laRegione
media-britannici-boris-johnson-si-dimettera-oggi
Keystone
07.07.22 - 10:36
Aggiornamento: 15:41
Ats, a cura di Red.Web

Media britannici: ‘Boris Johnson si dimetterà oggi’

Anche il neocancelliere Zahawi sollecita ‘BoJo’ a ritirarsi. Secondo la Bbc il nuovo primo ministro dovrebbe entrare in carica in autunno

Con le dimissioni, una dopo l’altra, di vari ministri britannici, il governo di Boris Johnson è ormai disgregato. Secondo i media britannici il premier ha ceduto ed è pronto ad annunciare le sue dimissioni oggi. La Bbc precisa che un nuovo primo ministro dovrebbe entrare in carica "in autunno". Boris Johnson parlerà alla nazione in giornata. Dovrebbe essere entro le 12 locali, le 13 in Svizzera.

‘BoJo’ rimarrebbe però primo ministro ancora per un po’, riferisce Chris Mason, political editor della Bbc. Le elezioni interne per la scelta di un nuovo leader Tory verrebbero infatti convocate durante l’estate, con l’idea che il vincitore o la vincitrice possa essere annunciata nelle prossime settimane e – automaticamente – subentrare poi a Johnson anche alla guida del governo britannico "in autunno".

Anche il neocancelliere sollecita Johnson a dimettersi

Il neocancelliere dello Scacchiere britannico, Nadhim Zahawi, nominato da Boris Johnson appena due giorni fa, ha unito oggi la sua voce a quelle di chi chiede al primo ministro Tory di lasciare, sullo sfondo dei contraccolpi dello scandalo Pincher e mentre continuano le dimissioni dal suo governo.

Un’emorragia di ministri

L’ultimo abbandono è stato appena annunciato dalla ministra dell’Istruzione, Michelle Donelan, pure designata solo martedì. Johnson deve "fare la cosa giusta e dimettersi adesso", a questo punto, ha detto Zahawi, commentando il rifiuto opposto ancora ieri sera dal primo ministro a farsi da parte.

La rottura dei ranghi dei due ministri di fresca nomina rende la situazione di Johnson e il suo tentativo di resistere di fronte alla rivolta montante, "quasi impossibile da difficile che era", commenta la Bbc. Specialmente quella da parte di Zahawi, a cui il premier aveva affidato la politica economica e la responsabilità di presentare provvedimenti destinati a cercare di consolidare il consenso dei suoi sostenitori residui e degli incerti nel gruppo di maggioranza in Parlamento.

Circa 50 abbandoni in meno di tre giorni

Altri 5 fra viceministri e sottosegretari si sono dimessi solo da stamattina, portando il totale delle defezioni dal governo a circa 50 fra posizioni senior e junior in meno di tre giorni. Mentre pure la attorney general, Suella Braverman, ha sollecitato ieri sera le dimissioni di BoJo come l’unica via d’uscita a questo punto, anticipando fin d’ora di volersi unire alla schiera degli aspiranti candidati alla sua successione come leader Tory (e quindi premier).

Sia Zahawi sia Donelan hanno detto oggi di avere il cuore spezzato, dopo che ancora ieri il premier aveva rigettato il loro consiglio a "dimettersi con dignità" spontaneamente, vista la situazione.

Leggi anche:

Anche i ministri ancora fedeli chiedono a Johnson di lasciare

Dopo gli scandali, Johnson nomina due nuovi ministri

Proseguono le defezioni nel governo di Boris Johnson

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
boris johnson primo ministro britannico regno unito
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
11 min
Trump non risponderà alle domande del procuratore di New York
L’ex presidente invoca il quinto emendamento che consente di non testimoniare contro se stessi nell’indagine fiscale ed evoca la caccia alle streghe
Estero
2 ore
Criptovalute: insolvenza della Nft, clienti pure in Svizzera
Migliaia di risparmiatori temono di essere stati truffati. Il denaro sarebbe infatti bloccato.
Estero
5 ore
Gli italiani troppo esigenti: Domino’s Pizza lascia il Belpaese
La catena americana chiude i negozi in Italia ufficialmente per le conseguenze della pandemia. Secondo il Ft non è riuscita a far breccia nella clientela
Estero
5 ore
Morto il beluga che si era smarrito nella Senna
Il cetaceo è stato sottoposto a eutanasia durante il trasferimento. L’esemplare era malato e non riusciva a nutrirsi.
Estero
5 ore
Berlusconi si candida al ritorno in Parlamento dopo la decadenza
Il leader di Forza Italia ha annunciato di volersi candidare al Senato, da cui era stato dichiarato decaduto nel 2013 dopo la condanna per frode fiscale
Estero
5 ore
Naufragio in Grecia, decine di migranti dispersi
Finora sono state tratte in salvo 29 persone. Continuano le ricerche. L’imbarcazione è affondata al largo dell’isola di Karpathos.
Estero
7 ore
Parigi, armato di coltello all’aeroporto: ucciso dalla polizia
È successo questa mattina allo scalo di Charles de Gaulle.
L’approfondimento
7 ore
‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’
Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale
Estero
7 ore
Beluga nella Senna: riuscita la prima parte della liberazione
L’obiettivo è quello di riportarlo in mare. L’esemplare è stato sollevato e messo su una chiatta, dove è stato curato da una dozzina di veterinari.
il reportage
11 ore
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
© Regiopress, All rights reserved