laRegione
per-il-vice-sindacato-a-chiasso-salta-il-tappo-della-politica
Ore 'calde' a Palazzo civico (Ti-Press)
laR
 
28.04.21 - 05:30
Aggiornamento: 16:38

Per il vice sindacato a Chiasso salta il tappo della politica

Corsa alla carica da parte di tutti i partiti in Municipio. E alla fine il risultato spariglia le carte

Altro che continuità. Altro che calma piatta. Dentro Palazzo civico a Chiasso stavolta è saltato il tappo della politica. Davanti a un Municipio 'fotocopia', del resto, chi l'avrebbe mai detto che ci si sarebbe accapigliati non tanto per il posto del sindaco (saldo nelle mani di Bruno Arrigoni e del Plr), ma per la carica di vice sindaco? Per gli osservatori più attenti il 'caso' è montato nelle ultime ore. A innescarlo (questa è l'impressione) è stata la rivendicazione da parte dell'Unità di Sinistra-I Verdi, che d'un botto ha moltiplicato gli aspiranti: quattro per finire, per una sola poltrona. Insomma, tutti (o meglio tutte le forze politiche) la volevano. Una situazione, a memoria, mai vista prima per i più.

Le ragioni? Svariate e non sempre congruenti. Il risultato? Che tra chi ci faceva maggiore affidamento - le due signore del Municipio, Sonia Colombo-Regazzoni e Roberta Pantani - l'incarico (a maggioranza dicono le voci, ma sarebbe stato sorprendente il contrario) è andato al proverbiale 'terzo', nello specifico a Sinistra e a Davide Dosi; sparigliando così le carte con l'esito meno atteso. Proprio a Sinistra, d'altro canto, non si voleva veder concentrare il 'potere' - si legga le due maggiori cariche dell'esecutivo - tutto nelle mani dei liberali radicali. Quindi si è lanciata l'opzione alternativa e la si è pure portata a casa.

A ben vedere, però, gli effetti collaterali sono stati più d'uno. Le manovre di una politica più di corridoio che di centro di comando hanno, di fatto, messo innanzitutto all'angolo la Lega; alla quale non è bastato essere il secondo partito (nell'esecutivo) a Chiasso (né avere la vice sindaca uscente). E qui la sensazione (ma è pure qualcosa di più) è che le altre forze politiche la volessero chiudere lì. Farà altrettanto il gruppo Lega-Udc? Qualche contraccolpo in Consiglio comunale o in ogni caso a livello politico potrebbe esserci. Poi c'è la questione interna al Plr: il mancato incarico a Colombo-Regazzoni qualche strascico potrebbe lasciarlo. Come dire che i liberali radicali, alle prese con una legislatura non semplice, dovranno cercare (e riuscire) ben presto a serrare di nuovo i ranghi se vorranno centrare gli obiettivi già sul tavolo (per citarne solo due, i collegamenti ferroviari e il tracciato autostradale).

L'unico partito che (forse) ha accettato questa situazione senza troppi problemi interni è il Ppd. Anche se era pronto a fare da ago della bilancia con il suo municipale Davide Lurati (ruolo, quello di mezzo, che gli è più confacente), togliendo persino le castagne dal fuoco al Plr. D'altro canto, non dispiace neppure a questo gruppo che le cariche siano state ridistribuite. Chi siede al centro (come il consigliere comunale Giorgio Fonio), adesso auspica solo che il Municipio «prosegua meglio di come ha iniziato». Di sicuro Davide Dosi, per come approccia la politica, saprà mediare a beneficio del bene comune.

Qualcuno butta là una piccola provocazione: 'a Sinistra la questione femminile che fine ha fatto?'. Bè, stavolta si è decisamente passato la mano in nome di una politica più pragmatica, che ha guardato soprattutto al risultato. In altre parole, Us-I Verdi ne hanno fatto anche una questione storica: il Plr in maggioranza relativa, dal 1972 in poi, non ha mai tenuto per sé il vice sindacato. Vedremo come andrà nella prossima tornata elettorale. 

Leggi anche:

A Chiasso Sinistra e Verdi rivendicano il vice sindacato

Chiasso, Dosi: ‘Riprendiamo a lavorare, i temi non mancano’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiasso municipio politica vice sindacato
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
8 ore
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
1 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
2 gior
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
3 gior
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
3 gior
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
4 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
5 gior
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
© Regiopress, All rights reserved