizza i toni apodittici del governo ticinese, non esclude affatto che una contestazione per disparità di trattamento possa venire effettivamente riscontrata a norma in vigore, facendo cadere di nuovo il castello di carte. Non si vede d’altronde perché mai un imputato per legittima difesa possa vedersi rimborsato anche il più costoso principe del foro, alla faccia di tutti i poveretti assolti per altri reati. L’argomento col quale i promotori del ‘sì’ contestano questa previsione è che nei casi di legittima difesa l’imputato è anche vittima (di un’aggressione). Distinguo fragilino, visto che qualsiasi imputato riconosciuto innocente in sede penale può essere considerato anche vittima (di un danno giudiziario).

Eppure l’errore del Consiglio di Stato permette al promotore Giorgio Ghiringhelli di presentarsi come emblema d’un popolo vittima delle menzogne di palazzo. Narrazione che non mancherà certamente di cavalcare nei prossimi atti di questa farsa, aiutato dai tenori di quell’ultradestra per la quale il tema è utile ben oltre il merito dell’iniziativa, peraltro di esigua applicazione reale: serve a titillare per l’ennesima volta la paura per il criminale – preferibilmente straniero – e quell’insicurezza percepita e fomentata da molti, sebbene smentita da tutte le statistiche.

Siamo davvero all’“ora più buia per la democrazia diretta in Ticino”, come spara Ghiringhelli? Dopo questa sentenza con pochi precedenti, l’impressione semmai è che sia la democrazia rappresentativa a prendere una botta. Una democrazia che fin dall’inizio non ha saputo gestire l’iter come si deve, per colpa non solo dell’esecutivo. Tra le righe della sentenza emerge infatti una constatazione desolante: “La pretesa disparità di trattamento e, soprattutto, la violazione del diritto federale, non è stata esaminata compiutamente né accertata dal Gran Consiglio”. Segno di una confusione mentale che investe non solo i rappresentanti eletti all’esecutivo e al legislativo – con le dovute e commendevoli eccezioni, per carità –, ma anche i servizi giuridici e la Cancelleria. Che dovrebbero aiutarli a gestire certe pratiche nel rispetto del diritto, nella forma e nella sostanza: spesso la stessa cosa, in questi ambiti. Sicché ora si tornerà a strepitare per nulla, come se in questi tempacci non ci fosse nulla di meglio da fare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Riscaldamento globale, il compromesso del doppio binario
Sul clima il tempo stringe e i piccoli passi possono portare avanti: scioperare per il futuro sì, ma anche sostenere la nuova legge sul Co2
Commento
1 gior
Scozia, il tassello più pregiato del Regno disunito
La Brexit ha dato risposte facili a un problema complesso: per questo sarà difficile dire no a un nuovo referendum scozzese e alla riunificazione dell'Irlanda
Commento
2 gior
Il trionfo forzato dell'indebitamento
Storicamente il debito ha sempre avuto una connotazione negativa, perché opposto a una filosofia politica e morale di liberazione dell’individuo
Commento
4 gior
Una superpotenza chiamata Netanyahu
Primo ministro dal 2009, trova sempre un modo per restare in sella. Gli scontri di questi giorni sono l'occasione di evitare processi e declino
Commento
5 gior
Barcolla, non molla, il pugile bianconero
Il Lugano sogna ancora l'Europa ma sembra essere arrivato a questo finale di stagione con le batterie scariche, per buona pace del 'Prés' Angelo Renzetti
Commento
6 gior
Non è una sinistra per poveri (e Piketty spiega il perché)
Le classi più deboli tenderebbero a votare sempre meno una sinistra impegnata in molte battaglie culturali, ma che non riesce a parlare ai lavoratori
Commento
1 sett
Rotto l’argine della dialettica, Ppd e Plr pensino al futuro
Lo scambio di cortesie tra Dadò e Speziali non è per forza un male. Però entrambi sappiano che protagonista non è il dibattito politico, ma chi fuori soffre
Commento
1 sett
Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini
Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti
Commento
1 sett
La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti
India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia
Commento
1 sett
Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra
La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile