laRegione
04.06.21 - 19:23

Ripresa e lavoro, disoccupazione prevista sotto il 3%

È quanto immaginano gli economisti di Raiffeisen. Immutate le previsioni di crescita dell’economia svizzera del 2,8% quest’anno e del 2,5% il prossimo

Ats, a cura de laRegione
ripresa-e-lavoro-disoccupazione-prevista-sotto-il-3
Ti-Press

San Gallo – La disoccupazione è destinata a calare in Svizzera: lo prevedono gli economisti di Raiffeisen, che pronosticano un tasso dei senza lavoro del 2,9% quest'anno, a fronte del 3,2% registrato nel 2020. Per il 2022 il dato scenderà ancora più marcatamente, al 2,5%.

Già dalla fine dello scorso anno la disoccupazione ha evidenziato una tangibile tendenza al calo, affermano gli analisti della banca con sede a San Gallo in un comunicato odierno. La temuta impennata differita del numero dei senza lavoro non si sta evidentemente concretizzando e nei prossimi mesi le aziende intendono tornare a creare un maggior numero di impieghi, oltre tutto su scala più ampia. Anche i dati sul lavoro ridotto stanno arretrando.

Nella seconda ondata della pandemia le limitazioni per l'economia sono state meno incisive di quanto successo nella primavera 2020 e le imprese si sono trovate meglio preparate a farvi fronte: la contrazione del prodotto interno lordo (Pil) registrata nel primo trimestre (-0,5%) è quindi stata esigua.

Quella può inoltre essere considerata un'istantanea del passato: nel frattempo l'economia è tornata a imboccare un solido trend di crescita, si dicono convinti gli economisti dell'istituto. Poiché in Svizzera la ripresa appare comparativamente in fase molto avanzata in importanti settori e la flessione non è stata così accentuata come nella maggior parte dei paesi confinanti il potenziale di recupero dovrebbe comunque essere minore, anche a causa del ritorno di fiamma del turismo degli acquisti e delle vacanze all'estero. Gli specialisti di Raiffeisen non vedono pertanto la necessità di adeguare le loro stime di crescita del Pil, che rimangono al +2,8% per quest'anno e al +2,5% per i dodici mesi successi, cioè lo stesso di quanto pronosticato il 5 marzo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Economia
Economia
2 gior
Per Ubs il 2022 si chiude con il segno positivo
Nel quarto trimestre la banca ha registrato un utile di 1,65 miliardi, per un totale complessivo di 7,63 sull’arco dell’intero anno
Economia
1 sett
Banca Migros supera il milione di clienti
La clientela nel 2022 registra un +27% rispetto all’anno precedente, sulla scia dell’introduzione della nuova carta di credito Cumulus
Economia
1 sett
Credit Suisse prevede un’inflazione più alta
La banca scommette su un rincaro 2023 che dovrebbe raggiungere l’1,7%, oltre a un aumento pari a 1,75% anche per i tassi della Banca nazionale svizzera
Economia
1 sett
Blocchi regionali e protezionismo contro le economie emergenti
I Paesi Non Allineati Nuovi (Nan) temono che la loro crescita venga ostacolata dai muri commerciali eretti da Stati Uniti, Europa e Cina
Economia
1 sett
E all’improvviso nulla più turba le Borse
Inflazione, tassi d’interessi più elevati, rallentamento cinese, timori di recessione: in Europa e negli Usa l’ottimismo si diffonde, nonostante tutto
Economia
2 sett
Lufthansa vuole comprare una quota di Ita Airways
È l’unica offerta arrivata al Governo italiano, tedeschi pronti a rilevare l’intera compagnia aerea
Economia
2 sett
Importante cessione nel settore chimico
Sika, gruppo attivo nelle specialità chimiche, ha deciso di vendere una parte dell’ex filiale del colosso tedesco Basf
Speciale Economia
2 sett
La deglobalizzazione non è la strada giusta
Economia
3 sett
Il franco si indebolisce sull’euro: moneta europea sopra 1,00
È la prima volta dall’inizio di luglio 2022 che l’euro torna sopra la parità
Economia
3 sett
Pry-Cam Home, la nuova frontiera di Prysmian
Il colosso mondiale della produzione di cavi ad alta tecnologia entra nelle case con una tecnologia che monitora la rete elettrica domestica
© Regiopress, All rights reserved