laRegione
27.04.21 - 18:34
Aggiornamento: 19:04

Chiasso, Dosi: ‘Riprendiamo a lavorare, i temi non mancano’

Parola al nuovo vicesindaco: l'idea di rivendicare la carica è arrivata dopo aver analizzato i risultati del Consiglio comunale

chiasso-dosi-riprendiamo-a-lavorare-i-temi-non-mancano
Definiti i ruoli (Ti-Press)

Davide Dosi (Us-I Verdi) è il nuovo vicesindaco di Chiasso. La legislatura della cittadina di confine inizia quindi con una novità che chiude una settimana di ‘candidature’: tutti e quattro i municipali eletti hanno infatti rivendicato la carica. «Non mi aspetto niente di diverso da ieri – ammette il nuovo vicesindaco –. La scelta è stata fatta, ora si cominci a lavorare sui temi che ci impegneranno veramente perché di temi da sviluppare non ne mancano». Dosi non nasconde comunque di essere «molto contento» per la scelta del Municipio. La spinta a rivendicare il ruolo è arrivata «dal gruppo». L'esponente di Us-I Verdi ammette che «fino ai risultati del Consiglio comunale non ci avevo pensato. Quando siamo diventati il secondo partito del legislativo – uno degli obiettivi fissati dall'assemblea, oltre all'aumento, pure raggiunto, del numero di rappresentanti, ndr – l'idea ha preso piede». Dosi di definisce «molto tranquillo: non credo che il mio ruolo o quello dei colleghi di Municipio cambierà: l'importante è che si lavori bene in gruppo e nella conduzione dei dicasteri». Il nuovo vicesindaco è consapevole che «c'è chi ha fatto un risultato migliore del mio, questo è innegabile». La motivazione di fondo è stata quella che, con una maggioranza relativa (del Plr) in Municipio, «è giusto che nel nostro sistema democratico vengano riconosciute le forze dei partiti minoritari. In quest'ottica – conclude Dosi – è corretto che il vicesindacato sia esterno al Plr». 

Quella ‘legge non scritta’

Non avere scelto un vicesindaco Plr «non è una sorpresa e nemmeno una specialità di Chiasso – commenta il sindaco Bruno Arrigoni –. Se guardiamo a Chiasso e agli ultimi 50 anni, quando il Plr ha avuto la maggioranza relativa, la carica di vicesindaco non è mai stata assunta dal secondo municipale del Plr». Quella andata in scena oggi è stata «una scelta democratica che ha premiato Davide Dosi». Il Municipio di Chiasso, aggiunge il sindaco, ha in sostanza applicato «la legge non scritta di dare un ruolo a un altro partito anche per rafforzare la concordanza dell'esecutivo». Numeri alla mano, numerosi cittadini si aspettavano che ad assumere la carica sarebbe stata la seconda municipale del Plr, Sonia Colombo-Regazzoni, che alle urne ha ottenuto 1'538 voti personali. «Sonia ha fatto una grande votazione – conclude Arrigoni –. Meritava il vicesindacato». La carica è stata ricoperta dal Plr negli anni di maggioranza assoluta in Municipio, l'ultima volta pochi anni fa, con Moreno Colombo sindaco, Stefano Camponovo vice e lo stesso Bruno Arrigoni municipale.

‘Ricominciamo a lavorare’

Sonia Colombo-Regazzoni tiene a ribadire che «la mia candidatura non era legata al voler ‘portare via tutto’ come Plr. Mi sono messa a disposizione alla base del mio risultato personale e per il sostegno, che so di avere, da parte della popolazione: era giusto che i cittadini sapessero che ero pronta ad assumere questo ruolo». La municipale Plr non si sente tradita dal suo partito («che posso solo ringraziare») e, archiviata questa parentesi, auspica di «ricominciare a lavorare, che è quello che mi interessa», conclude Sonia Colombo-Regazzoni.

Cambia solo l'Economia

Nella sua prima seduta ufficiale della legislatura 2021-2024, il Municipio di Chiasso ha attribuito anche i dicasteri, senza particolari rimpasti. L'unico cambiamento riguarda l'Economia, nell'ultima legislatura nelle mani di Roberta Pantani e ora passato sotto la responsabilità del sindaco. «Ci stavamo riflettendo da tempo – commenta la municipale Lega-Udc e vicesindaco uscente («mi sono rimessa a disposizione perché la seconda forza politica aveva l'esperienza per continuare con il mandato») –. L'Economia staccata dalle Finanze non ha tanto senso, per cui abbiamo preferito unire i due settori. Rimarrò comunque la rappresentante del Municipio nell'Ente regionale di sviluppo (Ers)». L'obiettivo di Pantani era quello di «mantenere la Socialità, dicastero che peraltro nessuno ha rivendicato, visto anche l'importanza che il settore avrà in futuro». Nel dettaglio, il sindaco Bruno Arrigoni si occuperà di Istituzioni, Finanze, Relazioni istituzionali-Economia e Azienda comunale Acqua. Il vicesindaco Davide Dosi sarà responsabile dei dicasteri Educazione e Attività culturali; Sonia Colombo-Regazzoni di Territorio e Sicurezza pubblica; Roberta Pantani di Socialità e Davide Lurati di Pianificazione, trasporti pubblici e ambiente e Sport e Tempo libero.

‘La fascia di capitano’

A inizio pomeriggio si è tenuta la proclamazione del sindaco Bruno Arrigoni. Maurizio Cattaneo, Giudice di Pace el Circolo di Balerna, gli ha consegnato le credenziali e, di fatto, «la fascia di capitano di una squadra che ha portato a termine un buon campionato. Qui non si tratta di vincere punti o coppe, ma la fiducia della popolazione dell'opinione pubblica». Per Cattaneo, «Bruno rispecchia bene l'immagine di Chiasso: è una persona attenta, sensibile, responsabile, disponibile e alla mano. Non posso che essere contento di consegnargli la fascia di capitano per questa nuova stagione, forse più dura della precedente, ma da portare avanti con una squadra già ben rodata».

Leggi anche:

Chiasso, il vicesindaco è Davide Dosi

Vicesindaco di Chiasso, spunta l'ipotesi Ppd

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Lavori forestali, nelle selve degli appalti
Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
1 ora
Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’
Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
7 ore
Lugano, Lalia non slega il legislativo
I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
7 ore
Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione
Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
9 ore
Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera
Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
9 ore
In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta
Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
10 ore
Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi
Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
10 ore
AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna
Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
10 ore
Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas
Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Bellinzonese
11 ore
Ex sindaco condannato per impiego di stranieri senza permesso
Pena pecuniaria sospesa per un 68enne, già alla guida di un Municipio leventinese, reo di aver ingaggiato un cittadino serbo non autorizzato a lavorare
© Regiopress, All rights reserved